Espandi menu
cerca
Un valzer tra gli scaffali

Regia di Thomas Stuber vedi scheda film

Recensioni

L'autore

gaiart

gaiart

Iscritto dal 30 luglio 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 24
  • Post 4
  • Recensioni 233
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Un valzer tra gli scaffali

di gaiart
8 stelle

Un film sofisticato, sia dal punto di vista musicale che intellettuale. Troubles comes knocking, i guai vengono bussando, ci narra un altro pezzo strepitoso che puntella e anima tutta la storia. L’eleganza del nulla, del vuoto. Varie piccole vite, di Bruno, di Marion, la depressione in Germania e in tutta Europa.

Un valzer tra gli scaffali

 

Non vale la pena dire troppo in film del genere. Più si dice e meno poetici si diventa; è molto meglio lasciar parlare le piccole scene, i piccoli scambi di parole, i grandi momenti musicali di questa intensa pellicola.

 

Come in una colonia lunare, con gli stessi toni di grigio e ombre, il supermercato all'ingrosso in cui è ambientato il film, vive di vita autonoma e diviene quasi un personaggio superpartes. Allietato da musiche stupende che timbrano l’anima di un disadattato come la bellissima e monocorde EASY dei Son Lux che dice Is easy losing control, "è facile perdere il controllo", reitera la ripetitività di una vita da operaio e di un ragazzo fragile, Christian che impariamo ad amare per la sua delicatezza e sensibilità durante tutto il corso della pellicola.

Innamorato di Miss Dolciumi, la collega Marion che copre lo scaffale dei dolci, il protagonista è un ragazzo docile con un passato burrascoso aggravato da un labbro leporino, un difetto fisico e di pronuncia che implode la sua interiorità e lo fa assomigliare all’americano Joaquin Phoenix.

 

Protagonista principale e fautore del successo di questa pellicola, nei panni di Christian, è il bravissimo attore Franz Rogowski.

Un cast d'eccezione, ma basterebbe già solo il bravissimo Rogalskwi a reggere ottimamente questo film.

 

Nato a Friburgo nel 1986, Rogowski si è formato come ballerino e performer prima di dedicarsi alla recitazione e prendere parte a titoli amati dalla critica come Happy end di Haneke, Victoria. Al suo fianco, nei panni di Marion, recita Sandra Hüller, resa celebre in tutto il mondo dal ruolo di protagonista in Vi presento Toni Erdmann.

 

Con la direzione della fotografia di Peter Matjasko, le scenografie di Jenny Roesler, i costumi di Juliane Maier e Christian Röhrs, Un valzer tra gli scaffali viene così raccontato dal regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Berlino 2018: "Il film è l'adattamento di una storia breve di Clemens Meyer, un racconto che non potevo lasciar perdere, soprattutto in un mondo fatto di rampe di carico, sigarette fumate di nascosto durante il turno, incontri alla macchinetta del caffè, capireparto e strette di mano a fine turno. Questa idea di un giovane uomo solitario riservato che si ritrova a tuffarsi di notte tra i corridoi di un supermercato mi è piaciuta fin da subito. La storia di Meyer ha al suo interno un'immensa profondità e tragedia, ma ha bisogno di pochi dettagli per animarsi e divenire viva. Molte cose rimangono non dette, le conclusioni spesso restano nell'aria. Il lettore prima e lo spettatore del film poi, hanno bisogno di mettere insieme da soli i pezzi".

 

Amore e morte al supermercato. Marion, Bruno, Rudi, Irina, Klaus e gli altri personaggi non vanno al di là dei confini degli scaffali. Ciò che rimane è la consapevolezza che la comunità, il calore e un po' di felicità sono possibili solo tra i corridoi nel supermercato e non oltre.

 

Un film sofisticato, sia dal punto di vista musicale che intellettuale. Troubles comes knocking, i guai vengono bussando, ci narra un altro pezzo strepitoso che puntella e anima tutta la storia come fa anche Es ist ein ros dei Wiener. . o Grinnin' In Your Face di Son House.

 

L’eleganza del nulla, del vuoto. Varie piccole vite, di Bruno, di Marion, la depressione in Germania e in tutta Europa. Viene sottolineato anche il tema della mancanza di lavoro, il riassorbimento di aziende, il fallimento, le difficoltà di vite, economie e solitudine. Solo le relazioni tra colleghi, amici, amanti possono salvare le anime e il mondo con o senza un muletto trasportatore.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati