Espandi menu
cerca
Orphan

Regia di Jaume Collet-Serra vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Lina

Lina

Iscritto dal 28 ottobre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 114
  • Post 8
  • Recensioni 1091
  • Playlist 15
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Orphan

di Lina
8 stelle

Era da tempo che non mi capitava di guardare un thriller che mi incuriosisse e ispirasse come questo.

Le storie di bambini che si rivelano tutt'altro che innocenti rispetto a ciò che può sembrare, m'intrigano.

In questo caso, la trama segue il suo percorso scegliendo gli elementi classici del genere fino a un finale con un bel colpo di scena.

 

Il ritmo è costante, la narrazione fluida, coinvolgente e suggestiva, i dialoghi incisivi e le interpretazioni davvero buone. Non ci sono attori di serie A, eppure la scelta del cast è ottima e la recitazione molto convincente.

Ho adorato in particolar modo la bimba muta e quasi del tutto sorda, Maxine, coinvolta suo malgrado, nelle malefatte della sorella adottiva. Il suo rapporto contorto con "Esther" è un po' l'anima della storia insieme alla psicopatia della protagonista.

 

Le ambientazioni sono spesso cupe, in linea con il contesto e la fotografia nitida e inchiodante.

 

Mi è piaciuto come sono state tratteggiate le psicologie dei vari personaggi e i background dietro esse.

Katherine e John non sono la coppia perfetta, sono una coppia ricucita, ma tra i due, la più sobria (benché abbia avuto i suoi problemi di alcolismo) rimane lei. Sa sempre cosa fare ed è molto intuitiva. Toccanti sono le scene in cui parla della figlioletta morta prima di poter emettere il primo vagito. L'idea di piantare dei bellissimi fiori sulle sue ceneri mi ha fatto piangere,

 

Il marito è un mezzo imbecille che vuole credere solo a ciò che gli sembra possibile, ma la sua buonafede, alla fine, gli costa cara.

Che Esther abbia qualcosa di strano si nota sin da subito per il modo in cui vuole vestirsi. Soltanto lui è così distratto da non capire o sospettare nulla.

 

Splatter dosato e buona ed efficace la tensione psicologica che si alterna a momenti di pura tenerezza.

Il momento più impressionante di tutto il film è forse quello in cui John scopre i disegni murali nascosti di Esther. Folli e piromani, a dir poco agghiaccianti. Non nego che la scena in sé per sé mi ha ricordato un pochino "Profondo rosso" di Dario Argento. Ne sentivo quasi la musica mentre le immagini sulle pareti scorrevano davanti ai miei occhi!

 

Ciò che non ho gradito è stata la scelta, nella sceneggiatura, di alcuni dettagli sopra le righe, per non dire inverosimili.

Neanche tra cent'anni si potranno accettare due genitori che fanno sesso in cucina di sera tardi, con tre bambini in casa che potrebbero svegliarsi e girovagare in qualsiasi momento, anche solo per prendersi un bicchiere d'acqua.

Una scelta così sconsiderata ce la si aspetta da John forse, che pare sempre poco attento e frivolo, ma non da Katherine che perde parecchi punti come personaggio per questo.

Inoltre, non che la mente malvagia della protagonista sorprenda, però, che riesca a mettere sempre in atto ogni suo piano, come uccidere con forza uomini e donne, bruciare case ed essere energica anche dopo che si ferisce gravemente, fa strabuzzare gli occhi. Roba che nemmeno Wonder Woman ce la farebbe. Davvero esagerato per una persona della sua stazza fisica.

 

Comunque bravissima Isabelle Fuhrman, mi è davvero piaciuta nella parte.

Ho visto anche il finale alternativo e aperto di quest'opera, ma preferisco quello conclusivo.

Ho sentito parlare di un prequel e mi entusiasma l'idea di vederlo, ma temo che il progetto non vedrà mai la luce se passa altro tempo.

In definitiva, per me è un thriller che vale la pena vedere. Non originale, non geniale, ma godibile.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati