Espandi menu
cerca
The Pit, the Pendulum and Hope

Regia di Jan Svankmajer vedi scheda film

Recensioni

L'autore

OGM

OGM

Iscritto dal 7 maggio 2008 Vai al suo profilo
  • Seguaci 196
  • Post 123
  • Recensioni 3117
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su The Pit, the Pendulum and Hope

di OGM
10 stelle

Questo straordinario cortometraggio nasce dalla mirabile fusione di due racconti, che riesce a raccordare rendendo fedelmente il contenuto di entrambi: si tratta del famoso “Il pozzo e il pendolo” di Edgar Allan Poe e dello sconosciuto “La Torture par l’Espérance” dello scrittore francese Auguste de Villiers de l’Isle-Adam (1838-1889). Ambedue le storie hanno per protagonista un uomo prigioniero in un sotterraneo, dove egli viene sottoposto a sevizie psicofisiche dall’Inquisizione spagnola. Alla prima parte, ambientata nella ormai nota cella circolare attraversata da una voragine e sovrastata da una mannaia oscillante, Svankmajer accoda una seconda parte che vede l’uomo fuggire attraverso corridoi bui, fino a che non intravvede una possibile via di scampo. Questa è la fase della speranza, che si concluderà, come nell’opera di de Villiers, con la rivelazione che ne spiegherà l’accostamento con la tortura. Il finale, purtroppo, è indecifrabile a chi non abbia a disposizione la fonte da cui è stato tratto, la sola in grado di illustrare il significato di quell’ultima frase pronunciata dal monaco che accoglie il fuggitivo all’uscita dal cunicolo: Eh quoi, mon enfant! A la veille, peut-être, du salut… vous vouliez donc nous quitter?  (Ma come, figlio mio! Proprio alla vigilia, forse, della tua salvezzaci volevi  dunque abbandonare?). Quella figura, il cui volto è nascosto dal cappuccio, è in realtà il Grande Inquisitore in persona, che aveva volutamente offerto all’uomo l’occasione di scappare, per far seguire, all’ansiosa aspettativa di libertà, il duro colpo della disillusione. Un supplizio crudele e ben architettato, inflitto al peccatore, alla vigilia della sua probabile morte, come parte del suo percorso di redenzione.
Non è facile riconoscere lo stile di Svankmajer in questo bianco e nero tenebroso, in cui la figura umana occupa una posizione del tutto secondaria (del protagonista si vedono solo le mani e i piedi) senza che essa venga adeguatamente sostituita dagli oggetti in movimento. È certo atipica la scarsità di azione e di animazioni, ma questa scelta minimalista non è affatto incoerente con la sua poetica.  Si può osservare, infatti che, nella filmografia di questo autore, se la centralità della persona interviene laddove il tema principale sono le sue passioni, i suoi istinti ed i suoi dolori,  la sua marginalità indica inequivocabilmente che il discorso verte sulla sua morte, passata o incombente. Il pensiero, a questo proposito, corre a The Fall of the House of Usher e The Ossuary, altre due opere in bianco e nero, in cui l’essere umano è totalmente fuori dalla scena, eppure è presente, nelle inquadrature, sottoforma di spettro. È ammirevole il modo in cui questa visione, apparentemente contigua all’astrattismo geometrico di opere come A Game of Stones oppure Johann Sebastian Bach: Fantasia G-moll, riesca, in questo film, a fondersi armoniosamente con l’anima profondamente umana della letteratura.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati