Espandi menu
cerca
Nel nome del male

Regia di Alex Infascelli vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 132
  • Post 16
  • Recensioni 8894
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Nel nome del male

di mm40
4 stelle

Giovanni, imprenditore di mezza età, e sua moglie Lucia si trovano quotidianamente a scontrarsi con il figlio adolescente Matteo. Finchè un giorno questi sparisce nel nulla. Indagando, Giovanni scopre una fosca trama di satanismo che coinvolge anche altri ragazzi scomparsi.

Per essere un film realizzato per la televisione, Nel nome del male risulta senza dubbio ben confezionato e dotato di un’estetica e di una narrazione assolutamente cinematografiche al cento per cento; si tratta d’altronde di una produzione Sky, marchio che in questi anni garantisce standard qualitativi di un certo livello (cosa che non sempre fanno Rai e Mediaset, ma generalizzare sarebbe inutile qui). Alex Infascelli si ritrova perfettamente a suo agio con questo piccolo congegno thriller suddiviso in due parti, per una durata complessiva di circa due ore e mezza; anche la scelta del protagonista è azzeccata e Fabrizio Bentivoglio convince nei panni dell’impassibile, scettico uomo del nordest pian piano trascinato in una spirale di odio, violenza, sangue, black metal e satanismo. Nel cast compaiono anche Michela Cescon, Vitaliano Trevisan e Alessandra Agosti; il soggetto è di Paola Barbato, che ha anche scritto la sceneggiatura insieme a Salvatore De Mola. La tensione non è sempre uniforme, ma rimane comunque a livelli accettabili senza subire evidenti cali; qualche approssimazione nella costruzione psicologica, soprattutto degli adolescenti, è perdonabile. Il successivo lungometraggio a soggetto di Infascelli arriverà solamente otto anni più tardi: Piccoli crimini coniugali (2017), girato per il grande schermo. 4/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati