Espandi menu
cerca
The Cursed

Regia di Wai Ying Yip vedi scheda film

Recensioni

L'autore

undying

undying

Iscritto dal 10 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 124
  • Post 41
  • Recensioni 3003
  • Playlist 58
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su The Cursed

di undying
1 stelle

Ci mancava solo il The grudge dei poveri, direttamente in arrivo da Hong Kong. Un ibrido che, nelle intenzioni degli autori, dovrebbe far ridere (e non ci riesce) e allo stesso tempo (riuscendo ancora meno) paura.

 

locandina

The Cursed (2020): locandina

 

Da Hong Kong, la dottoressa Ah Mui (Annie Liu) si trasferisce in Malesia, assieme alle sue due sorelle adottive, per definire il passaggio di una eredità a seguito del decesso della nonna. Nella villa in cui ha preso provvisorio domicilio, iniziano però ad accadere fenomeni paranormali.

 

scena

The Cursed (2020): scena

 

Cantonata cantonese di una piattezza senza eguali. Dopo un incipit in CGI (terribile, come tutti gli effetti successivi) e un preambolo sul trascorso di Ah Mui (figlia rimasta sola, abbandonata dalla nonna, che dalla Malesia finisce per essere adottata ad Hong Kong assieme ad altre due orfanelle), il geniale Wai Ying Yip, regista con in curriculum ben dodici titoli oltre a questo, aiutato in sceneggiatura da altri due autori dal nome impronunciabile (Chat Shing Lau e Theo Ho), ripropone per la milionesima volta il soggetto di... The grudge! Una casa infestata da uno spettro vendicativo femminile con capelli corvini, con variante in questo caso, di occhi fiammanti (rosso fuoco elaborati al computer). Già dopo pochi minuti dall'inizio, il primo cristiano a subire l'ira del fantasma ci preannuncia che The cursed è più commedia che horror: il suo viso inebetito, mentre fissa i teli saltellanti che svolazzano per casa, smuove volontariamente il sorriso. Quando poi l'uomo ripara in soffitta, ci si chiede come mai lo sventurato ospite della casa maledetta abbia radunato una decina di enormi specchi, disposti in circolo. Sono solo inutili dettagli, che nemmeno vale la pena di considerare perché poi -per oltre un'ora- il film oscilla tra battute che vorrebbero essere ironiche (ma non fanno ridere) e situazioni che dovrebbero spaventare (e queste fanno ridere). Vederselo poi in lingua cantonese, equivale più o meno a farsi una camminata di 90 minuti sui carboni ardenti...

 

scena

The Cursed (2020): scena

 

"Un rancore è come un pozzo nero; il perdono come un fiume che scorre." (Chris Northrup)

 

scena

The Cursed (2020): scena

 

F.P. 10/03/2020 - Versione visionata in lingua cantonese (durata: 85'57")

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati