Espandi menu
cerca
Dolor y gloria

Regia di Pedro Almodóvar vedi scheda film

Recensioni

L'autore

port cros

port cros

Iscritto dall'8 settembre 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 21
  • Post 3
  • Recensioni 276
  • Playlist 7
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Dolor y gloria

di port cros
8 stelle

Almodóvar firma con questa pellicola dalle tinte autobiografiche la sua opera migliore degli ultimi anni, realizzando al suo solito un melodramma, questa volta più malinconico, sensibile e trattenuto, senza le esplosioni di pianti o di riso a cui ci aveva abituato.

72 Festival di Cannes 2019

In concorso

 

Gran ritorno del maestro spagnolo con una storia dal chiaro sapore autobiografico. Salvador Mallo, maturo regista afflitto da mille dolori fisici e dalla vena creativa inaridita dalla depressione, si rimettere in contatto con Alberto, l'interprete di Sabor, un suo successo di gioventù, da cui si fa coinvolgere nel consumo di eroina, sollievo per attutire i dolori che lo affliggono, e che scrittura per recitare a teatro un monologo ispirato al suo passato. Questa nuova opera lo porta a riflettere sul suo esistenza, sull'infanzia trascorsa in povertà vivendo in un a curva ( sorta di grotta sotterranea), e sul rapporto con la madre, nonché sulla sua più importante relazione con un uomo, che il monologo gli farà rincontrare. Ed il ritrovamento di un disegno risalente all'infanzia gli darà la carica per la rinascita artistica definitiva,  ritornando a girare cinema, con "El Primer Deseo".

Almodóvar firma con Dolor y Gloria la sua opera migliore degli ultimi anni, realizzando al suo solito un melodramma, questa volta più malinconico, sensibile e trattenuto, senza le esplosioni di pianti o di riso a cui ci aveva abituato. Anzi, pare essersi ispirato al consiglio che Salvador dà ad Alberto durante la preparazione dello spettacolo: “il più grande attore non è quello che scoppia a piangere, ma quello che lotta per trattenere le lacrime".

Antonio Banderas

Dolor y gloria (2019): Antonio Banderas

Tante le scene maiuscole disseminate lungo la pellicola, tra queste voglio citare quelle, accompagnate dalle note della nostra Mina, sensuali e tenere della scoperta della sessualità del giovanissimo protagonista, guardando il corpo di un ragazzo,  muratore analfabeta, a cui il più piccolo Salvador insegnava a leggere e a scrivere.

Banderas offre una buona incarnazione di un alter ego del suo Maestro, venendo premiato al festival di Cannes, che forse avrebbe potuto conferire a Pedro un premio più importante. Una materna Penelope Cruz si ispira alla nostra Sofia Loren nel mondo dell'infanzia de (spoiler), vera genialata finale.

Penélope Cruz

Dolor y gloria (2019): Penélope Cruz

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati