Espandi menu
cerca
Final Destination

Regia di James Wong vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 219
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Final Destination

di FilmTv Rivista
6 stelle

Aeroporto di New York. Dopo aver colto presagi sempre più funesti, il giovane Alex, in partenza per Parigi con la scuola, “vede” addirittura il disastro aereo in cui moriranno tutti. Scende di corsa dall’aereo in partenza, e si salva insieme alle cinque persone che, per vari motivi, sono rimaste a terra con lui. Ma questo è niente: perché i superstiti cominciano a morire in incidenti sempre più contorti ed efferati. La spiegazione di tutto la fornisce a metà film (come vuole ogni teoria del romanzo americano, ed ogni horror da “Shining” in poi) un uomo di colore: avete sfidato il disegno della morte, e lei vi sta venendo a riprendere uno ad uno. Muovendosi nelle vicinanze di “Il sesto senso”, uno dei registi di “X-files” e “Millennium” ha innestato il mito di Cassandra sulla logica narrativa degli slasher, per i quali la domanda non è più: «Chi è l’assassino?» ma «In che modo morirà il prossimo?». I modi scelti dalla Mietitrice per le sue vittime sono sempre più contorti, degni dei marchingegni Acme di Wile Coyote. E se l’idea di un horror senza mostri e quasi “senza oggetto” (è solo il caso a uccidere) è apprezzabile, rischia però anche di confondere le regole del gioco. Cosicché, se si sobbalza spesso sulla poltrona, non si capisce bene di che aver paura.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 37 del 2000

Autore: Emilano Morreale

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati