Espandi menu
cerca
Love Life

Regia di Koji Fukada vedi scheda film

Recensioni

L'autore

EightAndHalf

EightAndHalf

Iscritto dal 4 settembre 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 220
  • Post 54
  • Recensioni 921
  • Playlist 35
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Love Life

di EightAndHalf
7 stelle

La miglior regia del concorso di Venezia 79 è probabilmente quella di Koji Fukada in Love Life, apparente dramma spicciolo sulla perdita di un bambino dal punto di vista dei genitori, in realtà una collezione dolce e analitica al contempo di relazioni, sguardi e maniere di comunicare fra esseri umani. Sulla scorta di esperienze come quelle del cinema di Ryusuke Hamaguchi o di Kiyoshi Kurosawa, Fukada ha l’ambizione di descrivere la prossemica dei suoi personaggi più che le loro psicologie, quasi come in un Mizoguchi più patinato e moderno. La cura maniacale per la costruzione del quadro, per le dinamiche degli sguardi nei campi/controcampi, per le posizioni dei personaggi negli ambienti, lascia intendere un’idea di cinema di rigore passionale, dettata da ritmi rallentati e lunghissimi tempi di attesa. 

Il film meriterebbe delle analisi sequenza per sequenza per raccontare come si snocciola il dramma della madre protagonista, dopo la morte del figlio piccolo avuto dal primo marito sordomuto; mentre Fukada costruisce con certosina attenzione la codardia assoluta del secondo marito della protagonista, quest’ultima trova nel primo marito (ingenuo e vagamente violento) un appiglio per non dimenticare il figlio morto, e per far bruciare il lutto a fuoco lento. Sensi di colpa, dubbi e angosce alimentano ancora di più il dramma, mentre la camera e il montaggio sospesi e ipnotici lo sottopongono a una perizia entomologica fatta di riprese amatoriali, dischi riflettenti appesi sui balconi e linguaggio dei segni: alla fine sono tutti indizi per disorientare lo spettatore, illuso e deluso da almeno 4 finte catarsi e ribaltato da cambi di rotta che flirtano col grottesco e con la teatralità melodrammatica. Un piccolo capolavoro che fa sentire finalmente in Occidente del cinema giapponese non condannato dal filtro dell’occidentalità, che non vuole per forza piacere agli occidentali, che ha dei tempi suoi e non ha paura di trasformare i suoi personaggi quasi in statue o fantasmi secondo che la scena lo richieda.

Dietro un apparente drammino, una lezione di regia di raro pregio.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati