Espandi menu
cerca
Midnight in Paris

Regia di Woody Allen vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Baliverna

Baliverna

Iscritto dal 10 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 104
  • Post 4
  • Recensioni 2114
  • Playlist 26
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Midnight in Paris

di Baliverna
8 stelle

Un salto indietro nel tempo, anche per il talento languente di Woody Allen.

A me è proprio piaciuto. Allen abbandona il cinismo caustico degli ultimi anni per passare a un certo umorismo e a un pacato pessimismo sulla vita, addolcito il più possibile dai soliti piccoli stratagemmi per non essere troppo tristi.
Quanto alle ripetizioni, credo vi siano i casi in cui ritrovare personaggi e situazioni noti per i film di un certo regista è non solo tollerabile ma piacevole, come vedere sempre le stesse comparse e le stesse mosse nelle risse di Bud Spencer e Terence Hill. La pellicola è uno di questi casi. Pertanto, mi è piaciuto molto rivedere la coppia un po' nevrotica dove lei mette i piedi in testa a lui; dove i genitori di lei sono repubblicani e antipatici; dove si parla molto e si fa poco all'amore; dove lei ha una tresca con un bellimbusto pieno di arie ma affascinante per le donne (che umilia regolarmente lui); dove lui è nervoso e impacciato... Insomma, il mondo familiare e sentimentale del regista newyorkese. Mi è piaciuto ritrovare tutto ciò in questo film, e constatare che Owen Wilson è l'alter ego di Allen, e come lui pure recita.
Un'altra obiezione che viene mossa a questo film è che gli artisti del passato sono macchiette o quadretti. E' vero, ma è anche vero, secondo me, che così ce si li immagina quando pensiamo a loro. Aggiungo anche che sono quasi delle caricature di se stessi, e per questo mi sono riusciti gustosi e quasi divertenti. Menzione speciale per Kathy Bates.
In generale, il film mi è sembrato molto scorrevole, piacevole, e a tratti genuinamente divertente. La ricostruzione d'epoca è romantica e cartolinesca, ma anche fatta con cura, sia alle scenografie che alle luci. Su tutto regna il buon senso e il buon gusto.
Inoltre, ho trovato bene incastrate realtà e fantasia, le quali si compenetrano in modo originale. Come avrebbe fatto Bunuel, Allen lascia il dubbio se tutto sia nell'immaginazione del protagonista o sia un fatto reale, prodigioso ma reale.
Non si annovera tra i suoi capolavori, ma è un film che mi ha ridato fiducia in un regista che davo per bruciato.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati