Espandi menu
cerca
L'avversario

Regia di Nicole Garcia vedi scheda film

Recensioni

L'autore

jonas

jonas

Iscritto dal 14 gennaio 2008 Vai al suo profilo
  • Seguaci 162
  • Post -
  • Recensioni 2674
  • Playlist 14
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'avversario

di jonas
6 stelle

“Per quindici anni tutti hanno creduto a Jean-Marc Faure”, avverte la didascalia iniziale: lui diceva di avere un posto alla OMS di Ginevra e invece non si era mai laureato in medicina, passava il suo tempo dentro l’auto parcheggiata in piazzole di sosta, si rifugiava in alberghetti per fingersi in trasferta di lavoro e prosciugava i conti di parenti e amici per sopravvivere. La storia, per quanto vera, non è verosimile, il che pone qualche problema narrativo: non era opportuno farla durare due ore, perché i dubbi che assalgono la moglie verso la fine (“Non ci porti mai da nessuna parte, ci fai vivere come selvaggi”) sarebbero dovuti nascere molto tempo prima. Oltretutto Faure si rivela non tanto un bugiardo cronico quanto un vero psicopatico: quindi non si capisce come abbia avuto l’abilità e la freddezza per tenere nascosto il suo castello di menzogne e per reggere allo stress mentale, riuscendo persino a gestire una relazione adulterina. Il confronto con A tempo pieno, che racconta la stessa vicenda, è perdente: questo si limita a raccontare un dramma personale, mentre il film di Cantet (pur non sfociando in tragedia) si allarga ad analizzare l’identificazione perversa fra l’uomo e il proprio lavoro.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati