Espandi menu
cerca
Prima o poi mi sposo

Regia di Adam Shankman vedi scheda film

Recensioni

L'autore

steno79

steno79

Iscritto dal 7 gennaio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 231
  • Post 21
  • Recensioni 1556
  • Playlist 106
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Prima o poi mi sposo

di steno79
5 stelle

Jennifer Lopez e Matthew McConaughey tentano di rinverdire i fasti della "screwball comedy" (da alcuni tradotta col termine "commedia svitata") degli anni Trenta, ma il risultato è un filmetto deludente che arriva al finale in maniera prevedibile e spompata. La colpa è essenzialmente di una sceneggiatura sviluppata male, con troppe situazioni che non stanno nè in cielo nè in terra, gag innocue oppure fastidiose (ad esempio quella in cui McConaughey tenta di aggiustare una statua e la sua mano rimane incollata ai genitali), una caratterizzazione dei personaggi italiani abbastanza banale e risaputa. Il regista Adam Shankman, esordiente, tenta di farsi notare con un elaborato piano-sequernza iniziale che sembra la scimmiottatura di quelli analoghi di Paul Thomas Anderson; nella coppia di protagonisti la Lopez batte ai punti un McCounaghey piuttosto ingessato e, fra i caratteristi, non spicca certamente l'antipatica bionda Bridgette Wilson, moglie del tennista Pete Sampras. Tuttavia, qualche scena buffa o tenera qua e là la si trova comunque, che impedisce al film di naufragare completamente: ad esempio la scena in cui il padre della Lopez spiega alla figlia come era nato l'amore con sua madre, a partire da un matrimonio combinato, oppure la scena in cui l'imbranato Massimo, interpretato dall'ex modello di Calvin Klein Justin Chambers, fa una toccante dichiarazione d'amore a Mary e riesce a convincerla a sposarlo.
voto 5/10

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati