Espandi menu
cerca
All You Can Eat Buddha

Regia di Ian Lagarde vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Badu D Shinya Lynch

Badu D Shinya Lynch

Iscritto dal 28 marzo 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 86
  • Post 1
  • Recensioni 158
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su All You Can Eat Buddha

di Badu D Shinya Lynch
7 stelle

Dopo Le Gars nel film di Dumont, è il turno di Mike nell'esordio di Lagarde: un uomo con dei poteri sovrannaturali che ri-conduce il divino verso una dimensione umana, che ri-porta il trascendentale ad un livello terreno, affiancandosi, quindi, al discorso dumontiano che prevede un (altro) misticismo laico, manifestato, al di là del bene e del male, da una (a)storica figura misticheggiante (Buddha, Cristo, One Eye), destinata ad immolarsi, a sacrificarsi per il rinnovo della società, per una sorta di rinascita sociale, per far risplendere la luce dopo le tenebre in quest'isola (che non c'è) intesa come luogo-mondo, perché, in fondo, ogni spazio ha (o attende) il proprio monolite nero; destinata a reiterarsi su altri decadenti globi d'argento.

 

Un film affascinante, ambiguo, scivoloso.

Inafferrabile.

E il Cinema trionfa ancora una volta.

 

Ludovic Berthillot

All You Can Eat Buddha (2017): Ludovic Berthillot

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati