Espandi menu
cerca
Palazzo di giustizia

Regia di Chiara Bellosi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 276
  • Post 184
  • Recensioni 4742
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Palazzo di giustizia

di alan smithee
6 stelle

locandina

Palazzo di giustizia (2020): locandina

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 15 - ALICE NELLA CITTÀ

Cosa accomuna una nevrotica giovane madre con figlioletta vispa e ricettiva al seguito, ed una dolce teenager che si appresta a far ripetere al padre una "lezione" da cui può dipendere il destino di una intera famiglia?

È il Palazzo di Giustizia che lega queste due donne, indirettamente parti in conflitto di un processo su un grave reato che vede schierato da una parte un delinquentello colto in flagranza di rapina, ed un benzinaio che, percosso e piegato dal primo e dal suo compare, ha avuto l'istinto di reagire sparanto ai rapinatori in fuga, ed uccidendone uno.

Giovanni Anzaldo, Daphne Scoccia

Palazzo di giustizia (2020): Giovanni Anzaldo, Daphne Scoccia

Andrea Lattanzi, Bianca Leonardi

Palazzo di giustizia (2020): Andrea Lattanzi, Bianca Leonardi

 

Il Pubblico Ministero si prodica in una concitata arringa in cui intende far riflettere la giuria sulla sproporzione della risposta, rispetto al delitto premeditato e posto in essere: un dubbio che si impantana in sottotracce morali a cui è davvero arduo fornire risposte certe che valgano come risposte da manuale immefiatamente applicabili caso per caso. Ma l'attenzione si sposta dui personaggi apparentemente di contorno, che di impadroniscono della scena interagendo dapprima di malavoglia e goffamente nel corridoio in cui sono stati relegati in quanto minori o ritardatari rispetto all'ora del processo.

Sara Short, Bianca Leonardi

Palazzo di giustizia (2020): Sara Short, Bianca Leonardi

Bianca Leonardi

Palazzo di giustizia (2020): Bianca Leonardi

 

L'esordio in regia di Chiara Bellosi è molto convincente sia a livello di dinamica di riprese, ben scandite su volti e corpi interessanti e ben sviscerati, sia a livello narrativo, permettendo alla storia di completare con accuratezza la definizione di ognuna delle parti coinvolte, tutte dolenti e soccombenti al di là di un giudizio finale che, con lungimiranza, gli sceneggiatori evitano saggiamente di renderci noto.

Bravissimi gli interpreri, tra cui spicca una staordinaria Daphne Scoccia, qui madre nevrotica ma vulnerabile, oltre che compagna del rapinatore reo confesso dalle drammatiche circostanze. Un volto bellissimo ed intenso da tenere d'occhio con attenzione, dopo la scoperta di solo pochi anni orsono grazie all'altrettanto lodevole film Fiore di Claudio Giovannesi. Le fanno da splendido contraltare altre due giivanissime donne, la dolce e dolente, luminosa Sara Short e la piccola e frizzante di umana vivacità Bianca Leonardi, a completare un trio femminile forte ed orgoglioso ben più di quanto nell'aula di giudizio chiunque possa percepire.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati