Espandi menu
cerca
La congiura degli innocenti

Regia di Alfred Hitchcock vedi scheda film

Recensioni

L'autore

will kane

will kane

Iscritto dal 24 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 80
  • Post 6
  • Recensioni 4131
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La congiura degli innocenti

di will kane
8 stelle

Quando uscì venne presentato sui manifesti come "l'Hitchcock che non vi aspettavate", e ancora oggi, benchè figuri tra i classici del regista de "Il caso Paradine", è considerato una mezza anomalia nella carriera dell'autore inglese: "La congiura degli innocenti" è una commedia a sfondo giallo, che verte più su equivoci e raggiri, viaggiando piuttosto su un fraintendimento generale. Al centro di tutto c'è un cadavere, che viene trovato in una radura, di cui un maturo ex-marinaio si crede responsabile, per uno sparo tirato a casaccio, in una battuta di caccia; nella faccenda vengono coinvolti un pittore spiantato, una sposina con figlio a carico, e una nubile che comincia ad immalinconirsi. Tutti vogliono capire cosa sia successo, e  contribuire a coprire il misfatto: il Caso, ovviamente, getterà tutti in confusione e risolverà autonomamente la vicenda, con lieto fine per tutti. Se si vuole, è una delle pellicole più apertamente sarcastiche di Hitch, perchè, nonostante i non pochi sorrisi che suscita, il tono lieve e il quadro "old tradition" con i colori di un autunno vivo, si mette in scena il pratico cinismo di un piccolo gruppo assemblato fortuitamente, il ripetuto vilipendio di un cadavere, i raggiri alla legge del posto, e una latente ottusità truccata da semplicità; ambientato in un microcosmo che pare estrapolato dal mondo dei "Looney Tunes", il film è diretto, scritto e recitato con una leggerezza mirabile, godibile dalla prima all'ultima sequenza, e Hitchcock non perde neanche qua il vizio di giocare con la suspence, soprattutto nel prefinale, in cui i sotterfugi dei quattro protagonisti rischiano di essere scoperti. Esordio per Shirley MacLaine, mentre John Forsythe tratteggia un "eroe" con lati oscuri e spigolosi, come quando finge di farsi piacere il figlioletto di lei. Una chicca che non può mancare a cinefili vari, e soprattutto agli appassionati del grande Alfred.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati