Espandi menu
cerca
Agguato a Tangeri

Regia di Riccardo Freda vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 153
  • Post 16
  • Recensioni 10409
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Agguato a Tangeri

di mm40
5 stelle

John, agente FBI in incognito, indaga a Tangeri su un grosso giro di narcotraffico. Nel tempo libero trova modo di frequentare la bella Mary, ma il facoltoso Henry Bovelasco, padre di lei, lo tiene a distanza. Ciò che John scoprirà su Henry sarà scioccante.

Con Agguato a Tangeri, Riccardo Freda – sotto pseudonimo anglofono: Robert Hampton – tenta la carta del noir: e con discreta resa in termini estetici e di intrattenimento. Ne viene infatti fuori una pellicola fosca, nebbiosa, complice anche la fotografia in bianco e nero di Gabor Pogany e la colonna sonora jazzata di Lelio Luttazzi; un film misterioso e dai personaggi, per quanto tagliati con l’accetta, gravidi di segreti, volutamente inafferrabili. La sceneggiatura è opera di un team di scrittura a otto mani composto dal regista, da Sandro Continenza, da Paolo Spinola e da Vittoriano Petrilli; la storia sostanzialmente si regge in piedi da sé, il ritmo c’è e tanto basta per gli obiettivi del lavoro. Fra gli interpreti sono in evidenza Gino Cervi, Edmund Purdom, Genevieve Page e Felix Dafauce; in veste di produttore troviamo Antonio Cervi, figlio del protagonista, che qualche anno dopo passerà dietro la macchina da presa col nomignolo di Tonino. Agguato a Tangeri è un prodottino senza tanti fronzoli, né aspettative, ma nei suoi limiti adeguatamente rifinito. 5/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati