Espandi menu
cerca

Un insolito naufrago nell'inquieto mare d'Oriente

play

Regia di Sylvain Estibal

Con Sasson Gabai, Baya Belal, Myriam Tekaïa, Gassan Abbas, Khalifa Natour, Lotfi Abdelli, Ulrich Tukur, Khaled Riani, Uri Gabay... Vedi cast completo

Guardalo su
  • iTunes
  • iTunes
  • Google Play
  • Google Play
In STREAMING

Trama

Jafaar, un pescatore palestinese, non crede ai suoi occhi quando ritrova incagliato nella sua rete un maiale vietnamita. Prima che le autorità se ne accorgano, deve necessariamente liberarsi dell'animale, impuro per la propria religione, ma non resiste alla tentazione di sfruttare l'opportunità presentatasi per guadagnare qualche soldo facile, tentandone la vendita. Dopo che un funzionario delle Nazioni Unite rifiuta di comprarlo, a Jafaar balza in mente l'idea di sfruttare le capacità riproduttive del nuovo e insolito amico, portandolo nei posti più impensabili e cercando di camuffarlo per non destare l'attenzione.

Approfondimento

UN INSOLITO NAUFRAGO NELL'INQUIETO MARE D'ORIENTE: FANTASIA E REALTÀ CONTRO IL CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE

Scritto e diretto da Sylvain Estibal, Un insolito naufrago nell'inquieto mare d'Oriente racconta la storia di Jafaar, un povero pescatore di Gaza, che una mattina - dopo una tempesta - ritrova impigliato nella sua rete un maiale vietnamita, animale considerato impuro dall'Islam. Intenzionato a liberarsi quanto prima dell'animale, Jafaar è portato dalle circostanze a tentar di guadagnare qualche soldo sfruttando le capacità riproduttive del maiale e portandolo nei luoghi più inaspettati. Uruguayano di origine, Estibal ha attinto ai propri ricordi e agli aneddoti raccontati da un amico per unire fantasia e realtà e dare corpo a un racconto che mette in luce le difficoltà che si vivono nella striscia di Gaza.Nato in seguito a un lavoro da fotografo realizzato nel 2004 a Hebron da Estibal, Un insolito naufrago nell'inquieto mare d'Oriente prende una prima forma nel momento in cui il regista ha donato due telecamere a due famiglie, una palestinese e l'altra israeliana, che vivevano a pochi metri di distanza con il compito di riprendere la loro vita quotidiana. Dopo un anno di osservazione, ognuna delle due famiglie ha visto le immagini riprese dall'altro nucleo, scoprendo quanto simili fossero le loro esistenze nonostante le differenze di cultura e religione.

SENZA ALCUNA DIVISIONE

Ispirato per molti versi al cinema di Charles Chaplin (e in particolare a Il grande dittatore), Un insolito naufrago nell'inquieto mare d'Oriente può essere descritto come un umoristico grido di rabbia, che mette in evidenza il desiderio di cambiare la situazione in cui versano gli abitanti della striscia di Gaza e di infondere in loro il desiderio di una ribellione non violenta contro la politica che decide delle sorti di tutti. Nel film, israeliani e palestinesi sono uniti dal loro comune rifiuto del maiale, che (in maniera divertente) finisce invece per unirli, creando un legame indissolubile tra le due comunità. Senza schierarsi per nessuna delle due parti e senza alcuno stereotipo, Un insolito naufrago nell'inquieto mare d'Oriente è soprattutto un'opera contro l'assurdità del conflitto israelo-palestinese e a favore della dignità umana.
Protagonisti principali di Un insolito naufrago nell'inquieto mare d'Oriente sono gli attori Sasson Gabai (israeliano di origini irachene, che interpreta il palestinese Jafaar) e Myriam Tekaïa (collaboratrice artistica di Estibal di origini tunisine, interpreta Yelena, una donna indipendente ed onesta che vive in una colonia ebrea ai margini della società e che alleva maiali per ragioni di sicurezza), e Charlotte, una femmina di maiale vietnamita di due anni e mezzo.

Note

Con palpabile divertimento ma altrettanta voglia di affrancarsi dal cliché, l’esordio di Estibal è un oggetto filmico capace di infilare Miss Piggy pinup nel conflitto israelo-palestinese senza deragliare nella demenza improduttiva, e di trasformare il mite volto stropicciato del protagonista Sasson Gabai (superbo nel suo umano dissidio) nello specchio delle contraddizioni geopolitiche, religiose, sociali, umane.

Trailer

Commenti (2) vedi tutti

  • Un grazioso film sui problemi mediorientali, dal titolo Le cochon de Gaza, diventa, per qualche strana pensata made in Italy, “Un insolito naufrago nell’inquieto mare d’oriente”. Quando si dice creatività!

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Un intelligente divertissement condito con una dose massiccia di satira sociale che si spinge fino all’estremismo religioso e che sfrutta magistralmente il gustoso paradosso di partenza per costruirci sopra una commedia che utilizza i classici stilemi ben rodati degli inganni, dei sotterfugi, delle deliberate finzioni (equivoci compresi).

    leggi la recensione completa di spopola
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

spopola di spopola
7 stelle

Fra tutte le dimenticabili ciofeche che sono state sdoganate negli ultimi due mesi per la programmazione in sala di una stagione ormai agonizzante, ci sono state comunque anche interessanti, godibilissime proposte spesso recuperate dal passato prossimo (i fondi di magazzino di un cinema di qualità residuale buttato comunque allo sbaraglio e senza molta convinzione, e come tale, già… leggi tutto

5 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
6 stelle

In un Mediterraneo sbarrato come una piscina, che offre all’amo ruderi di caffettiere e ciabatte spaiate, il pacifico perdente Jafaar continua a gettar le reti finché raccoglie un carico incredibile: un maiale vivace e pacioso, restituito dalle acque come il proverbiale dono dal cielo, o contestualmente la maledizione divina. L’animale spurio è una minaccia per la comunità o una soluzione… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2022
2022

Recensione

laulilla di laulilla
7 stelle

  In realtà, le cochon, cioè il porcellino in questione, non è un insolito naufrago, ma è l’oggetto di un’insolita pescata del povero Jafaar (Sasson Gabai), sfortunato palestinese costretto non solo a vivere in un limitatissimo spazio nella striscia di Gaza – lungo il muro di separazione dallo stato di Israele –…

leggi tutto
2020
2020
Trasmesso il 16 marzo 2020 su Rsi La1
2018
2018
Trasmesso il 28 maggio 2018 su Rsi La1
2015
2015

E tu, film, come ti chiami?

MarioC di MarioC

Il titolo di un film è come la nostra carta d'identità: passe-partout per l'eternità (vantaggio che un film, rispetto a noi umani, possiede, un po' beffardamente), stigma inconfondibile,…

leggi tutto

Un dialogo (im)possibile?

Tex61 di Tex61

L'ultimo docu-film di A. Gitai su Rabin (che non ho visto ma che ho seguito nelle recensioni) mi da lo spunto per proporre questa playlist sulle pellicole che hanno riguardato questa parte di mondo senza pace. Non…

leggi tutto
2014
2014

Recensione

squass di squass
7 stelle

Difficile trovare capolavori in una sala cinematografica in agosto; però può succedere di trovare comunque qualcosa di buono. Ed è il caso di questo film che, a parte il titolo italiano che gli è stato appioppato, risulta abbastanza interessante. Ho usato il termine "interessante" perchè, sebbene voglia essere umoristico, non l'ho trovato davvero divertente:…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

billykwan di billykwan
8 stelle

Un maiale ci salverà. Questo l’assunto del film di Estibal. Lo scrittore uruguayano esordisce dietro la macchina da presa con una commedia brillante e amara, che strappa sorrisi e induce in più d’una riflessione.  Il conflitto arabo israeliano visto dal basso, attraverso gli occhi di Jafaar, un umile pescatore palestinese. Il soldati israeliani sono di stanza sul…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

spopola di spopola
7 stelle

Fra tutte le dimenticabili ciofeche che sono state sdoganate negli ultimi due mesi per la programmazione in sala di una stagione ormai agonizzante, ci sono state comunque anche interessanti, godibilissime proposte spesso recuperate dal passato prossimo (i fondi di magazzino di un cinema di qualità residuale buttato comunque allo sbaraglio e senza molta convinzione, e come tale, già…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 16 giugno 2014

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
6 stelle

In un Mediterraneo sbarrato come una piscina, che offre all’amo ruderi di caffettiere e ciabatte spaiate, il pacifico perdente Jafaar continua a gettar le reti finché raccoglie un carico incredibile: un maiale vivace e pacioso, restituito dalle acque come il proverbiale dono dal cielo, o contestualmente la maledizione divina. L’animale spurio è una minaccia per la comunità o una soluzione…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
locandina
Foto
2012
2012

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

La carne suina non è halal per i musulmani e non è kosher per gli ebrei, eppure nel mare di Gaza viene ritrovato un maiale vivo. L’animale rimane nella rete di Jafar, un povero pescatore palestinese sommerso dai debiti, che abita con la moglie in una casa requisita dall’esercito israeliano, ed il cui piano superiore è stato adibito a stazione di avvistamento. È l’inizio di una storia…

leggi tutto
2011
2011
UN INSOLITO NAUFRAGO NELL'INQUIETO MARE D'ORIENTE: FANTASIA E REALTÀ CONTRO IL CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE

UN INSOLITO NAUFRAGO NELL'INQUIETO MARE D'ORIENTE: FANTASIA E REALTÀ CONTRO IL CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE

UN INSOLITO NAUFRAGO NELL'INQUIETO MARE D'ORIENTE: FANTASIA E REALTÀ CONTRO IL CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE Scritto e diretto da Sylvain Estibal, Un insolito naufrago nell'inquieto mare d'Oriente racconta la storia di Jafaar, un povero pescatore di Gaza, che una mattina - dopo una tempesta - ritrova impigliato nella sua rete un maiale vietnamita, animale considerato impuro dall'Islam. Intenzionato a liberarsi quanto prima dell'animale, Jafaar è portato dalle circostanze a tentar di guadagnare qualche soldo sfruttando le capacità riproduttive del maiale e portandolo nei luoghi più... segue

Extra
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito