Espandi menu
cerca
Un apprezzato professionista di sicuro avvenire

Regia di Giuseppe De Santis vedi scheda film

Recensioni

L'autore

sasso67

sasso67

Iscritto dal 6 dicembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 90
  • Post 64
  • Recensioni 4476
  • Playlist 42
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Un apprezzato professionista di sicuro avvenire

di sasso67
5 stelle

Satira di una borghesia arrivista e priva di scrupoli, che se ne frega del Sessantotto e della Chiesa e che andrà a costituire il sottobosco della politica italiana e l'ossatura della classe dirigente, che purtroppo forma ancora oggi la spina dorsale del governo a diversi livelli nel nostro paese. Il proletariato, di contro, non ha che la possibilità di vendere il proprio corpo o la propria libertà («la libertà di andare in galera», come dice Nicola). Ecco, forse è così che si è retta l'Italia per oltre cinquant'anni e non è detto che non sia ancora così. Questa lettura per così dire sociopolitica è il merito maggiore del film di De Santis, che però è squilibrato ed eccessivo in tante situazioni e in troppi personaggi, a cominciare dal suocero del protagonista, interpretato da un Ivo Garrani che sa dare muscoli, mascelle ed arroganza ad un imprenditore condizionato nei comportamenti soltanto dal portafogli e dalla reputazione.

In sostanza, il regista di Riso amaro e Italiani, brava gente gira con la stessa grazia di un elefante in cristalleria, probabilmente pungolato da otto anni di forzata inattività cinematografica. E questo resterà anche l'ultimo film di De Santis. Evidentemente, il regista era rimasto lo stesso dei suoi film più famosi, mentre il cinema e la società italiani stavano profondamente cambiando (non sempre in meglio), rispetto a un'epoca in cui la politica - perché un occhio di De Santis è sempre stato rivolto alla lotta politica - era un muro contro muro che aveva quanto meno il pregio della chiarezza.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati