Espandi menu
cerca
Dracula cerca sangue di vergine e... morì di sete!!!

Regia di Paul Morrissey, Antonio Margheriti vedi scheda film

Recensioni

L'autore

zombi

zombi

Iscritto dal 21 luglio 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 97
  • Post 13
  • Recensioni 1654
  • Playlist 277
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Dracula cerca sangue di vergine e... morì di sete!!!

di zombi
8 stelle

a differenza del film gemello sul barone che sfidava dio e la natura per creare una nuova razza perfetta che obbedisse solo ai suoi ordini fondato però su di un'insistita comicità, il film sul principe della notte è molto più riuscito. a cominciare coi titoli di testa che sulle note dolenti e malinconiche di claudio gizzi, assistiamo al conte che si rende presentabile  truccandosi ad uno specchio che però non può rifletterlo. morrissey ammanta anche questo film del suo tocco umoristico, però i personaggi sono meno macchiette. lo stesso aiutante interpretato anche in questo da arno juerging, si agita meno e sgrana meno gli occhi, forse anche per obbedire ad un contegno nobiliare, siccome costui deve sempre presentarsi in pubblico e parlare per il conte. dalla romania, il conte è costretto a spostarsi verso l'italia in cerca di sangue virginale. abbandona l'esausta moglie e i parenti ormai rinsecchiti nelle rispettive bare, e parte alla volta dell'italia dove il servo è convinto di trovare abbondanza di sangue puro, visto che è il paese che ospita il vaticano. si fermano in un paese dove a richiesta, viene loro indicata la famiglia di fiore, un tempo ricca, ora ridotta in povertà a causa della passione del patriarca(de sica in una divertita partecipazione) per il gioco d'azzardo. la prima parte del film è solare. conosciamo gli appartenenti del nucleo famigliare composto dal padre, la madre(maxime mckendry) e le quattro figlie ancora tutte da maritare.e così quando si presenta loro il fortunato caso di darne almeno una in sposa ad un blasonato straniero, non ci pensano due volte e lo ospitano direttamente nella grande casa. il conte ahilui però non sa che le prime due figlie su cui cadono le scelte della madre e le mire del conte, non sono proprio quello che si dice essere pure. saphiria e rubina interpretate rispettivamente dalle due puledre dominique darel e stefania casini, sono dedite al sesso con l'unico servo rimasto nella tenuta con idee comuniste e le fattezze della superstar warholiana joe dallesandro, che purtroppo in questo caso si offre solamente in qualche inquadratura sul superbo culetto. ma le due annoiate delfine, si dilettano a trastullarsi anche tra di loro in annoiate scene saffiche molto efficaci. le altre due figlie sono la piccola perla interpretata da silvia dionisio e esmeralda incarnata dalla strepitosa milena vukotic. quando il conte assaggerà il sangue delle due assistiamo ad alcune scene che dire iconiche è dire poco. il conte che si abbevera alle fonti calde, rigetterà in entrambi i casi il sangue ovviamente non più virginale, trasformando le due ragazze in vestali svogliate e zombesche al suo servizio, facendo virare il tono del film verso un finale malinconico, ultra gore e assurdamente in perenne bilico tra il dramma e la commedia. questo secondo monster movie è di molto più riuscito e sicuramente più curato. ma non solo nei costumi, nelle scenografie molto belle grazie anche alla casa(villa parisi a frascati, grazie davinotti), ma anche nei dialoghi e soprattutto nella sceneggiatura. la disintegrazione sociale della famiglia decaduta grazie alla giocosa dissolutezza del patriarca, non avviene per una rivolta popolare sull'onda delle rivoluzione bolscevica come continua a predirre il servo mario(little joe), bensì alla malata ed epidemica nobiltà del conte dracula(divertente la scena di de sica che lo reputa un nome simpatico)che semina morte raccogliendola a sua volta, ormai irrimediabilmente debilitato dal sangue impuro di donne emancipate che fanno del loro corpo, l'uso che più ritengono annoiatamente opportuno. bravi gli attori a cominciare dal conte udo, perfetto nella pelle esangue del blasonato. milena vukotic si approppria di tutta la parte finale del film in un'interpretazione perfetta. splendide le nudità della darel e della casini. è sempre bello rivederlo.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati