Espandi menu
cerca
Il calamaro e la balena

Regia di Noah Baumbach vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Peppe Comune

Peppe Comune

Iscritto dal 25 settembre 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 171
  • Post 42
  • Recensioni 1122
  • Playlist 56
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il calamaro e la balena

di Peppe Comune
7 stelle

La famiglia Berkman entra in crisi. La causa principale sembra essere il fatto che mentre Bernard (Jeff Daniels) è uno scrittore in crisi di ispirazione, Joan (Laura Linney), invece, si sta avviando a una brillante carriera letteraria. In mezzo ci sono Walt (Jesse Eisenberg) e Frank (Owen Kline) , i figli, bisognosi di riferimenti stabili e di qualcuno che ascolti la voce della loro crescita.

"Il calamaro e la balena" è un buon ritratto d'ambiente di una tipica famiglia newyorkese della classe medio alta, un film che riecheggia un pò Todd Solondz per l' atmosfera da cinema indipendente che si respira e un pò il Woody Allen cesellatore infallibile di quadri familiari in stato di sfratto. Stiamo negli anni ottanta e Noah Baumbach (sceneggiatore prediletto di Wes Anderson qui produttore) fa un film sullo stato di una coppia di intellettuali che è anche un resoconto sulla perdita di coordinate di una generazione che non sa come districarsi tra le responsabilità insite nell'essere genitore a la perenne rincorsa alle proprie aspirazioni. Per i figli viene deciso l'affidamento congiunto e in un momento cruciale della loro crescita si trovano a essere sballottati a destra e a manca in balia di genitori egocentrici che giocano a farsi del male, a cimentarsi in relazioni improbabili e ad accaparrarsi il loro appoggio con futili stratagemmi. Walt, il più grande, è infatuato del padre e vive a tal punto di luce riflessa da dimostrarsi incapace di affrontare i tipici problemi della sua età senza fingersi quello che non è e senza millantare saperi che non possiede. Frank, invece, patteggia per la madre, è meno incline ai richiami della cultura alta e da grande vorrebbe diventare un tennista, così, per fare un dispetto ai libri (bella la sequenza di quando li imbratta di sperma). Diventono copie informi delle turbe dei genitori, il riflesso della loro irresponsabile aderenza al mondo adulto. Il modo disordinato con cui Walt e Frank affrontano le prime turbe adolescenziali, la loro evidente insicurezza, sono lo specchio preciso dell'inadeguatezza, che è tanto il frutto del fallimento di Bernard e Joan come genitori capaci di scendere al livello dei figli nelle diverse fasi della loro crescita, quanto l'evidente impossibilità del calamaro (i figli) di reggere il confronto con la balena (i genitori). Il pregio migliore de "Il calamaro e la balena" è quello di rappresentare una crisi familiare inquadrandola dai diversi punti di vista, dai diversi stati emozionali, senza arrivare ad alcuna conclusione che ne potesse attribuire una connotazione tendenziosa. Con tocco leggero Baumbach si aggira con discrezione intorno ai cocci di una famiglia allo sbando per una storia agrodolce che investe molto sulla bravura di Laura Linney e Jeff Daniels in perfetta sintonia col proprio ruolo.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati