Espandi menu
cerca
Le Idi di Marzo

Regia di George Clooney vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Enrique

Enrique

Iscritto dal 4 febbraio 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 65
  • Post 3
  • Recensioni 652
  • Playlist 5
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Le Idi di Marzo

di Enrique
8 stelle

Non solo (ovviamente) i palcoscenici teatrali e le vetrine tele-mediatiche, ma anche le sedi dei comitati elettorali e (che delusione!) i fatidici “camper” elettorali (di cui, da qualche anno a questa parte, ne sappiamo qualcosa anche noi italiani, visto l’uso che sempre più spesso se ne fa in prossimità delle elezioni) appaiono immuni - in Le idi di marzo - alle contaminazioni del potere… le quali, nondimeno, trovano comunque ospitalità (e così sarà sempre) nei luoghi dove le vecchie abitudini sono dure a morire. Bar; hall degli alberghi, camere d’alberghi…

http://static.guim.co.uk/sys-images/Admin/BkFill/Default_image_group/2011/10/26/1319649801152/Paul-Giamatti-and-Ryan-Go-007.jpg

Perché ci sarà sempre un posto adatto per affrontare certe questioni spinose…

Perché nel DNA della politica (qualunque politica, anche quella per la quale si parteggia, ammette Clooney) si legge la parola “compromesso”.

 

Il compromesso, dunque. Ovvero: un’arte? Un mero negoziato? Una necessità forse? Addirittura un imbroglio o un ricatto? Finanche (in ultimo ce lo ricorda anche il titolo) uno scambio di coltellate reciproche? Di sicuro, ciò che nella vita di tutti i giorni appare un accordo più o meno al ribasso allo scopo di soddisfare i più, in politica acquista mille nomi: spesso poco lusinghieri; molti gli ignobili, ma non tutti così nefasti: non per tutti, almeno.

http://static.rbcasting.com/george-clooney-ryan-gosling-le-idi-di-marzo-210235.jpg

Ecco perché gli ideali di Stephen Meyers/Gosling (non immacolati, ma animati da un’encomiabile sincera adesione) sono destinato a consumarsi in fretta. Tanto in politica quanto nella vita, si può davvero vivere di soli ideali? E, una volta che si accetti il sacrificio di taluni di essi in nome di un compromesso inevitabile, esiste un modo di arrestare una loro “emorragia”?

Gosling - dopo aver mangiato la polvere ed essere riuscito a rimettersi miracolosamente in piedi (ma conscio delle sfide che ancora lo attendono) - guarda dritto la cinepresa di fronte a sé. Guarda tutti noi negli occhi e ci trasmette telepaticamente le risposte.

 

P.S. Chissà quanto dello spietatissimo cinismo che contraddistingue le prime linee di consiglieri politici americani contraddistingue anche quelli nostrani. Io una puntatina la farei…

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati