Espandi menu
cerca
Little Miss Sunshine

Regia di Jonathan Dayton, Valerie Faris vedi scheda film

Recensioni

L'autore

zombi

zombi

Iscritto dal 21 luglio 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 96
  • Post 13
  • Recensioni 1652
  • Playlist 277
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Little Miss Sunshine

di zombi
8 stelle

che delizia sto film, mi è proprio piaciuto. gli elementi per farne una di quelle commedie come si usa dire "da sundance" ci stanno tutti, ma i registi li affrontano tutti standosene giusto in bilico sul burrone del carinismo da dimenticatoio. niente di epocale per intenderci, ma la famiglia fa proprio dire che è la tipica famiglia medio-piccolo americana. il padre col sorriso da anchorman della fox che ha ideato il corso in nove passi per riuscire vincenti comunque e sempre. il figlio adolescente che ha deciso di odiare tutti e di non parlare più, la figlioletta normale e un pò tortellotta che vuol diventare miss qualcosa per essere qualcosa. poi c'è il mamma che cerca di tenere tutto insieme e incollato. aggiungiamoci il fratello di lei che tenta il suicidio per amore di uno studente tutto denti, occhi e capelli azzurri con spider incorporata e un nonno scoppiato che prepara la nipotina per il concorso di miss who the fuck you are??? scoppiato che si fa di coca dalla mattina alla sera. tutto questo più il viaggio in furgoncino volkswagen per arrivare in california. a mio parere i registi sono onesti e lo trasmettono. non cercano di sfottere nessuno, cercano di mostrare il grado di mostruosità raggiunto da certa mentalità statunitense. e le bambine che sfilano tutte truccate e cotonate che si atteggiano a donne in miniatura che sembrabo senza mezzi termini baldracche da turisti pedofili, sono sinceramente inquietanti. è un film che dopo tutte le traversie e le tragedie(il nonno schiatta dopo l'ennesima sniffata)ci dice che la famiglia può essere un rifugio e un punto nuovo di partenza. se poi aggiungiamo che abigail breslin è brava e simpatica nel tratteggiare la bimba, lo zio gay alla fine del viaggio non trova per forza un fidanzato e il figlio adolescente non spacca e non fugge, completiamo il quadro con una fotografia crepouscolare da inizio autunno e due attori che io adoro cordialmente: toni collette e greg kinnear perfetti nell'essere normali. film vivamente consigliato. ottima la colonna sonora

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati