Espandi menu
cerca
Synonymes

Regia di Nadav Lapid vedi scheda film

Recensioni

L'autore

gaiart

gaiart

Iscritto dal 30 luglio 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 24
  • Post 6
  • Recensioni 250
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Synonymes

di gaiart
9 stelle

Il dramma della rivoluzione In tutto e dico in tutto, questo film è un'opera d'arte perchè per me un’opera d’arte è buona se nasce da necessità.

 

Il dramma della rivoluzione

 

In tutto e dico in tutto, questo film è un'opera d'arte perchè per me un’opera d’arte è buona se nasce da necessità.

 


 

"Questo è il pane dei forti ed il trionfo dello spiritualismo; crudele come la natura, questo dipinto ha il profumo tutto dell'ideale. Quale era dunque la bruttezza che la santa Morte lo ha così prontamente cancellata con la punta della sua ala? Marat può ormai sfidare Apollo, la Morte lo ha ora baciato con labbra amorose, e lui riposa nella quiete della sua metamorfosi. Vi è in questa opera alcunché nel contempo di tenero e pungente; nell'aria fredda di questa camera, su questi muri freddi, intorno a questa fredda e funebre vasca da bagno, si libra un'anima»

Baudelaire, così si espresse ritenendo la tela un «poema inconsueto», e nel 1846 scrisse un'analisi del dipinto destinata a rimanere un riferimento celebre.
Synonymes, il film di Lapid in tripla produzione isreaeliana, francese, tedesca,si apre con una visione di sicura matrice e citazione francese, un must di Parigi e suoi musei, ovvero parliamo del Marat Assassinato che, per chi non conosce il quadro di Jacques-Luis David, non il parrucchiere, ma l'artista francese del 800, era un rivoluzionario, un politico che fu trovato assassinato nella vasca da bagno con in mano la finta lettera di Madame Cordet che chiedeva di essere ricevuta.
Proprio come Tom Mercier, l'antieroe simil-pazzo un pò fool shakesperiano accecato dal dolore, o forse con l'Asperger, di sicuro stanco di Israele, devastato da qualcosa che non racconta che ne ha fratturato l'anima, decomponedola, come un vaso di fiori smunti, dopo una settimana: il protagonista.

Una regia sorprendente, con tagli di visione indubbiamente artistici si annegano in scelte musicali assassine che cristallizzano la devastazione di un'anima arrivata da Israele a Parigi dimenticando la lingua Hebrew, scordando tutto il passato, allontanando familiari e amici. Tabula rasa.

Un inquadratura dal basso dell'angolo destro del fanale di un audi nera, riprende i personaggi amici. La danza sfrenata della magica Pump up the jam dei Technotronic dallo strano protagonista col suo elegantissimo cappotto saffron tone di cui si sbarazza spesso per evidenziare glutei indomabili, pene sempre eretto e torso estratto dal museo Rodin nell'hotel Biron a Fauborg St-Germain, scuote una telecamera fino alla morte di suoni e colori omogenizzati, frullati come le fragole in un frappè estivo. E così rimane lo spettatore: frastornato da tante idee, colori, sensazioni.
La pellicola è come un quadro di arte contemporanea: incomprensibile ai più, ma per gli altri pochi, un capolavoro.  Se fosse un dipinto sarebbe di sicuro un Rothko.
In tutto e dico in tutto, questo film è un'opera d'arte; lo è nelle musiche con una colonna sonora amaranto come il cappotto, di grandissimo gusto e raffinatezza, che va dal Concerto in C maggiore per oboe italiano a Sympathique di Pink Martini o Here come the girls o Angelorum di Casey MQ, il concerto in E minore per violino Op. 64, o il cello concert in E minor, OP 85.
Lo è nelle parole, la lettterarietà e poesia di chi cerca pseudonimi diversi dal dolore delle parole della sua lingua.
Lo è negli esempi visivi d'arte, nelle inquadrature, negli ambienti eleganti, nel volti, nella fotografia e negli scorci paesaggistici e cittadini della Parigi rive gauche.
Inoltre lo è nella tematica profonda e calda: quella che separa le vite di Oriente e Occidente. Di coloro che hanno vite segnate da missili e coloro che le hanno invece segnate da righe di cocaina. Da coloro che sono prigionieri di guerre, bombe a mano, granate sotterranee, borders militari e coloro che invece hanno il dramma mattuttino di che abito scegliere di indossare, coloro il cui vuoto cosmico interiore ed intellettuale è riempito da insipidi programmi televisivi e dalla troppa ricchezza che svuota i neuroni e li priva di sinapsi.
Un occidente marcito. Un oriente in decomposizione a causa del marcio occidente. Di questo narra Synonymes, cercare un'alternativa, un sinonimo appunto - al dolore.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati