Espandi menu
cerca
Tabù - Gohatto

Regia di Nagisa Oshima vedi scheda film

Recensioni

L'autore

maghella

maghella

Iscritto dal 15 aprile 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 193
  • Post 311
  • Recensioni 432
  • Playlist 103
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Tabù - Gohatto

di maghella
8 stelle

Giappone, fine '800, nella storica scuola di armi Shinsen-gumi si presentano due nuove giovani reclute: Kano e Tashiro. Il primo proveniente da una ricca famiglia di mercanti, bellissimo e abile con la spada, il secondo più povero, lo stesso bravo, ma non quanto il suo compagno.
Kano ha tratti femminili, la macchina da presa di Oshima si sofferma sulla bocca sensuale, sul taglio di occhi perfetto del seducente Kano.
Lo sguardo affascinato del regista diventa così lo sguardo di tutti i protagonisti del film: dei capitani della scuola, del tenente, dei compagni tutti, dello spettatore che guarda il film... cominciano in questo momento le domande che il film (ci) pone in continuazione per tutta la durata dei '90 minuti, che si possono riassumere in una definitiva: qual'è la verità?

«Perchè ti sei arruolato come samurai, tu che sei tanto ricco?» chiede Tashiro a Kano, geloso perché il compagno tanto bello è stato subito scelto come assistente del comandante Isami Kondo per una esecuzione a morte per seppuko di un samurai che ha disubbidito al codice Gohatto dei samurai, chiedendo in prestito soldi per motivi personali invece che per la milizia come aveva detto.

Kano non risponde alla domanda del compagno, esegue la condanna con bravura e freddezza più adatta ad un veterano che ad una recluta, questo aumenta solamente di più il suo fascino.
Tashiro (dopo essere stato punito con 5 giorni di isolamento per aver voluto assistere per forza all'esecuzione) dichiara il suo amore a Kano, che dopo un primo rifiuto, accetta la corte e l'amore del compagno.

Il tenente Toshizo Hijikata (un grandissimo Beat Kitano) è l'osservatore principale della storia, quello che si pone le domande che di volta in volta mettono (e lo mettono) in crisi tutta l'organizzazione militare.

«Perchè il comandante è così indulgente con Kano? eppure non ha tendenze omossessuali...», «Perchè Kano si è arruolato come samurai?», «Perchè Kano non si taglia i capelli?",«Kano e Tashiro sono diventati amanti?»...

Bellissima la prova d'armi alla quale vengono sottoposti Kano e Tashiro da Hijikata.
Kano, che è di gran lunga più bravo di Tashiro e che ha messo in difficoltà lo stesso tenente, contro Tashiro soccombe, trema ed esita, «Non ci sono dubbi, sono innamorati» sentenzia e sorride il tenente alla fine della prova.

Kano non è fedele, tradisce con altri compagni Tashiro, ci sono omicidi sospetti tra gli amanti di Kano.
Uno dei capitani della scuola (il più maldestro) viene coinvolto in uno scandalo con un'altra scuola per aver ceduto alla tentazione di battersi con il più bravo Kano, che per osservare il codice Gohatto, non può vincere né sopraffare un superiore, due samurai della scuola avversaria osservano l'addestramento tra i due e deridono il comandante, che è così costretto ad una vendetta che risulterà maldestra come lui
Il tenente Hijikata cercherà di porre nuovamente ordine facendo condurre Kano nel quartiere delle geishe, ma anche in questo caso provocherà solo gran confusione nel sergente che ha il compito di accompagnarlo che rimane anche lui affascinato dai modi di Kano, e per questo viene assalito da un misterioso uomo nella notte.

I sospetti cadono su Tashiro, il comandate Kondo pensa bene di farlo uccidere dallo stesso Kano («che crudeltà» penserà Hijikata).

La parte finale del film è la più visionaria, la più poetica. Oshima ci ha fornito tutte le domande, tutte le «verità», ci ha raccontato le varie versioni, ha sgretolato minuto dopo minuto il severo codice dei samurai, che proprio come l'epoca che i nostri protagonisti stanno vivendo, sta inesorabilmente sparendo.

Hijikata ha mille dubbi, lui e il quarto comandante della scuola Okita hanno il compito di osservare (senza intervenire) l'operazione di morte che Kano dovrà condurre nei confronti del suo amante Tashiro.
Okita dichiara la sua gelosia nei confronti delle attenzioni che i comandanti hanno per Kano, ammette la sua repulsione per i comportamenti omosessuali che molti dei samurai della scuola hanno, anche se ne rispetta i valori e i sentimenti. Racconta al tenente una storia di amicizia e fantasmi legata al giorno della festa dei crisantemi: un povero contadino accudisce e salva un giovane, si giurano amicizia eterna e quando il samurai si presta ad andarsene, si promettono di rincontrarsi il giorno della festa dei crisantemi. Dopo un anno il ragazzo con la madre comincia i preparativi per l'attesa, passa il primo giorno, il samurai non arriva... il secondo giorno si presenta, ma è silenzioso, non mangia, pare triste. Confessa all'amico che gli domanda il motivo di tanto cambiamento che per mantenere fede alla sua promessa si è dovuto uccidere, perché caduto prigioniero non sarebbe mai potuto arrivare da vivo all'appuntamento.

«Perchè Okita leggi simili storie se non hai tendenze vicine a quelle di Kano?»
I mille dubbi di Hijiata, che cominciano a non trovare più risposte, aumentano una volta che arrivano Kano e Tashiro. E' stato davvero Tashiro a uccidere i compagni della scuola? Cosa dice Kano a Tashiro nella parte finale del duello? Okita è innamorato di Kano? e Hijikata stesso è innamorato di Kano? perche Kondo ha dato l'incarico a Kano di uccidere Tashiro?
Non è una storia di amori omosessuali ai tempi dei samurai questa, per lo meno non solo, una delle regole fondamentali del Ghoatto è proprio quella di non uccidere mai per motivi personali, nelle mille domande che Hijikata si pone ci sono solo motivi personali, in tutte le decisioni che vengono prese da tutti i personaggi della storia. Il fascino di Kano è un batterio insidioso che si è immesso nel codice dei samurai, portando confusione e dubbi.

«Perché ti sei arruolato come samurai, tu che sei tanto ricco?» chiede Tashiro a Kano una seconda volta.
«Perché così posso uccidere». E' una delle poche risposte che il film dà, e fa venire i brividi.
Hijikata pone fine alla storia come solo un samurai può fare, estraendo la spada e simbolicamente mettendo fine alla sua epoca.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati