Espandi menu
cerca
L'allenatore nel pallone

Regia di Sergio Martino vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Marco Poggi

Marco Poggi

Iscritto dal 5 settembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 16
  • Post 7
  • Recensioni 1141
  • Playlist 114
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'allenatore nel pallone

di Marco Poggi
2 stelle

Incomprensibile cult calcistico degli anni'80, con Lino Banfi nei panni di un allenatore di seconda categoria che viene assunto da un presidente per far tonare la sua squadra in serie B. Nonostante i camei dei calciatori e degli allenatori degli anni'80, rattrista vedere omofobia e razzismo verso l'asso brasiliano Aristoteles.

All'epoca  di questo film, Lino Banfi si era scrollato di dosso da poco tempo l'etichetta di divo delle commedie sexy, ma quanto manca qui quel Banfi, visto che il divertimento vero, secondo me, latita.. Certo, si gioca sulla simpatia dell'attore pugliese che gesticola e "s'inchezza" par suo, ma una squadra e un presidente che remano contro un allenatore che trova un asso brasiliano, che, però, viene  trattato come se fosse un appestato, solo per tornare in serie B rattrista, almeno a me rattrista. Spiace per Lino Banfi e la sua Longobarda, ma, secondo me, è  molto meglio Alberto Sordi col suo "IL PRESIDENTE DEL BORGOROSSO FOOTBALL CLUB" , del 1970, dove la squadra del titolo è da paesotto di provincia emiliana alla Guareschi e l'attore romano, stufo delle prime sconfitte, prende in mano le redini del Bogorosso, licenzia il fedifrago allenatore che parodiava Helenio Herrera e allena lui stesso i giocatori, trattandoli come se fossero bambini e usando, per vincere, anche "benedizioni" zingare e scioglingua volgari, ma divertenti. Sordi, poi, almeno ha quasi un amplresso con la moglie di uno  dei giocatori più simpatici  la prosperosa signora Guardavaccaro, Banfi invece è così devoto alla "brutta" moglie Giuliana Calandra Mara Canà, che non ci fa nemmeno un pensierino a Licinia Lentini, che fa la moglie del presidente della Lomgobarda, che è l'amente del centravanti. Alla simpatica B-zona e al metodo 555 di Banfi, molto meglo "chi si estranea dalla lotta, è un gran figlio di..." di Sordi, agli calciatori e agli allenatori del calcio  anni'80 e all' Aldo Biscardi già impegnato coi suoi pricessi trash su Rai 3, è molto meglio la comparsata di Omar Sivori alla fine del film di Sordi. Curiosità: nel film con Lino Banfi compaiono anche Gigi e Andrea che, poco tempo tempo, ne fecero un'altra di parodia sul calcio "MEZZO DESTRO MEZZO SINISTRO...DUE CALCIATORI SENZA PALLONE"   oggi, praticamente dimenticata.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati