Espandi menu
cerca
L'uomo in più

Regia di Paolo Sorrentino vedi scheda film

Recensioni

L'autore

jonas

jonas

Iscritto dal 14 gennaio 2008 Vai al suo profilo
  • Seguaci 164
  • Post -
  • Recensioni 2717
  • Playlist 14
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'uomo in più

di jonas
8 stelle

Vite quasi parallele di Antonio Pisapia, calciatore professionista, e Antonio Pisapia, acclamato crooner, nella Napoli degli anni ’80: il successo, il declino, il miraggio di una rinascita, poi uno si suicida e l’altro commette un omicidio. Il Sorrentino d’esordio resta il migliore, prima che il suo stile diventasse inesorabilmente maniera e che la categoria “giovane promessa” lasciasse il posto a quella “solito stronzo” (alla terza, “venerato maestro”, credo che non ci arriverà mai). Due protagonisti dai caratteri opposti, con referenti reali abbastanza riconoscibili (Agostino Di Bartolomei e Franco Califano): l’uno serio, pacato, coscienzioso (“Il calcio è un gioco e tu sei un uomo fondamentalmente triste”, è il giudizio del presidente della società); l’altro estroverso, puttaniere e frequentatore di locali di lusso. È un confronto a distanza per quasi tutto il tempo: diventa diretto quando entrambi partecipano al medesimo talk show, l’uno spiegando in tono dimesso perché la sua carriera da allenatore non è mai decollata, l’altro ripercorrendo la propria vita con gran sfoggio di gigioneria (“È ’na strunzata che la cocaina ti scassa la memoria: son trent’anni che la tiro e non mi son dimenticato niente”). Ma la vita ti frega comunque la affronti, o con la calma o prendendola a morsi: alla base di tutto, non a caso, c’è l’antefatto di una morte assurda che scorre sui titoli di testa dando un’impronta luttuosa al film che sta per cominciare.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati