Espandi menu
cerca
"O" come Otello

Regia di Tim Blake Nelson vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 226
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su "O" come Otello

di FilmTv Rivista
4 stelle

Otello/Od è un giocatore di pallacanestro che viene dal ghetto; Iago/Hugo il figlio dell’allenatore. Desdemona/Daisy la figlia del preside, Cassio uno sfigato. Il risultato è uno dei più tremendi adattamenti shakespeariani di sempre; e dire che il Bardo ne ha sopportate di tutti i colori. Il dilemma di Otello rientra senza sfumature nel politically correct: lo vedeste come si incazza quando lo chiamano “nigger”. Quel cattivone di Iago, poi, si dopa. A conti fatti, però, Od risulta un nero violento e credulone come nemmeno nell’immaginario southern di cent’anni fa. Sulle locandine, infatti, c’è Iago/ Josh Hartnett, mica lui. Che il regista non sappia girare, lo si vede fin dalla partita di basket iniziale. Julia Stiles riesce a non essere sexy nemmeno vestita da collegiale. Sul finale, dopo che Hugo ha ammazzato quattro persone (sé compreso), parte Renata Scotto con l’ “Ave Maria” dall’ “Otello” verdiano. Capita la citazione?

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 40 del 2002

Autore: Emiliano Morreale

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati