Espandi menu
cerca
Il faraone, il selvaggio e la principessa

Regia di Michel Ocelot vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Gangs 87

Gangs 87

Iscritto dal 12 ottobre 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 49
  • Post -
  • Recensioni 1079
  • Playlist 32
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il faraone, il selvaggio e la principessa

di Gangs 87
6 stelle

Una narratrice dai candidi toni azzurri, un gruppo di ascoltatori di cui si vedono solo le ombre nere. Tre storie ambientate in tre epoche e tre mondi diversi: una nell'antico Egitto, un'altra nell'Alvernia medioevale, l'ultima nell'ambiente ottomano dei palazzi turchi del diciottesimo secolo.

 

Il regista e animatore Michel Ocelot illustra con quella semplicità tipica delle cose note; come a volerci dimostrare che non servono poi tanti fronzoli quando il messaggio che vuoi portare sta alla base della narrazione e non nella visione della stessa. Non priva però gli occhi della bellezza e arricchisce, ognuna delle tre storie, con una differente caratterizzazione dei toni e dei colori dando ad ognuna una personalità indipendente.

 

Quel suo modo di disegnare semplice, con linee definite, tende a valorizzare le caratteristiche delle epoche in cui le storie sono ambientate. Se nella prima a prevalere sono le forme geometriche e le figure trasversali, come nei migliori geroglifici, nella seconda tutto il resto è contorno, colorato di nero, fa da sfondo alle imponenti vetrate del castello, in cui la storia è ambientata, che ritornano in più fasi della narrazione e lasciano stupiti, sempre. La terza invece, a farla da padrone, sono i colori arabi, caldi e bellissimi ci trasportano nei palazzi turchi dai mosaici incantevoli.

 

Anche la morale di fondo, che ognuna delle storie si porta dentro, risulta sottile ma concreta. Se il Faraone è capace di raggiungere ogni obiettivo, prima neanche lontanamente pensabile, impersonando quindi la determinazione, il Selvaggio è l’emblema del perdono. Dal dolore e dell’altruismo ne scaturisce amore per il prossimo con cui lo accomuna un avverso destino di soprusi ma anche di conquistata libertà. La Principessa invece è la caratterizzazione dell’amore ardente, che supera ogni convenzione e ogni ostacolo, disposta a perdere tutto, seppellendo il materialismo sotto un’incontenibile passione.

 

È difficile guardare questa pellicola senza pensare a “Le mille e una notte”. Sia per la struttura delle storie narrate, sia per la semplicità dei temi che esse racchiudono e a cui tentano di dare una rappresentazione che contenga una riflessione. Michel Ocelot ha la capacità di condurci, con semplicità, in avvolgenti e colorati mondi diversi, lasciandoci la possibilità di tornare bambini con raziocinio.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati