Richard Jewell

Trama

Durante le Olimpiadi di Atlanta nel 1996 esplode una bomba provocando la morte di una persona. A scongiurare una strage è l'operato di Richard Jewell, una guardia di sicurezza che, scovando uno zaino sospetto, evacua l'area in cui si trova. Tuttavia, non passerà molto prima che i sospetti si concentrino su di lui, sconvolgendogli l'esistenza.

Approfondimento

RICHARD JEWELL: DA EROE NAZIONALE AD ATTENTATORE

Diretto da Clint Eastwood e sceneggiato da Billy Ray, Richard Jewell racconta la vera storia di Richard Jewell, una guardia di sicurezza il cui nome balza agli onori della cronaca quando, durante i Giochi olimpici di Atlanta nel 1996, ritrova una bomba destinata a esplodere al Centennial Park. In breve, Jewell si trasforma in un eroe nazionale in grado di salvare innumerevoli vite. Ma la fama e il desiderio di Jewell di entrare a far parte delle forze dell'ordine dureranno pochi giorni: le indagini dell'Fbi lo trasformano presto nel sospettato numero uno, diffamandolo gli occhi dell'opinione pubblica e facendone l'esistenza a pezzi.

Con la direzione della fotografia di Yves Bélanger, le scenografie di Kevin Ishioka, i costumi di Deborah Hopper e le musiche di Arturo Sandoval, Richard Jewell trae spunto da un articolo per Vanity Fair della giornalista Marie Brenner che ha ricostruito il calvario vissuto da Jewell dopo quel 27 luglio 1996 che ne ha cambiato per sempre la vita. Scoprendo uno zaino sospetto, nascosto sotto una panchina, Jewell fece evacuare l'intera area del Centennial Park, salvando molte persone e riducendo al minimo i danni. Accolto dalla stampa come un eroe, ben presto finì sotto la lente dell'Fbi che sospettava fosse proprio lui l'attentatore, ritrovandosi con la reputazione totalmente distrutta dall'infamante accusa. Colpito dalla vicenda e dal modo in cui la quotidianità di Jewell è stata sconvolta dai media e dalle autorità che prima lo avevano idolatrato, Eastwood ha voluto realizzarne un lungometraggio teso a sottolineare come spesso si creino mostri a partire dal nulla. Ha sottolineato il regista: "Spesso assistiamo a storie di persone potenti che vengono accusate di qualcosa ma, grazie a soldi e potere, riescono a difendersi per bene. Non si è trattato però del caso di Richard Jewell, una persona comune che si ritrova nell'arco di un paio di giorni dall'essere considerato un eroe all'essere perseguitato in tutti i modi possibili. C'era una sorta di fretta a considerarlo colpevole e, idealista com'era, non ne capiva nemmeno le ragioni. Ho voluto dedicargli un film per aiutarlo a riconquistare la reputazione persa. Richard voleva solo divenire poliziotto per aiutare l'umanità ma si ritrova dato in pasto ai lupi dopo un gesto eroico. Ancora oggi, quando si cita il suo nome, tutti pensano a lui come l'attentatore di Boston, sebbene la sua innocenza sia stata provata. Nessuno ricorda come il vero attentatore sia stato arrestato sei anni dopo, reo confesso. Mi auguro che il mio lavoro riporti tutto alla normalità e aiuti la gente a capire come sia stato solo un uomo ordinario che ha compiuto qualcosa di straordinario. Ciò che è successo vent'anni fa potrebbe accadere anche oggi e chiunque in due secondi potrebbe veder cambiare la sua vita in peggio".

"Con lo sceneggiatore Billy Ray - ha continuato Eastwood - abbiamo valutato una grande quantità di materiale. Alla fine, ci siamo concentrati sul punto di vista di Richard e sulla sua collaborazione con l'avvocato Watson Bryant, la prima persona - oltre sua madre - a credere in lui e nella sua innocenza. Ciò mi ha permesso di trattare argomenti che ho sempre esplorato nei miei film: la giustizia. le dinamiche di potere delle forze dell'ordine americane, il comportamento di un uomo medio in circostanze del tutto fuori dal normale. Quella contro Jewell (e sua madre Bobi) è stata una vera e propria caccia alle streghe fatta di pressioni e teorie senza concretezza".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Richard Jewell è il regista, attore e produttore Clint Eastwood. Classe 1930, Eastwood ha vinto quattro Oscar nella sua carriera grazie a Gli spietati e Million Dollar Baby, che hanno ricevuto entrambi due statuette per miglior film e miglior regia. Innumerevoli sono invece le volte in cui le sue opere… Vedi tutto

Commenti (14) vedi tutti

  • Più icona politica o più icona cinematografica?

    leggi la recensione completa di kubritch
  • Caro Eastwood, un altro film da 8 con la facilità di chi la sa lunga... Grazie e lunga vita a te!

    commento di albicla
  • Il male è colui che vede il male nel far del bene

    leggi la recensione completa di Infinity94
  • Gli ultimi Eastwood sono opere di tendenza biopic,ben fatti e ineccepibili....come questo,percio' da vedere.

    commento di ezio
  • Grande Clint! Come sempre...

    leggi la recensione completa di siro17
  • Il grande vecchio di Hollywood….non si smentisce mai alla barba dei soloni dell'Academy

    commento di ripley2001
  • Una madre, un avvocato non molto brillante e un piccolo e obeso eroe permettono ancora una volta che non venga tradita la più gloriosa e perfetta delle Costituzioni: quella Americana!

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Quando vai al cinema con alte aspettative e poi il film è perfino meglio, il biglietto è ridotto e ti omaggiano di un buono sconto nella migliore gelateria della zona... beh, a quel punto di senti come Richard Jewell al termine della sua epopea, puoi continuare a credere nel tuo mito: lui nella polizia, tu nel cinema fatto bene. Voto: 9.

    leggi la recensione completa di andenko
  • RICHARD JEWELL è sicuramente il migliore fra tutti i film sfornati dal vecchio Clint negli ultimi 10 anni. Dopo HEREAFTER, beninteso.

    leggi la recensione completa di iena
  • Non c'è pace per l'obeso agente di sicurezza Richard Jewell, che prima viene acclamato come un eroe, per aver salvato molte vite durante l'attentato alle Olimpiadi di Atlanta del 1996 e poi indagato come presunto terrorista dai federali.

    leggi la recensione completa di Marco Poggi
  • Un film perfetto, straordinariamente snobbato dall'Academy. Ergo Oscar snobbabili.

    commento di monsieur opal
  • La bravura del regista nel catturare gli sguardi assorbe lo spettatore dal primo minuto. E ciascuno di noi si ritrova, ora nel povero imbranato, nei nostri ricordi più bui, ora nell'avvocato, quando abbiamo dovuto sopportare altri. Il messaggio morale e l'invito a condurre una vita retta è il più grande regalo che ci consegna il grandissimo regista

    commento di Pochimabuoni
  • Eastwood torna dopo Sully a raccontare una storia vera di un “eroe per caso” che si trova, dopo l'acclamazione iniziale, ingiustamente sotto accusa. Diretto con mano sicura, delinea, grazie all'azzeccato protagonista Paul Walter Hauser, un ritratto umano e rispettoso di un uomo ordinario ed imperfetto sottoposto a pressione eccezionale.

    leggi la recensione completa di port cros
  • È un Clint Eastwood più puro (e duro) che mai quello di Richard Jewell, senza sconti e senza riserve ci mostra un altra storia americana, Grande cinema e grandi interpreti.Clint Forever.

    leggi la recensione completa di GIMON 82
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

GIMON 82 di GIMON 82
9 stelle

Vedere un film di Eastwood è immergersi nei luoghi sicuri della propria cinefilia, è come avere di fronte quel vecchio e burbero zio che ha sempre un aneddoto da raccontare.Con modi spicci e scevri d'inutili moralismi egli ci riporta ai vecchi miti del cinema, questa volta presentandoci un eroe infantile e pacioccone.Una sorta di  "incel" ante litteram che cade nella rete del… leggi tutto

19 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

kubritch di kubritch
5 stelle

Come tutti i film dell'iconico Eastwood, assurto a simbolo dei "destrorsi" contestatori del "sinistrorso" pensiero unico, o moralismo globalista, senza cadute estremistiche, anche in questo caso si tratta di un racconto con un preciso orientamento politico-morale. L'intento di Eastwood non è puramente estetico; penso lo consideri un intento minore, di servizio, rispetto al tema politico… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2020
2020

Recensione

kubritch di kubritch
5 stelle

Come tutti i film dell'iconico Eastwood, assurto a simbolo dei "destrorsi" contestatori del "sinistrorso" pensiero unico, o moralismo globalista, senza cadute estremistiche, anche in questo caso si tratta di un racconto con un preciso orientamento politico-morale. L'intento di Eastwood non è puramente estetico; penso lo consideri un intento minore, di servizio, rispetto al tema politico…

leggi tutto
Recensione

Recensione

Infinity94 di Infinity94
9 stelle

Una storia vera, umana, universale trasportata sul grande schermo dal maestro Clint Eastwood,che lo ha diretto e prodotto,con un cast d'eccezione nel raccontare la vicenda di Richard Jewell(Paul Walter Hauser),una guardia di sicurezza con il sogno di diventare un giorno un poliziotto vero,un'autorità con la sola aspirazione di salvare e proteggere le vite umane. Siamo in America, in…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

penelope68 di penelope68
8 stelle

Cosa potrebbe accadere durante un concerto nel periodo delle Olimoiadi del 1996 ad Atlanta ? Può succedere che ci sia uno zaino contenente esplosivo e che a trovarlo sia una guardia giurata ingenua e solerte . La stessa che diventa eroe per un giorno e poi il sospetto numero uno . E solo un avvocato può credergli e fare di tutto per scagionarlo. Eastwood prosegue nel narrare l'…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

diomede917 di diomede917
8 stelle

Il 90enne Clint Eastwood ha incanalato la sua ultima parte di carriera nel raccontare l’America di oggi attraverso gli Eroi quotidiani come fosse un novello Frank Capra ma conservando quella tigna che solo Clint Eastwood ha nel suo DNA. Da American Sniper a Sully, da The Mule a Ore 15,17 e ora è il turno di Richard Jewell. Richard Jewell è quello che possiamo definire un…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

galaverna di galaverna
7 stelle

E' curioso come il buon Clint, dopo una carriera di attore quasi sempre in ruoli vincenti, abbia scelto, nella sua non lunga ma prolifica "seconda vita" di regista, di dedicarsi a protagonisti sostanzialmente perdenti o quantomeno ai margini, dalla ragazza pugile con un passato (e soprattutto un futuro) difficile, all'ultimo bianco rimasto a vivere in un quartiere di ispanici ed asiatici, fino…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

siro17 di siro17
8 stelle

Che goduria vedere un signore di 90 anni che riesce a fare film del genere. Speriamo che ci preserverino Eastwood così, per sempre. Perchè solo lui è riuscito ancora una volta a narrarci un fatto di cronaca con gli occhi del disincanto in modo tagliente ma senza una parola o un'immagine di troppo. Il ragazzone Richard Jewell, prima eroe poi antieroe per un'accusa ingiusta (e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

Andreotti_Ciro di Andreotti_Ciro
7 stelle

Ad Atlanta nel 1996, Richard Jewell, guardia di sicurezza in servizio durante un concerto che precedeva i giochi Olimpici, scoprì per caso uno zaino abbandonato affianco a una panchina e contente un ordigno pronto a esplodere. Di propria iniziativa decise di fare evacuare la zona scongiurando una strage e limitandone i danni. I media lo dipinsero subito come un eroe, ma iniziarono anche a…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

Gangs 87 di Gangs 87
8 stelle

Per un pochino di tempo ho evitato di andare al cinema a vedere i film di Eastwood, regista il cui stile ho sempre apprezzatto ma che, nelle ultime pellicole, sembrava sbiadito, incapace di emozionare e coinvolgere come un tempo.   E se American Sniper e Sully finivano per essere pellicole piacevoli da guardare ma senza quel guizzo in più, posso asserire con convinzione che…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti

Recensione

laulilla di laulilla
8 stelle

  Ultima fatica dell’infaticabile Clint, quasi novantenne, che sembra ormai dirigere a occhi chiusi, mettendo la sua invidiabile esperienza di cineasta, il suo gusto infallibilmente sobrio, al servizio del suo credo civile: l’amore per gli Stati Uniti, e per i valori della Costituzione americana, che da sempre garantisce la libertà di tutti i cittadini, nonostante le…

leggi tutto

Recensione

Mulligan71 di Mulligan71
8 stelle

Eastwood infila, ormai, un grande film dopo l'altro e credo non ci siano più parole per decantarlo a sufficienza. "Richard Jewell" s'inserisce con una tale scioltezza, con una tale autorevolezza, nel flusso costante di una cinematografia mai, e dico mai, sotto il livello di guardia, con qualche capolavoro piazzato qua e là, tanto per gradire. Anche in questo film, come tipico del…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti

Recensione

YellowBastard di YellowBastard
8 stelle

Basato sulla vera storia dell’”eroe di Atlanta” raccontata in un articolo firmato da Marie Brenner per l’edizione americana di Vanity Fair del 1996 intitolato American Nightmare: The Ballad of Richard Jewell e, molto più recentemente, da Kent Alezander e Kevin Salwen nel libro The Suspect: An Olympic Bombing, the FBI, the Media and Richard Jewell, the man caught in…

leggi tutto
Recensione
Utile per 12 utenti

Recensione

andenko di andenko
9 stelle

Quando vai al cinema con alte aspettative e poi capita che il film le surclassi perché è perfino meglio, scopri che il biglietto ti è costato meno perché era un pomeriggio di mercoledì e che, per giunta, ti hanno omaggiato di un buono sconto nella migliore gelateria della zona... beh, a quel punto di senti come Richard Jewell al termine della sua epopea, puoi…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

iena di iena
9 stelle

Sembra che gli incassi di RICHARD JEWELL fossero stati inizialmente piuttosto deludenti, per quanto riguarda i box-office nordamericani (ma pare che nel resto del mondo -Italia compresa- questo splendido film stia andando piuttosto bene). Secondo me, uno dei motivi per cui questo film non sta avendo successo negli USA (ma credo che sulla lunga gittata riuscirà comunque a recuperare)…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

"Ricorda che il potere può trasformare le persone in mostri. E tu Richard devi evitarlo". Durante il corso dei giochi olimpionici di Atlanta negli Usa, nel 1996, una scrupolosa ed a tratti sin bizzarra guardia del corpo precaria di nome Richard Jewell, sventa clamorosamente i disastrosi effetti che uno zaino pieno di esplosivo trovato nel bel mezzo di un concerto organizzato…

leggi tutto
Recensione
Utile per 13 utenti

Recensione

Marco Poggi di Marco Poggi
8 stelle

Non c'è pace per l'obeso  agente di sicurezza Richard Jewell, che prima viene acclamato come un eroe, per aver salvato molte vite durante l'attentato alle Olimpiadi di Atlanta del 1996 e poi indagato come presunto terrorista dai federali. Ennesima grande regia di Clint Eastwood, che aggiunge  un terzo tassello ai "veri eroi americani", dopo "SULLY" e "ORE 15,,17-…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

champagne1 di champagne1
8 stelle

Atlanta 1996: un attentato dinamitardo in corso di un concerto in occasione delle Olimpiadi avrebbe potuto creare un strage; tuttavia l'addetto alla sicurezza che la evita finisce nei guai ....     La storia, anche dell'attualità, è piena di spunti narrativi che possono ispirare la sceneggiatura  di un film. Poi un altro conto è realizzarla veramente e…

leggi tutto

Recensione

port cros di port cros
7 stelle

  Clint Eastwood torna sul tema, già affrontato nel precedente Sully del 2016, della storia vera di un uomo comune che dimostra qualità eroiche trovandosi in un momento di grave pericolo (l'ammaraggio di emergenza di un aereo sull'Hudson nel primo caso, la scoperta di un ordigno esplosivo alle Olimpiadi di Atlanta nel 1996) riuscendo a salvare la vita a molte persone, per…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

GIMON 82 di GIMON 82
9 stelle

Vedere un film di Eastwood è immergersi nei luoghi sicuri della propria cinefilia, è come avere di fronte quel vecchio e burbero zio che ha sempre un aneddoto da raccontare.Con modi spicci e scevri d'inutili moralismi egli ci riporta ai vecchi miti del cinema, questa volta presentandoci un eroe infantile e pacioccone.Una sorta di  "incel" ante litteram che cade nella rete del…

leggi tutto
Recensione
Utile per 20 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito