Trama

Una donna viene assolta, nonostante la sua colpevolezza, alla fine della Seconda guerra mondiale: è questo lo spunto di partenza per seguire le peripezie degli Charpin-Vasseur, esponenti di spicco della borghesia di Bordeaux. La loro storia è segnata da una serie di morti misteriose, come se la colpa fosse una tara ereditaria che si trasmette di generazione in generazione. Un crimine commesso nel passato, e non espiato, può dunque avere ripercussioni sui discendenti...

Note

Quieta, educata e agghiacciante, la pellicola di Chabrol è la versione stilizzata, asciugata, serenamente e atrocemente pessimistica di tante altre vicende di famiglie, destini e province raccontate dal maestro francese. Non c'è più bisogno di intrusioni esterne che vengano a turbare malsani equilibri, né di diseredati che scompaginino armonie borghesi. I "corvi" anonimi sono quelli che ci si è allevati in seno: bastano cinque personaggi che riassumono tre generazioni, e quel tempo profetico che si ripete sempre uguale a se stesso e che si snoda senza soluzione di continuità davanti agli occhi della decana zia Line (la vera protagonista del film: l'esile, dolcissima e volitiva Suzanne Flon, una grande interprete del passato). Chabrol è arrivato al cuore del suo mondo e del suo stile: niente colpi bassi, il malessere è intessuto nelle tappezzerie di casa e negli abiti "bon ton" degli Charpin-Vasseur; prende corpo dal giardino curato e dall'aria tersa, chiuso nella consapevolezza inossidabile degli occhi di Line.

Commenti (8) vedi tutti

  • Trama superficiale. Dialoghi pessimi. Interpretazione ancora peggio. Ti chiedi quale sia il senso di questo film.

    commento di massi1989
  • Il solito film francese palloso!

    commento di slim spaccabecco
  • il tempo non esiste, c'è un unico presente perpetuo.

    commento di swingeasy
  • VOTO : 6++ Un film discreto dove tutto succede nel finale dopo una lenta e un pochino noiosa costruzione di una situazione familiare complessa. Per quanto elegante non mi sembra un film da ricordare.

    commento di supadany
  • sinceramente mi aspettavo un film più diabolico… ma tutto sommato sono rimasto contento… la vecchia zia è la cosa più bella del film… di una simpatia assurda!

    commento di columbiatristar
  • chabrol colpisce bene la fragilita' della borghesia francese.

    commento di IVANSELVA
  • Chabrol! Ed eccoci quà.

    commento di Totoro
  • Chabrol! Ed eccoci quà.

    commento di Totoro
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

LorCio di LorCio
10 stelle

I fiori del male era una raccolta di poesie del maledetto Charles Baudelaire e solo il più perfido osservatore della borghesia francese poteva girare un film così, prendendo in prestito quel titolo tanto evocativo quanto affascinante. Claude Chabrol sa di cosa parla e ci sguazza in questo mondo in cui l’ipocrisia ha preso il posto della sincerità con una disinvoltura… leggi tutto

11 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

mm40 di mm40
6 stelle

Ritratto di famiglia 'borghesemente' colpevole: è una combinazione fra ambiente e status sociale che determina l'innocenza (o meno) delle persone? Chabrol descrive, non indaga - e questo può essere già un limite del lavoro; le tinte fosche comunque ben si adattano a questo quadretto di una famiglia disunita, eterogenea eppure i cui elementi sono tutti accomunati da un fil… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Marziller di Marziller
4 stelle

Sono un estimatore di Chabrol ma stavolta il film è deludente. L'ambientazione è da cliché. Il trattamento piuttosto banale. La sceneggiatura è rugginosa e anche i dialoghi stavolta scricchiolano ("Vedete, vivendo in america ho capito che gli americani venerano due cose: Dio e i soldi"). Chabrol dice che voleva rifare la tragedia greca? Beh, non basta replicare il meccanismo della tragedia… leggi tutto

3 recensioni negative

2017
2017
2014
2014
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Trasmesso il 26 aprile 2014 su LA7D
Trasmesso il 25 aprile 2014 su LA7D

Recensione

brianwilson di brianwilson
7 stelle

Il grande Chabrol torna sui suoi passi. E ci regala un'altra variazione sul tema della borghesia medio-alta coi suoi altarini più o meno nascosti. Mette molta carne al fuoco il regista francese: gli incroci di due famiglie, il dibattito politico contemporaneo, un amore giovanile negato, sospetti e tradimenti, segreti e rancori. Il film procede sornione fino alla svolta finale, coi nodi…

leggi tutto
Trasmesso il 13 aprile 2014 su LA7D
Trasmesso il 12 aprile 2014 su LA7D
2012
2012

Recensione

hupp2000 di hupp2000
10 stelle

« Ma petite chérie, le temps n’existe pas, tu verras. C’est un présent perpétuel ». « Vedrai, piccolina mia, il tempo non esiste. E’ un perpetuo presente ». Ritengo che questa frase, pronunciata nel finale dal personaggio chiave del film, ne contenga la spiegazione. Un giustificabile delitto è stato commesso negli anni del collaborazionismo. Chi lo ha perpetrato è riuscito a…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
2011
2011

Recensione

LorCio di LorCio
10 stelle

I fiori del male era una raccolta di poesie del maledetto Charles Baudelaire e solo il più perfido osservatore della borghesia francese poteva girare un film così, prendendo in prestito quel titolo tanto evocativo quanto affascinante. Claude Chabrol sa di cosa parla e ci sguazza in questo mondo in cui l’ipocrisia ha preso il posto della sincerità con una disinvoltura…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
2010
2010

Recensione

mm40 di mm40
6 stelle

Ritratto di famiglia 'borghesemente' colpevole: è una combinazione fra ambiente e status sociale che determina l'innocenza (o meno) delle persone? Chabrol descrive, non indaga - e questo può essere già un limite del lavoro; le tinte fosche comunque ben si adattano a questo quadretto di una famiglia disunita, eterogenea eppure i cui elementi sono tutti accomunati da un fil…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2009
2009

Recensione

jonas di jonas
6 stelle

Raccontando i film di Chabrol è inevitabile ripetersi: riecco dunque la solita famiglia della buona borghesia di provincia che assiste al riemergere dei propri fantasmi del passato e cerca un modo per affrontarli. I toni sono forti, da tragedia greca (si sfiora l’incesto); rimane impresso soprattutto il finale affidato alla vecchietta Suzanne Flon, soave solo in apparenza. Le buone…

leggi tutto

Segreti di famiglia

Redazione di Redazione

Vite apparentemente normali, persone ordinarie, tutto scorre all'insegna della tranquillità. Ma la macchina da presa indaga, la storia fa il suo corso e appaiono le prime ombre: è il passato che chiama. Scomode…

leggi tutto
2007
2007

Recensione

Marziller di Marziller
4 stelle

Sono un estimatore di Chabrol ma stavolta il film è deludente. L'ambientazione è da cliché. Il trattamento piuttosto banale. La sceneggiatura è rugginosa e anche i dialoghi stavolta scricchiolano ("Vedete, vivendo in america ho capito che gli americani venerano due cose: Dio e i soldi"). Chabrol dice che voleva rifare la tragedia greca? Beh, non basta replicare il meccanismo della tragedia…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

bradipo68 di bradipo68
8 stelle

Se uno non conoscesse da chi è diretto capirebbe subito che è di Chabrol:film sinuoso,lento ma che ti avvolge lentamente nella descrizione della quieta provincia francese dove sembra che non succeda mai niente e invece....La vicenda è solo una scusa per mettere sotto il sole il marciume nascosto(esemplificativo l'omicidio all'inizio del film,colpa mai espiata)riuscendo a far capire che la…

leggi tutto
Recensione
2006
2006

Recensione

tobanis di tobanis
4 stelle

Buona la regia, bravi gli attori, ben scritte le parti e i dialoghi, purtroppo la protagonista è una sola: la noia. Niente in sto film mi appassiona, nulla; le vicende mi lasciano indifferente, il passato e il presente dei protagonisti mi stufa e annoia. Colpetto di scena alla fine per ravvivare, sai che roba. Non è che bisogna dire bello solo perché c'è Chabrol…La critica l'ha fatto, il…

leggi tutto
Recensione
2005
2005

Recensione

luca e. di luca e.
8 stelle

I misteri degli Charpin Vasseur. Strani amori e vecchie passioni irrisolte, sono causa di due omicidi a distanza di un cinquantennio. “L’assassino”, sempre la stesso? I misteri sono altri e si nascondono tra le pieghe di vite inquiete, tormentate ma che vorrebbero apparire tranquille.Una giovane coppia al centro dell’intrigo familiare di questo film, ma la vecchia zia finisce per…

leggi tutto
Recensione

"Occhio del tempo".

Crawford di Crawford

"Ecco l'occhio del tempo: scruta torvo da sopracciglia di sette colori. Fuochi lavano la sua palpebra, la sua lacrima e' vapore. La cieca stella vi si avventa a volo e fonde a quel piu' scottante ciglio". Paul Celan,…

leggi tutto
Playlist
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito