Espandi menu
cerca
Lost Girl

Regia di Natalya Kudryashova vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Gangs 87

Gangs 87

Iscritto dal 12 ottobre 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 48
  • Post -
  • Recensioni 1099
  • Playlist 32
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Lost Girl

di Gangs 87
5 stelle

Lera e Gerda sono due facce della stessa medaglia. Lera è la ragazza silenziosa e introversa che studia sociologia e si occupa della madre mentre Gerda è il suo alter ego notturno, lavora in un night club e con i soldi che guadagna si paga la rispettabile (?) vite di facciata che conduce. Ogni notte, nei sogni, uno spirito fa visita a Lera e più la sua vita si complica più lo spirito le appare fino a palesarsi nel mondo dei vivi.

 

La doppia identità è un tema comune alla settimana arte, a volte celata e sottintesa altre volte esplicita e sfacciata. Nel caso di Lera però è necessità. Le due identità si compensano e si supportano fino a diventare un’entità unica, capace di traslare nei sogni facendo in modo di sopportare la penosa esistenza terrena ma proiettando una sublime esistenza divina.

 

Lera è responsabile ma troppo giovane per esserlo. Ennesima storia di periferia malfamata e nullatenente dove l’unico scopo sembra provare ad essere vivi a fine giornata. Dove i sogni svaniscono all’imbrunire e quando torna il giorno sembrano così lontani da essere irraggiungibili. Lera prova a crederci ma lentamente il suo stato d’animo muta e la speranza lascia il posto alla disperazione che però, forse, non prende la meglio.

 

La pellicola di Natalya Kudryashova è uno sguardo reale in quei destini sempre poco raccontati di ragazze perdute, spesso irrecuperabili. Lo fa attraverso una pellicola sì intima ma anche e soprattutto artistica. Inizialmente si fa fatica ad entrare nella narrazione ma il meticoloso lavoro della Kudryashova e l’ottima interpretazione della giovane Anastasiya Krasovskaya, capace di caricarsi sulle spalle l’intera pellicola, trasformano il film in un racconto coinvolgente e sentito.

 

La fotografia gioca molto e in modo consono con l’utilizzo di colori forti e contrastanti. Se le scene notturne, nel club e per strada, così come nelle case dei clienti che le ingaggiano, sono valorizzate da colori tenui e caldi, nelle scene di giorno, a casa, l’utilizzo di palette fredde e cupe crea un contrasto così netto che è facile capire, quantomeno intuire, quello che la regista sembra volerci dire: quel lavoro, per quanto denigrante è per Lera l’evasione necessaria da una vita infelice.

 

Natalya Kudryashova regala il suo sguardo su una realtà amara e difficile. Lera è eroina anticonvenzionale con l’innato coraggio di lottare per la sua libertà, con i soli strumenti che il mondo sporco le mette a disposizione. Seppure lento in alcuni passaggi e difficile da comprendere per lo sguardo artistico ricco di simbolismi, possiede una potente carica di sottile tensione che alimenta l’attenzione per tutto lo svolgimento.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati