Espandi menu
cerca
Argonuts - Missione Olimpo

Regia di David Alaux, Eric Tosti, Jean-François Tosti vedi scheda film

Recensioni

L'autore

obyone

obyone

Iscritto dal 15 dicembre 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 95
  • Post 5
  • Recensioni 497
  • Playlist 17
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Argonuts - Missione Olimpo

di obyone
5 stelle

 

scena

Argonuts - Missione Olimpo (2023): scena

 

Nell'isola di Yolkos la vita procede senza sussulti, protetta dalle virtù teumaturgiche del vello d'oro, il manto dell'ariete Crisomallo rubato da Giasone ottant'anni prima con l'aiuto dei prodi e fidi Argonauti. Giasone è un vecchietto sordo, orbo e claudicante venerato dal suo popolo in ogni occasione che si presenti. Grazie alle sue imprese, infatti, nell'isola di Yolkos splende sempre il sole, i pasti sono abbondanti e gli animali vivono in armonia, almeno quelli terrestri perché come al solito i pesci sono cibo per tutti. Non per il gatto ciccione Sam, vegetariano che si prende cura della topina Pixi, piccola, intelligente e desiderosa di emulare il mito Giasone in qualche avventura nel mar Mediterraneo. L'occasione le si presenta, neanche a dirlo, quando le autorità di Yolkos inaugurano un colosso di marmo dedicato a Zeus. Poseidone, geloso, ed inviperito per le attenzioni riservate al fratello, ruba il talismano minacciando calamità e cataclismi se non verrà eretta una statua di pari bellezza a lui dedicata. La piccola topolina Pixi mette su un'improbabile squadra e con i suo amici, il gatto che le fa da padre, ed un gabbiano pirata di nome Chickos, 

parte alla ricerca del tridente che impreziosirà la statua in costruzione. A lei si uniscono gli Argonauti risvegliati dal torpore eterno, grazie ad una polvere magica, e lo stesso Giasone che tra un sonnellino e l'altro guida una ciurma alquanto improbabile.

 

scena

Argonuts - Missione Olimpo (2023): scena

 

"Argonuts - Missione Olimpo" è una creazione della premiata ditta francese David Aleux, Eric Tosti e Jean-François Tosti che in Francia si sono inventati la serie "Vita da giungla alla riscossa", un franchise seriale impreziosito da alcuni lungometraggi per la TV e da un film per il cinema che ha riscosso un discreto successo a livello globale. La serie viene citata nei titoli iniziali di "Argonuts" rendendo omaggio alla colonna sonora e al pinguino/tigre Maurice che "ruggisce" come il celebre leone della MGM. Il tutto in un'ottica che mira chiaramente ad identificare il prodotto all'interno della linea creativa del fortunato predecessore e dare quindi al film una precisa identità. Peccato però che il film del trio francese risplenda solo a tratti dell'esilarante rappresentazione delle debolezze umane che nella "pangea" venivano combattute della strampalata e divertente "Squadra della giungla". Non mancano, per carità, alcune trovate piuttosto divertenti come la rappresentazione degli Argonauti che, prendendo poco sul serio il mito ellenico, ne dà una rappresentazione tra il serio e il faceto spesso esilarante. Molto divertente la ricostruzione dell'Olimpo in cui gli dèi eguagliano in immaturità quelli del celebre ed inarrivabile anime giapponese "C'era una volta... Pollon". Gli annoiati abitanti del monte sacro si divertono a mettere i bastoni tra le ruote dei "nuovi Argonauti" al fine di vivacizzare l'impresa. Il problema, tuttavia, non è la scarsa pressione esercitata sulla missione da quel bambinone di Zeus ma il tono un po' troppo piagnucoloso che condiscono le avventure della piccola protagonista, il litigio e la successiva e immancabile riappacificazione  e troppi epici momenti irrorati da zuccherose lacrime e plateali sentimenti. I personaggi umani, spesso rappresentati nelle loro debolezze sono senza dubbio più ironici (vedasi la sequenza della celere riparazione di Argo al tintinnare delle monete) mentre i vari animali che partecipano alla spedizioni sono eccessivamente stucchevoli. Se l'idea della mappa è buona, le dinamiche sull'isola dei ciclopi instaurate tra topi e scorpioni sono fin troppo leziose.

Il film è indirizzato ai bimbi più piccoli e veicola messaggi importanti come l'importanza della famiglia, qualunque sia la sua sostanza, pur mostrando limiti oggettivi di caratterizzazione e qualche semplificazione di troppo.

Tra A-team, mitologia e il Padrino senza dimenticare, ovviamente, gli eroi della giungla.

 

Charlie Chaplin Cinemas - Arzignano (VI) 

 

scena

Argonuts - Missione Olimpo (2023): scena

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati