Espandi menu
cerca
Grandi speranze

Regia di David Lean vedi scheda film

Recensioni

L'autore

steno79

steno79

Iscritto dal 7 gennaio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 219
  • Post 21
  • Recensioni 1498
  • Playlist 106
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Grandi speranze

di steno79
9 stelle

L'unico film di David Lean a cui il Mereghetti assegna il massimo punteggio è questo adattamento di un celebre romanzo di Dickens che in seguito sarà rifatto parecchie volte, più recentemente da Mike Newell. Anche se probabilmente non rende il dovuto ad altri importanti film dell'autore, qui il critico-tuttologo ha visto giusto, perché è davvero una delle migliori versioni in assoluto dell'universo di Dickens, che  rende molto bene le atmosfere gotiche della parte iniziale, poi i numerosi colpi di scena che vedono il giovane Pip diventare un gentiluomo di "grandi speranze" e confrontarsi con il crudele mondo dei ricchi rappresentato dall'eccentrica miss Havisham e dalla bella ma cinica Estella, di cui si innamora. Lean ha apportato diversi cambiamenti alla trama, di cui il più clamoroso nel finale, ma chi come me ha visto solo il film non se ne accorge neppure e apprezza un'opera visivamente ricchissima nella fotografia in bianco e nero di Guy Green e popolata da personaggi memorabili tra cui spicca soprattutto miss Havisham, interpretata da una bravissima Martita Hunt. John Mills non ha l'età del personaggio ma mi sembra comunque convincente e molto espressivo e, fra i vari caratteristi, si apprezza una giovane Jean Simmons come Estella bambina e un Alec Guinness ancora poco famoso al cinema nel ruolo dell'amico del cuore Herbert Pocket. Un esempio di cinema letterario di qualità che rispetta il romanzo pur modificandolo e adattandolo con grande successo alle esigenze del mezzo audiovisivo.

Voto 9/10

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati