Espandi menu
cerca
Doctor Sleep

Regia di Mike Flanagan vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Leman

Leman

Iscritto dal 18 giugno 2019 Vai al suo profilo
  • Seguaci 9
  • Post 2
  • Recensioni 11
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Doctor Sleep

di Leman
2 stelle

Quando credi che non ci sia limite al peggio, Doctor Sleep riesce a peggiorare ulteriormente.

locandina

Doctor Sleep (2019): locandina

Shining è uno dei migliori film horror della storia del cinema. Quando mi hanno parlato dell'uscita di questo seguito del film di Kubrick basato sul romanzo scritto da Stephen King, anch'esso seguito dello Shining letterario, mi aspettavo un prodotto dignitoso in quanto dietro la macchina da presa c'era Mike Flanagan, regista di quella piccola perla di Oculus. La lettura del libro "Doctor Sleep" di Stephen King però mi ha subito smorzato l'entusiasmo. Per quanto ami King, è inutile negare che Doctor Sleep sia uno dei suoi libri più mediocri e che l'abbia scritto probabilmente solo per lucrare sul successo di uno dei suoi romanzi più famosi. È risaputo ormai che King odia il film di Kubrick, in quanto non ha adattato fedelmente il suo romanzo. Quello che King non ha mai capito è che in verità Kubrick aveva stravolto il romanzo proprio per rispetto verso l'opera letteraria, che non poteva essere adattata fedelmente sul grande schermo senza risultare ridicola. Il grande Mick Garris deve il suo peggior lavoro proprio alla volontà di King di pretendere un adattamento fedele di Shining. Per quanto la miniserie di Garris sia effettivamente un adattamento più fedele del romanzo di King, è anche vero che la maggior parte delle scelte che funzionavano su carta, risultavano invece involontariamente comiche nella trasposizione. Non ha importanza ciò che dicono King e i suoi seguaci, The Shining di Stanley Kubrick rimane a tutt'oggi uno dei film più belli della storia del cinema. Un'opera che trascende il suo genere, portando lo spettatore in una dimensione angosciante dove il lato oscuro dell'essere umano viene rivelato, portando chi guarda il film a farsi domande sulla propria moralità e sulla falsità del mondo che ci circonda.

Doctor Sleep di Mike Flanagan invece fa schifo.

Gli autori di questo film sono riusciti in un'impresa che credevo essere impossibile. Sono riusciti a fare un adattamento di King peggiore di IT: Capitolo 2. Roba da non credere.

Incominciamo a spiegare le ragioni per cui fa schifo, perché abbiamo tanto di cui parlare.

 

Ewan McGregor

Doctor Sleep (2019): Ewan McGregor

Il problema con questi adattamenti dei romanzi di Stephen King è sempre quello. Questi film non sanno cosa vogliono essere. Questo obbrobrio, sulla carta, vorrebbe essere un horror. E allora dov'è l'orrore? Dov'è la paura, la costruzione della tensione, l'atmosfera? Ormai le case di produzione credono che basti mettere ogni tanto qualche mostro fatto al computer e qualche effetto sonoro da cartone animato per fare un horror. No, mi rifiuto di credere che ci siano persone che si sono spaventate per davvero davanti a questo film. Ogni singola scena che tentava di suscitare angoscia nello spettatore era ridicola e ogni singolo tentativo di costruire la tensione non aveva alcun senso. Ciò che lo rende peggiore di IT 2, è il fatto che tra l'altro per la maggior parte del film io non ho nemmeno avuto l'impressione di stare assistendo ad un horror. Mi sembrava di star guardando uno di quei film fantasy di Serie B per famiglie che davano su Italia 1 tempo fa. Almeno IT tentava di spaventare. Falliva miseramente, ma almeno ci provava. Questo film invece è talmente pigro da credere che allo spettatore basti poco per essere spaventato. Qualche faccia brutta, qualche jumpscare, qualche effetto sonoro ed è fatta. Ma l'horror non funziona così. 
Il montaggio poi è tremendamente discontinuo e frettoloso. Ciò aumenta ancora di più la sensazione di star assistendo ad un prodotto montato in fretta e furia e senza un'idea precisa dietro la sua realizzazione.
Il film tenta di parlare anche di tematiche come l'alcolismo, ma è tutto trattato in maniera così superficiale da risultare irritante. Il film per tutta la prima parte parla di alcolismo, per poi dimenticarsene completamente e riprendere il problema solo per una scena di 5 secondi di Ewan McGregor (che ci regala la peggior prova attoriale della sua carriera) che butta via una bottiglia di whisky. Questo vi sembra un modo rispettoso e sensato di parlare di tematiche serie? Shining di Kubrick era un film che parlava della famiglia e non smetteva mai di parlare di tale tema per concentrarsi su altre cose di cui non fregava nulla a nessuno. A differenza di questo Doctor Sleep, che invece per 3/4 di film parla di cose di cui non te ne potrebbe fregar di meno. La regia fin troppo edulcorata di Flanagan e gli effetti speciali terrificanti di certo non aiutano.

 

Rebecca Ferguson

Doctor Sleep (2019): Rebecca Ferguson

Ma qual'è la trama di Doctor Sleep? Semplice, Danny c'ha gli svarioni, diventa alcolista e dopo qualche anno passato a fare l'inserviente finalmente decide di smettere di essere alcolista, facendosi aiutare dall'amico cattolico. Per lui si apre una nuova vita, peccato per il fatto che entra in contatto con questa bambina doppiata male che come lui ogni tanto la butta troppo di fuori. Ciò non sarebbe grave, se non venissimo a conoscenza pure di questa congrega di Hipster immortali che per nutrirsi sniffano l'anima dei bambini morti. Non sto scherzando, i cattivi del film sono degli hipster metallari che sniffano l'anima dei bambini affetti dalla luccicanza. Diciamo che nel romanzo questa cosa suonava meno stupida. Così come l'idea del vapore che esce dal corpo dei morti, che nel film è resa in maniera ridicola. Rebecca Ferguson ovviamente sa dove si trova la bambina, ma non la va a cercare perché sennò il film finirebbe dopo 5 minuti. Dopo un'ora e mezza passata a non fare assolutamente nulla, se non avere i soliti svarioni, Danny va dalla bambina e le dice "ehi, questi tizi brutti ti vogliono far fuori, perché invece non li facciamo fuori noi?".

E parte così la componente ACTION del film, dove assistiamo ad una sparatoria piena di schizzi di sangue fatti al computer e dove degli esseri dotati di poteri sovrannaturali portano delle pistole per sconfiggere una bambina di 13 anni, facendosi uccidere tutti da due tizi che non hanno mai usato un fucile per uccidere una persona in vita loro. Nonostante si sia beccata tre colpi di fucile a pompa in petto, la ragazza bionda del gruppo degli hipster immortali riesce comunque a far suicidare l'amico di Danny, in una scena che vorrebbe farci star male per la morte di un personaggio di cui non ci ricordiamo nemmeno il nome. Resta il fatto che tutti i cattivi muoiono, tranne il braccio destro di Rebecca Ferguson, che uccide il padre della bambina, rapisce quest'ultima, ma muore in un incidente stradale per non essersi messo la cintura. Ricordate bambini,  la sicurezza prima di tutto! 
Rimane solo Rebecca Ferguson e visto che Danny si è reso conto che metà della sala si sta per addormentare dalla noia, decide di portare la bambina nell'Overlook Hotel per risvegliare l'attenzione degli spettatori. E qui inizia lo scontro finale fra Jack Nicholson Jr. armato di ascia (ovviamente ancora limpida dopo 40 anni) e la Strega Sniffa Bambini, armata di tacchi a spillo e di un cappello magico la cui importanza rimane tutt'ora un mistero. Obi-Wan sta per essere sopraffatto dalla lato oscuro della forza, ma arrivano in suo soccorso tutti i personaggi di Shining che fanno evaporare la Strega Hipster e poi si impossessano di lui. Ma quello che non sanno è che Danny prima di combattere la Ferguson ha lasciato accese le bombole del gas (avete presente no, quelle spente da 40 anni) e attraverso un sacrifico eroico e senza senso riesce a distruggere l'hotel e a salvare la bambina. Ma tranquilli, perchè dopo essere morto Danny ricompare come fantasma della forza alla bambina Luccicante e gli dice che là fuori esistono molti altri Hipster che la vogliono uccidere e deve quindi aiutare le persone come lei a salvarsi da questi mostri.

Aspetta un momento... personaggi tagliati con l'accetta, scontro tra bene e male, bambini coi superpoteri, uno scontro finale con sacrificio da parte dell'eroe... ora ho capito, Doctor Sleep è un film di supereroi! 

Rebecca Ferguson, Kyliegh Curran

Doctor Sleep (2019): Rebecca Ferguson, Kyliegh Curran

Ebbene sì, rifletteteci.

Doctor Sleep è un film di supereroi. I bambini con la luccicanza nel film usano i loro poteri come se fossero mutanti e devono imparare a controllarli per sconfiggere il male. Inoltre sono oppressi da un gruppo di uomini cattivi che si vestono come metallari e vogliono ucciderli per scopi malvagi, mentre loro sono eroi, sono puri e quindi devono sconfiggere i cattivi. La loro etica non viene mai messa in discussione, in quanto sono i salvatori del mondo e quando sembra che le cose si mettano male, arriva sempre qualcun altro ad aiutare l'eroe a sfuggire da quella situazione. Per non parlare poi delle innumerevoli situazioni classiche da film di supereroi dove il cattivo sta per uccidere l'eroe ma prima deve fargli un discorso finale e quindi spreca l'occasione. Questa cosa accade non una, non due, ma ben tre volte durante il film. Ovviamente il film non può non finire a taralucci e vino e si conclude con l'eroe che si sacrifica per salvare il mondo e l'apprendista che prende il suo posto.

Come in film alla Batman V Superman o alla Venom, i dialoghi sono o talmente stupidi e banali da risultare esilaranti o talmente confusi e pretenziosi da far sentire stupido lo spettatore, che così crederà di star assistendo ad un film più intelligente di quello che in realtà sta guardando.

 

Almeno il lato positivo è che ora sappiamo in quale genere possiamo inserire questo film. 
Perché anche se come film supereroistico funziona benissimo, devo ricordare che come horror fallisce miseramente, come film drammatico fa ridere, come Thriller non riesce a trasmettere nulla e come film a se stante da Shining non riesce mai a trovare la sua personalità. 
E come seguito di Shining... beh, di questo parliamo ora. 

Roger Dale Floyd

Doctor Sleep (2019): Roger Dale Floyd

La cosa più disgustosa e di cattivo gusto del film è senza ombra di dubbio l'assurda quantità di omaggi e citazioni alla pellicola di Kubrick. Dopo nemmeno un quarto d'ora di citazioni senza senso fatte per gli appassionati e di scene ricreate inquadratura per inquadratura senza alcun gusto estetico, chiunque abbia avuto in sala un cacciavite e uno scroto ha imparato a utilizzare contemporaneamente entrambe le cose. Infatti vi devo rivelare di una patologia molto simile alla luccicanza che mi affligge ormai da tempo, più o meno dai tempi dell'ultima serie di Battlestar Galactica. Questa patologia è rappresentata da Giggino, l'uomo delle citazioni. Giggino è infatti colui che ogni volta che vado al cinema a vedere un film che omaggia altri film del passato continua a darmi gomitate per farmi capire che c'è una citazione. 

Ogni volta che nel film si palesava un personaggio, una battuta, un evento o una location che citava lo Shining di Kubrick, Giggino mi dava una gomitata, dicendomi "Eh, eh, ti ricordi di questa cosa eh, eh" strizzando l'occhio destro continuamente. 
Verso metà film comincio a notare che Giggino non mi da più nessuna gomitata e preoccupato mi giro, notando che sta leggendo una rivista. Lui mi guarda e mi fa sapere che questa è la parte centrale dove il film tenta di essere originale risultando ancora più noioso e quindi tornerà quando il film smetterà di tentare la strada del finto coraggio e tornerà a fare Fan-Service da 4 soldi. L'atto finale del film, dove riviviamo praticamente ogni situazione vista in Shining e dove le citazioni sembrano non finire mai, causano in Giggino orgasmi multipli che portano ad un consequenziale arresto cardiaco. Ora Giggino è in riabilitazione, gira voce si stia esercitando per tornare questo dicembre con l'uscita del nuovo film di Star Wars. 

 

Jack Nicholson, Joe Turkel

Shining (1980): Jack Nicholson, Joe Turkel

E ora la domanda sorge spontanea. Era veramente necessario fare un'operazione nostalgia per rievocare alla memoria un film come Shining? Veramente Shining di Kubrick dal punto di vista dei produttori è un qualunque prodotto da vendere alle masse e da cui trarre mille seguiti, come se fosse un film della Marvel, della DC o di qualunque altro franchise? Veramente siamo arrivati al punto di dover riciclare un'idea vecchia di 40 anni per attirare gente in sala? Veramente in nome del futile guadagno commerciale siamo disposti a portare disonore ad un classico di questo calibro e a far morire pure quella pochissima originalità rimasta al cinema moderno?

La cosa più brutta di Doctor Sleep non è tanto la sua scrittura, in quanto ce ne sono molti di film scritti peggio di questo, per quanto effettivamente questo sia scritto e montato veramente male. La nota dolente che realmente affossa Doctor Sleep è il fatto che è talmente ossessionato dal paragone col suo predecessore da non riuscire a reggersi sui suoi stessi piedi, risultando sia irrispettoso in quanto seguito di uno dei film horror più belli di sempre, ma anche disonesto come prodotto a se stante. Ogni tentativo di imitare Shining risulta uno scimmiottamento mal fatto e ogni omaggio più che rievocare piacevoli memorie, irrita e non poco.
Peccato, perché Flanagan è un regista capace e di sicuro sa fare il suo lavoro.

Ma questo film non lo doveva fare. Shining è un film che non andava toccato e non doveva assolutamente essere distrutto in una maniera così blanda e superficiale. Se volete vederlo, dategli pure una possibilità. Se lo guardate con gli occhi bendati e una scopa nel sedere forse potrebbe anche piacervi. 
Io invece vado a riguardarmi Shining, chi vuole seguirmi si risparmierà gli Hipster sniffa bambini e i marmocchi con i poteri da mutanti. 
A voi la scelta.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati