Espandi menu
cerca
Munich

Regia di Steven Spielberg vedi scheda film

Recensioni

L'autore

lussemburgo

lussemburgo

Iscritto dal 7 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 12
  • Post 11
  • Recensioni 240
  • Playlist 5
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Munich

di lussemburgo
8 stelle

C'è sempre più pessimismo nel cinema di Spielberg. I suoi protagonisti non sono eroi, non sono l'incarnazione di saldi valori in cui è facile identificarsi, sono vittime di una situazione, di un sistema, di un contesto a cui si ribellano con mezzi cangianti, a dispetto del quale cercano di sopravvivere, senza affermare un'individualità eccezionale. Sullo sfondo di una guerra contro alieni invincibili, dei cavilli burocratici di una società incattivita, della Shoah o dello sbarco in Normandia, il protagonista di Spielberg cerca di mantenere una vaga dimensione umana, sforzandosi di contrapporre all'assurdità circostante le vacillanti ragioni della propria azione, finendo per ridursi all'espressione di un'ossessione altrettanto patologica, a cui il film aderisce senza alcun compiacimento.
Per il personaggio principale di Munich l'attentato di settembre nero alla rappresentanza israeliana durante le olimpiadi di Monaco è la motivazione principe della vendetta ordita da Israele contro i palestinesi e di cui lui si rende l'esecutore materiale, questa giustificazione teorica, che si traduce in una serie di omicidi mirati degli organizzatori e ispiratori dell'azione terroristica. Attraverso l'efficacia degli assassinii, nel progredire dell'abitudine all'omicidio il regista non tesse le lodi di un paese oppresso, né tende la mano a chi ha il terrorismo come difesa: palestinesi e israeliani, vittime o carnefici, sono pedine di un più grande gioco, dell'equilibrio del terrore basato sulla violenza reciproca, sull'affermazione delle proprie ragioni con il sangue altrui. Spielberg non costruisce però un pamphlet ideologico. Emerge invece con chiarezza, in molti dettagli di sceneggiatura e regia, una sostanziale identità tra le due fazioni, una struttura binaria che sottende al film e che lo fa muoversi su un doppio piano, attraverso rimandi costanti e l'uso frequente di un montaggio alternato: all'elenco dei morti in Germania risponde la scelta delle persone da eliminare, l'azione iniziale del commando palestinese rimanda al travestimento della squadra di agenti del Mossad a metà pellicola, l'apertura sulla copertura mediatica dell'attacco palestinese si riflette nell'inquadratura conclusiva delllo skyline di New York con ancora le torri gemelle. Parallelismi e antinomie costellano il film, con Eric Bana confuso tra amore e odio, dilaniato tra la nascita della figlia e la messa a morte dei suoi bersagli.
Barcamenandosi tra agenti segreti infiltrati o infidi mercenari, nel losco giro di soldi e vite umane, di interessi privati e ideologie contrapposte, di ragioni di stato opportunistiche e spericolati giochi di potere, il protagonista compie la sua missione, passando dalla incrollabile certezza dell'azione al dubbio dell’inutilità dell’impresa, progressivamente consapevole di essere un ingranaggio in una vana spirale di sangue, l'artefice di una violenza inutile e dannosa, che solo un colpo di vento politico basta a trasformare il sicario in bersaglio; il biblico "occhio per occhio" è forse un messaggio sbagliato e inesorabile perché ogni terrorismo, per quanto ideologicamente legittimato dalla propria fazione, provoca una reazione uguale e contraria che lo vanifica, perché ogni persona assassinata viene rimpiazzata da un'altra ancor più efferata, perché uccidere non è mai né facile né bello, perché gli effetti collaterali della guerra sono sempre vittime innocenti.
Spielberg non assolve né condanna: guarda - come sempre - con gli occhi del protagonista, fornendo dettagli quasi ossessivi di ogni messa a morte. E rende partecipi di un'angoscia crescente che l'efferata efficienza omicida non può celare, che le motivazioni non possono mascherare, e che il silenzio finale su New York rende eloquente, con la sua promessa di morte futura e le conseguenti rappresaglie sanguinarie per esportare opinabili democrazie.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati