Espandi menu
cerca
Il Cavaliere Oscuro - Il ritorno

Regia di Christopher Nolan vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Lord Holy

Lord Holy

Iscritto dal 21 febbraio 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 37
  • Post -
  • Recensioni 505
  • Playlist 2
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il Cavaliere Oscuro - Il ritorno

di Lord Holy
10 stelle

Ultimo capitolo della trilogia sull'Uomo Pipistrello firmata da Christopher Nolan, preceduto da Batman Begins (2005) e da Il Cavaliere Oscuro (2008). Ne sconsiglio ovviamente la visione a chi si fosse perso gli altri due, poiché la narrazione è intrecciata e si presuppone la conoscenza degli eventi già narrati. Sarebbe come leggere un libro iniziando in prossimità della conclusione, scelta dal doppio effetto negativo di rovinare la trama antecedente e d'impedire di coglierne un qualsivoglia successivo riferimento, oltre a pregiudicare facilmente qualunque tentativo di vera comprensione. Quindi non vi è ragione per non rispettare l'ordine cronologico.

Premesso questo, senza ulteriori esitazioni anticipo subito che il film mi ha soddisfatto pienamente, nonostante le elevate aspettative. Per me rimane e si conferma precisamente in linea con i suoi due precursori, con i quali intesse uno squisito intreccio di riferimenti, chiudendo ogni porta lasciata eventualmente aperta, pure e soprattutto quelle che si credevano (ingenuamente) già suggellate. Lo sguardo realistico che caratterizza la saga viene preservato, pur con le inevitabili licenze dovute a qualche citazione di eventi e situazioni che comunque appartengono al mondo dei fumetti.

La storia non è affatto banale, pretestuosa e anzi si guadagna l'essere stata raccontata. Ha un buon assortimento di argomenti e significati, che offrono la possibilità di essere colti, per chi lo desiderasse e in seguito intendesse rifletterci. L'intensità drammatica è in un crescendo costante, che avvolge, avvince e non lascia scampo. Si viene letteralmente travolti dalla maestosità della narrazione, fino al sopraggiungere del meraviglioso finale. Davvero non avrei saputo immaginarne uno migliore, anche se è sostanzialmente come speravo che fosse.

Molti dei personaggi riescono a bucare lo schermo. Logicamente Bruce Wayne alias Batman (Christian Bale) è il primo ad esserlo, nonostante il tempo su schermo che gli è concesso (credo) non sia mai stato così limitato. Sempre della vecchia guardia (vi saranno pure un paio di sorprese, ritorni, camei), il Commissario James Gordon (Gary Oldman) si mantiene bene o male nei suoi standard, mentre mi è sembrato che Alfred Pennyworth (Michael Caine) e Lucius Fox (Morgan Freeman) siano stati un po' sacrificati, in una sorte simile al protagonista. La ragione credo sia da imputare allo spazio dedicato alle tre più importanti novità (la Miranda Tate di Marion Cotillard è, purtroppo, accessoria nel conquistare l'interesse):

* Bane (Tom Hardy) è in assoluto l'antagonista con maggior presenza scenica. Non ha il medesimo carisma del Joker, ma tale "difetto" è compensato dal minuzioso lavoro di squadra con i suoi uomini. La guerriglia urbana causata da questi terroristi occuperà gran parte del film.

* Selina Kyle (Anne Hathaway) risolve finalmente quello che a mio giudizio era sempre stato un problema nei capitoli precedenti, ovvero una degna figura femminile. Catwoman ha tutto, perché è simpatica, attraente ed è incarnata in maniera impeccabile da un'attrice che si è dimostrata capace di non far rimpiangere affatto la versione di Michelle Pfeiffer. Tenta un suo approccio diverso, personale ed ha successo su tutti i fronti. Se non è la migliore tra gli interpreti qui presenti, è in ogni caso alquanto vicina ad esserlo.

* R.J. Blake (Joseph Gordon-Levitt) non si discosta molto dall'Arthur di Inception, ruolo ricoperto dal medesimo attore che gli presta il volto, in quanto è un giovane agente di polizia leale, onesto, idealista, determinato e pronto a tutto affinché l'ingiustizia abbia fine.

In conclusione, sono d'accordo con quanti hanno consacrato questi di Christopher Nolan fra i migliori film basati su supereroi, anche se non non so quanto sarebbe corretto ascriverli in quel genere... saggia è pertanto la scelta d'aver classificato altrimenti quest'ultimo capitolo. Definirlo d'azione è magari un po' un ripiego, ma è sempre meglio di niente.

Sulla trama

Sono trascorsi otto anni da quando Batman svanì nella notte, tramutandosi in quell'istante da eroe a latitante. Il Cavaliere Oscuro sacrificò tutto quanto, per ciò che lui e il Commissario Gordon speravano fosse un bene superiore. Per un po' di tempo la strategia funzionò, in quanto l'attività criminale a Gotham City fu oppressa dal peso del Dent Act, una legge anti-crimine. Ma tutto cambierà all'arrivo di un'astuta ladra, con uno strano piano in mente. Molto più pericoloso, comunque, sarà Bane, un terrorista mascherato i cui spietati piani per Gotham imporranno a Bruce l'uscita dal suo esilio auto-imposto. Ma anche indossando di nuovo il mantello e il cappuccio, Batman potrebbe non essere abbastanza forte per fermarlo.

Sulla colonna sonora

Purtroppo niente più James Newton Howard, ma solo Hans Zimmer. L'esito è comunque di tutto rispetto, con sonorità imponenti, dal carattere forte, accenni ai temi associati a ciascun personaggio principale e qualche tonalità drammatica a conferire profondità emotiva ai frangenti più opportuni. Musiche degne di chiudere il ciclo.

Cosa cambierei

Forse solo una frazione centrale più breve, quantunque non sia necessario accorciarla più di tanto.

Su Christopher Nolan

Trova la giusta forma, ma soprattutto la ricchezza di contenuto, per concludere magistralmente questo viaggio, senza mai rinunciare al suo approccio realistico, sempre attento all'essenza, alla solennità e alla cura del dettaglio.

Su Christian Bale

Intenso e impegnato, dimostra di essere una degna incarnazione di Bruce Wayne (e parimenti di Batman, ovvio).

Su Anne Hathaway

Selina Kyle / Catwoman è senza dubbio la novità più dirompente e meglio riuscita. Ottima, deliziosa, perfetta.

Su Joseph Gordon-Levitt

L'intraprendente giovane agente di polizia R.J. Blake. Si destreggia bene, bisogna riconoscerlo.

Su Tom Hardy

Si è calato in maniera impeccabile nella parte, non facile, del terrorista Bane.

Su Gary Oldman

Ad ogni film questo Commissario James Gordon riesce a convincermi sempre di più. Bravo.

Su Marion Cotillard

Interpreta Miranda Tate con discreta abilità, ma non è mai veramente incisiva.

Su Morgan Freeman

Ruolo ridimensionato, ma sempre gradito, è quello del suo armaiolo Lucius Fox.

Su Juno Temple

Jen, la ragazza dei sobborghi di Gotham, amica e complice di Selina Kyle.

Su Michael Caine

Stavolta esalta la serietà e l'inquietudine di un Alfred Pennyworth eletto a figura paterna, non più sorniona.

Su Liam Neeson

Torna, in una fugace apparizione, nella parte di Ra's al Ghul, il capo della Setta delle Ombre.

Su Cillian Murphy

Breve e grottesco cameo, è ancora il Dott. Jonathan Crane.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati