Espandi menu
cerca
The Land of Hope

Regia di Shion Sono vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Corinzio

Corinzio

Iscritto dal 13 gennaio 2015 Vai al suo profilo
  • Seguaci 21
  • Post -
  • Recensioni 311
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su The Land of Hope

di Corinzio
9 stelle

Se in Himizu gli echi del disastro di Fukushima facevano sentire la loro presenza, In Land of hope Sion Sono va ben oltre. Ricostruisce in maniera fittizia la tragedia stessa mutuandola fin dal nome immaginario della città di Nagashima, sorta di acronimo fra Nagasaki-Hiroshima-Fukushima, dove la l'armonia del territorio e dei suoi abitanti viene sconvolto dallo tsunami che indirettamente causa il disastro della centrale nucleare.

Lo stile di Sono non si limita soltanto ad una semplice cronologia degli avvenimenti, bensì mostra con sguardo amaro lo sfaldamento dell'intero tessuto sociale. La tragicità degli avvenimenti non impedisce comunque al regista di usare la sua cifra stilistica in cui il tragico si mescola al surreale (la barriera che delimita la sicurezza dalle radiazioni) ed al grottesco (la paranoia di Izumi nei confronti delle radiazioni).

Locandina internazionale

The Land of Hope (2012): Locandina internazionale

La solarita della fotografia delle sequenze iniziali virano gradualmente verso toni più cupi come l'avanzare delle radiazioni, che agendo come un vero cancro incurabile, opera al tempo stesso barriere reali e fittizie, favorita dall'inefficienza e indifferenza di un governo che minimizza il disastro ed invita ipocritamente a sorridere per il futuro e preoccuparsi solo di mangiare, produrre e consumare.

In misura maggiore rispetto ad Himizu, Sono con questa pellicola attacca in maniera frontale la politica di un intero paese, mostrando e girando il film nei luoghi del disastro ridotti ad un cumulo di macerie e paesi fantasma dove la speranza non esiste più. Ottimo il lavoro di tutto il cast, altro fiore all'occhiello di questa pellicola, ma la prestazione di Natsuyagi Isao nei panni del vecchio Ono è da spellarsi le mani dagli applausi. Secondo me uno dei migliori film di questo regista.

scena

The Land of Hope (2012): scena

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati