Espandi menu
cerca
Tagliare le parti in grigio

Regia di Vittorio Rifranti vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 226
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Tagliare le parti in grigio

di FilmTv Rivista
8 stelle

Sui flani di una volta avrebbero scritto: «Il film che non vedrete mai in televisione». Cinema malsano, nudo e crudele, con ambizioni liriche e un cast femminile intrigante, la discesa agli inferi di Vittorio Rifranti, premiata a Locarno, due anni fa, come migliore opera prima. Rappresentazione “hard… tistica” del corpo come sofferenza, del dolore come piacere, della performance come sopravvivenza. Storia di Nada, Paola e Massimo che si conoscono in ospedale, dopo un lungo periodo di coma, in seguito a un incidente che ha lasciato loro profonde cicatrici, non solo nella carne. Dopo aver visto la morte in faccia, i tre ragazzi non possono più vivere: tagliano le parti in grigio, abitano un mondo assoluto, a parte. L’incontro casuale con la body art, tra pratiche di scarnificazione e mutilazione, segna un passaggio estremo ma cruciale della loro riabilitazione, nel tentativo, probabilmente inutile, di esorcizzare i fantasmi del trauma. Riavvicinarsi al dolore fisico per sconfiggere il dolore interiore. Inevitabili i raffronti con la poetica ballardiana, da Cronenberg (Crash) in giù, un’esperienza da vivere in modo poco razionale, comprese certe digressioni poco chiare della vicenda, sugli orrori della guerra, ma da apprezzare proprio per questo.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 12 del 2009

Autore: Andrea Giorgi

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati