Espandi menu
cerca
Inferno

Regia di Dario Argento vedi scheda film

Recensioni

L'autore

undying

undying

Iscritto dal 10 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 81
  • Post 33
  • Recensioni 1803
  • Playlist 48
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Inferno

di undying
8 stelle

E' difficile giudicare obiettivamente quest'opera di Argento. Difficile perchè, se guidati dal cuore, lo si può definire ottimo; se guidati dalla ratio è poco più che mediocre. Voglio dire che il film, un classico indiscutibile del horror a livello internazionale, su un piano emotivo e di pura visione è un capolavoro. Ma se cerchiamo un senso, beh: iniziano i dolori. E' forzata la connessione con Suspiria, forzata e fasulla (Mater Sospiriorum viene descritta in questo film ed apprendiamo essere niente meno che l'Elena Markos di Suspiria). L'assassino che poi si manifesta essere la morte incarnata (nel classico saio nero e con il teschio) ha qualcosa di infantile e troppo semplicistico...
Ma al di là di tutto, se guardiamo il film col cuore, Inferno è un gioiello di astrazione visiva; una perla di inconscio terrore; un tesoro di inestimabile valore artistico. Contribuisce alla riuscita del film, l'accattivante ambientazione, sottolineata da colori smaglianti (rosso, verde e blu) e interscambiabili (al pari di Suspiria). Ultimo film a cui ha contribuito, guarda caso, anche il grande Mario Bava.

Sulla trama

Secondo un antico manuale misterico, le tre Madri sono la personificazione del Male, del Dolore e della Sofferenza. Sono dislocate territorialmente a Roma (la madre delle Lacrime) a Friburgo (la madre dei Sospiri - Suspiria) e a New York (la madre delle Tenebre). Mark, seguendo una richiesta di aiuto della sorella (giunta a Roma per studio), tenta di capire a cosa sia dovuta la sparizione di Rosy e giunge da New York. Ma la sorella è stata uccisa da un'entità mostruosa e diabolica. Rinvenendo un antico manuale di Alchimia, Mark viene indirizzato in un palazzo di New York, nei cui sotterranei dimora l'architetto Varelli. Costui, in realtà al servizio di forze demoniache, ha realizzato la costruzione che cela uno dei tre ingressi verso l'Inferno....

Sulla colonna sonora

Sperimentale ed evocativa, ottima.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati