Espandi menu
cerca
L'occhio del ciclone

Regia di Bertrand Tavernier vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mck

mck

Iscritto dal 15 agosto 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 180
  • Post 120
  • Recensioni 637
  • Playlist 204
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su L'occhio del ciclone

di mck
8 stelle

...la guerra non è mai davvero finita, il campo mai completamente nostro...

* * * ¾  -  * * * *

( versione doppiata )


 

"...stavo per imparare che i morti, con la densità e la luminosità della nebbia, possono indugiare ai margini di ciò che vediamo, e che le loro pretese su questa terra possono essere legittime e tenaci quanto le nostre."

 

Dave Robicheaux by James Lee Burke.

 

Morti le cui riemerse ossa maschili afro-americane spolpate dalla brulicante palude, abbracciate dalle radici delle mangrovie dopo una caccia all'uomo e sotterrate da Betsy nel '65 e disseppellite da Katrina 40 anni dopo fanno compagnia ad altre più fresche di cadaveri white-trash femminili ancora in carne tra il sanguinante e la frollatura dividendo con loro l'attenzione delle indagini in terra cajun.

 

 

-- il Bravo Tenente --

 

Che però pesca pesci persici con le salamandre infilzate all'amo come esca. Sempre meglio che con le bombe a mano e il tritolo.

Ed invece : Oida ! Guarda di nuovo, guarda bene, guarda meglio, guarda...meno...e ascolta.

" Come definiresti il concetto di comprensione ? "

" Beh...conoscere una cosa e saperne il significato "

" Io credo ci siano due modi di guardare al concetto di comprensione : uno è : " Se non guardi non vedrai mai ". E l'altro è : " Se guardi un po' meno puoi vedere molto di più " "

" Mi sa che non hai smaltito del tutto l'effetto di quella droga "

" Tu credi che questa esca violacea di lattice e gomma che nasconde un amo sappia di essere una salamandra ? O credi che questa salamandra sappia invece che non è niente di più che un'esca di lattice e gomma che nasconde un amo ? "

" Oh, Dave... Non lo so ! Chiedilo a un pesce persico ! "

 

Bertrand Tavernier, dopo la Grande Guerra di " Captain Conan " ('96), il dopo-grande guerra di " la Vita e nient'altro " ('89) e la WW2 di " Laissez-Passer " ('01), e dopo la Quotidiana Cronaca Documentaristica di " Legge 627 " ('92) [ che vent'anni dopo sarà "Polisse", e prima J.-P.Melville e J.Giovanni, e ancora poi O.Marchal-J.Audiard-O.Assayas ], " l'Esca " ('95), " Ricomincia da Oggi " ('98) [ tra "Etre et Avoir" di N.Philibert ('02), "l'Esquive" di A.Kechiche ('03) ed "Entre les Murs" ('08) di L.Cantet ], e " Holy Lola " ('04), opera una crasi tra la Guerra, la Cronaca e la Musica.   

 

 

Ne sa, diciam così, di musica

[ ( blues, folk, jazz ... in rigoroso ordine alfabetico ) : “ Mississippi Blues “, '83 – “ Round Midnight “, '86 ],

come di trasposizioni romanzesche

[ "l'Orologiao di St.Paul" ( da Simenon, che conosco poco, ch'è sempre più di quanto conosca James Lee Burke ), "la Morte in Diretta" ( David Compton ), in anticipo su “Brainstorm”, "Colpo di Spugna" ( da Jim Thompson, che conosco un po' meglio : " Diceva sempre che l'avevo stuprata, e mi faceva incavolare ogni volta. Non è che potessi proprio contestarla quando diceva che ero uno stupido e senza spina dorsale, perché probabilmente non sono una cima ( ma chi vorrebbe una cima di sceriffo ? ) e penso che sia molto meglio voltare le spalle ai guai che guardarli in faccia " ) ]

e..."cinematografiche"

[ “la Passion Béatrice”, dalla “Beatrice Cenci” del '56 di Riccardo Freda che in questa rivisitazione lavorò alla 2a unità : rimando all'opinione di @degroffo ],

e/ma qui, su sceneggiatura altrui, mette in scena quest'ultima, invece, forse, più che vivere-vedere le quasi 400 ''lente'' e meticolosamente particolareggiate pagine del romanzo del 1993 di Burke : bisogna seguire la sceneggiatura...e indirizzarla col romanzo...anche quando il romanzo di partenza viene volutamente stravolto...e non è questo il caso.

 

Tommy Lee Jones continua la caratterizzazione DEL suo personaggio, dopo ( e cito 'solo' quelli belli, perché lo 'stesso' personaggio è comparso anche in ben altri film ) : Heaven & Earth e Natural Born Killers, O.Stone - Blue Sky, T.Richardson - Rules of Engagement e the Hunted, W.Friedkin - Space Cowboys, C.Eatwood - the Missing, R.Howard - ( per giungere al magico terzetto interpretativo di ) the Three Burials of Melquiades Estrada, T.L.Jones - No Country for Old Men, J. & E. Coen - in the Valley of Elah, P.Haggis - ( fino ad arrivare a ) “in the Electric Mist...with the Confederate Dead”...e la Storia Americana che dal West al Vietnam, dallo Spazio al medioriente/iraqafghanistan ed agli U.S.A. dei giorni nostri ritorna al Lincoln ( Thaddeus Stevens ) di Spielberg ed al MacCarthur nell'Emperor ( Hiroito ( Sokurov ) ) di P.Webber.

 

La Louisiana Entertainment / New Orleans Film Commission che nel " Bad Lieutenant " di W.Herzog compare solo nei credits qui diventa una co-protagonista ( la falsa reale fotografia di una vera simulata fotografia : un set abitato da fantasmi-comparse / protagonisti-presenze ) della pellicola...   

 

 

--{ John Goodman - produttore mafioso : " La Louisiana sta col culo per terra, New Orleans è una camera mortuaria e un water è più attraente di questa schifosa palude, quindi meglio che si sveglino perché stiamo per far piovere 40 milioni di dollari qui, su New Iberia. Non gli va giù il nome [ Giuliano " Julie Baby Feet " ] Balboni ? Questi cazzo di film traslocano in Mississippi. Vedi come scodinzolano quelle teste di cazzo della Camera di Commercio ".

   Peter Sarsgaard - attore alcolizzato.

   Kelly MacDonald - attrice ( verso BoardWalk Empire come Shea Whigham nel film di Herzog ).

   John Sayles - regista [ che ha lavorato con Mary Steenburgen ( Bootsie, la moglie di Robicheaux ) in " Casa de los Babys " ed in " SunShine State " ( che però era la Florida ) ] del film nel film :

mentre lui sul set guarda la foto di Chery LeBlanc, la prima delle due ragazze trovate morte ed uccise a distanza di tempo l'una dall'altra, che le mostra Robicheaux, Tavernier stacca sul generale John Bell Hood...    

 

 

   ...Levon Helm, nel Sogno drogato Alcolico e Lisergico del Tenente dell'esercito Dave Robicheaux : " Io ho più capacità di comprendere il passato che il futuro, tienilo a mente. E' come quando si carica il cannone con i ferri di cavallo e le catene...".

   Pruitt Taylor Vince, al solito gran caratterista fuor di metafora come di eccessiva caricatura : proprio un attore ossimorico ad ogni nistagmo altrui.

   Nead Beatty...e la sua rivalsa tremenda su " Deliverance " di J.Boorman : 40 anni al contrario, dall'altra parte della palude, con un 'peso' addosso, e sentirsi finalmente rispondere all domanda : " Non ha neanche un briciolo di pietà ? " : " No signore. No, nessuna ".

   E Buddy Guy, gente : Electric Blues : dall'assito della veranda ( in 'quel' 1965 iniziava la carriera ufficiale con "Hoodoo Man Blues" ) la Storia procede e scorre : LIVE : --"  http://www.youtube.com/watch?v=0fmhDoVbCkI  "-- : prendi, lancia e tieni la nota, un sorso di non so cosa, tieni la nota, un altro sorso di non so cosa, tieni la nota, lascia la nota... E, per rimanere un po' in acque territoriali, tra l'Adda (fiume), il Villoresei (canale) e la Martesana (naviglio), al Live Club di Trezzo : "  http://www.youtube.com/watch?v=kLSJ0oNz5Qw  " }--

 

 

...ed i due film girati in contemporanea contengono anche uno stesso montaggio di sequenze : l'attraversamento del ponte Crescent City Connection (CCC) di New Orleans, tra Jefferson Parish ed il SuperDome, e conseguente carrellata sulle ''coree'' dei sobborghi visitate da Katrina.

  

Tratto dal 6° romanzo della Serie di Dave Robicheaux di James Lee Burke ( al cinema era già stato trasposto il 2° romanzo, " Heaven's Prisoners ", dal mediocre Phil Joanou : il collegamento tra i due film è la piccola Alafair - salvata tirandola fuori dai rottami del disastro aereo ( e non solo ) di 'Omicidio a New Orleans' ed adottata da Dave e Bootsie ( ma forse non è la stessa moglie : credo ne abbia avute tre in tutto per ora ) Robicheaux - che qui viene rapita ritrovandosi di nuovo in pericolo ), il film di Tavernier credo e penso si possa assimilare per 'passo' e tematiche al " Midnight in the Garden of Good and Evil " di C.Eastwood - John Berendt - John Lee Hancock, mentre il romanzo di Burke ( che non ho letto, Burke, al contrario di Thompson per esempio, mi manca ) contiene anche alcuni elementi Ellroyani ( the Black Dahlia ) più che da Elmore Leonard ( per rimanere in tema metacinema ) from New Orleans giusto il tempo di nascervi ( 3:10 to Yuma-Hombre-Valdez is Coming-Joe Kidd-Mr.Majestyk-52 Pick-Up & Get Shorty-Be Cool-Out of Sight-Cat Chaser-Touch-Jackie Brown ).   

 

 

E ancora, il generale sudista John Bell Hood ( il Confederate Dead ) :

" http://obab.blogspot.it/2010/05/tommy-lee-jones-am-i-dead-john-bell.html "

e " http://www.johnbellhood.org/ ",

 

interpretato da Levon Helm :

da " the Last Waltz " a " the Right Stuff ",

da " the Wall - Live in Berlin ", di Roger Waters, in "Mother" ( ovvero : No Country for Young Men : Pink iper-protetto dal Mondo Cattivo : " Do ya think they'll drop the bomb ? Will they put me in the firing line ? " ), con 'la' Band e Sinead O'Connor ( e berretto dei Red Sox ) - http://www.youtube.com/watch?v=hRA2eJUhwqU -,

a " the Three Burials " fino a " in the Electric Mist " ( di elettrico Helm ha licenziato, nel 2009, "Electric Dirt" , registrato ai LevonHelmStudios di Woodstock ),

 

al suo temporaneamente contemporaneo tenente Dave Robicheaux :

 

" La senti ? E' l'artiglieria del generale Benck ( nordista ) che spara giù dal Pye-o-tek. Ma ha scelto il bersaglio sbagliato. C'è una comunità di pelle nera sotto a quelle palle di cannone. Hai visto di queste cose nella tua guerra ? "

" Si, nel Mekong. Tutta una famiglia sterminata nel suo campo di riso. Quando seppellimmo i corpi avevano le facce bruciate. Sembravano tutte uguali "

" Allora sai che è degli innocenti che dovremmo preoccuparci...al di là di tutto. [...] Come te mi rattristo per ciò che non possiamo cambiare. [...] Siamo sempre stati uomini d'onore, ma abbiamo servito uomini venali in un'impresa spregevole. [...] Voglio che tu faccia una fotografia con noi. Mi meraviglio sempre di ciò che la scienza produce al giorno d'oggi ".

 

Unica pecca del film è che sarebbe dovuto durare tre ore : la sceneggiatura ed il montaggio non ce la fanno in due ( consultare anche l'ottima opinione di @degroffo, che Tavernier l'ha recensito quasi tutto su FTV ).

La versione è quella originale ( ma doppiata ) di 112 minuti a 25 fps in TV e di 117 minuti a 24 fps al cinema.    

 

 

Finale magnifico che si rispecchia in “the Shining” ( e poco importa chi riflette cosa, e cosa riflette chi : la verità, la realtà, la storia, chiamatele come volete le cose come stanno : nascono, abitano, insorgono, sopravvivono e si scatenano tra l'occhio e il libro, l'obiettivo e la posa, il cervello e la proiezione che si manifesta dall'incrociarsi stereometrico delle due Linee S/T : la fotogrammetria della Storia ) :

troppo lavoro e niente svago - la guerra non è mai davvero finita, il campo mai completamente nostro - rendono il Bravo Tenente un...ma che dico, si svaga lui, va a pesca ! No country for old men ? Fino a quando nelle brume elettriche s'innescheranno scintille, luccicanti bagliori dei fuochi da campo fiammeranno nel freddo buio, fiaccole ricavate da corni come ai vecchi tempi verranno portate a fiancheggiare il procedere del cammino, e il fuoco della memoria sarà sempre mantenuto acceso per quando arriveremo al campo come a casa, ci sarà sempre un persistere della vita : la luce ed il calore di un libro di storia, a testimoniare che il sangue è randagio : oida : guarda, cosa vedi ? Chiamalo papà, chiamalo Dave. E lo fai perché lo riconosci, lo sai accanto.   

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati