Espandi menu
cerca
L'insulto

Regia di Ziad Doueiri vedi scheda film

Recensioni

L'autore

michemar

michemar

Iscritto dal 13 dicembre 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 30
  • Post 9
  • Recensioni 345
  • Playlist 4
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'insulto

di michemar
8 stelle

Un film che si può giudicare universale, perché le divisioni politiche, razziali, di religione sono fuochi che diventano incendi in tutte le parti del mondo: errore considerarlo un film su una storia privata, su una banale contesa tra persone. L’insulto riguarda tutti.

 

 

 

“Ma insomma, il problema è il tubo o l’insulto?”

“Non lo so!”

Ecco, in queste due battute si potrebbe racchiudere il senso profondo di un film profondo, di un film molto eloquente per entrare con la mente in quelle terre e capire le infinite guerre del Medio Oriente, specificatamente delle terre del Libano e della Palestina, abitate da etnie e religioni diverse. Ciò che sorprende di più del valentissimo regista Ziad Doueiri è il suo equilibrio, la sua incredibile capacità di rimanere a metà strada tra le due parti duellanti senza schierarsi a favore dell’una o dell’altra. Anzi, mostrandoci due protagonisti caparbi e fieri, entrambi alla disperata ricerca di giustizia, alterna sequenze di trama in cui ora sembra voler favorire l’uno, ora l’altro. Perché egli trova evidentemente giusto poter dare a ciascuno la possibilità di esporre le proprie idee e quindi l’occasione di avere giustizia in una disputa causata da un banale diverbio. È una delle tante storie che accadono nella sua terra che diventa però una storia di tribunale, un vero e proprio legal thriller girato alla maniera classica, quasi un remake copiato da uno dei maestri del legal-movie: Sidney Lumet. Il dibattito in aula infatti copre buona parte del film, ma mai annoiando, mai appesantendo la storia, perché la strepitosa sceneggiatura scritta a quattro mani dal regista stesso e la sua ex moglie Joelle Touma non ci molla un attimo, non fa mai cadere la nostra attenzione. Doueiri stesso richiama l’attenzione sul fatto che non è una storia del Bene contro il Male ma di Bene contro Bene: i personaggi sono – in quanto rifugiati – entrambi vittime e quindi vogliono tutti e due giustizia, con la sola differenza che se uno, Yasser, ormai sfiduciato, non crede più alla giustizia mentre l’altro, l’irascibile Tony, invece la pretende, convinto che gli sia dovuta.

 

Adel Karam

L'insulto (2017): Adel Karam

 

La lite però diventa da banale litigio – oltre che una causa penale - un caso politico nazionale, un incidente che assume proporzioni inaspettate, come per dare seguito alla ancestrale faida tra le fazioni di maroniti e musulmani che lacera quella terra, infuocando gli animi già esacerbati dei cittadini e di chi segue la vicenda da vicino. Dice il regista: “Nasce tutto dal periodo forse peggiore della mia vita. L’idea arrivò da un evento molto simile a quello scatenante del film. Un incidente stupido tra me e un operaio, degenerato all’improvviso in qualcosa di più grande, doloroso. Lì è finita in uno scambio di insulti e parolacce, ma rimasi ossessionato dall’ipotesi che la lite potesse facilmente divenire un affare nazionale se avessimo continuato su quei binari. Ne parlai con mia moglie, ora ex, che era presente e contribuì a far sì che tornassimo a più miti consigli. Mi scusai col suo capo per il mio comportamento, ma il boss lo licenziò. Allora presi le sue difese: da nemici divenimmo alleati e allora capii. Capii subito che era la premessa, la miccia di qualcosa di importante.”

 

Kamel El Basha

L'insulto (2017): Kamel El Basha

 

Un’opera passionale si potrebbe definirla, perché l’eccellente regista libanese, qui al suo quarto lungometraggio, inquadra il bollente problema dell’odio che divide la popolazione del suo Paese tra cristiani-maroniti e arabi palestinesi raccontandola con sentimento vibrante, tramite una sceneggiatura eccezionale, con una storia che appassiona fin dai primi minuti. Basterebbe un gesto di pace, anche piccolo, una parola breve, “scusa”, ed invece ognuno dei due duellanti non cede di un millimetro, anche se per ragioni diverse.

 

Kamel El Basha, Adel Karam

L'insulto (2017): Kamel El Basha, Adel Karam

 

Ma il suo sguardo è pieno di speranza e volontà di rappacificazione, perfino non ostile verso le due parti contendenti, creando quindi lo scontento su entrambi i fronti. Motivo per cui, dopo il tripudio ricevuto a Venezia e uno dei protagonisti, Kamel El Basha, premiato con la Coppa Volpi, il sorpreso regista è stato arrestato appena rientrato in patria. Ulteriore dimostrazione della situazione caotica e nervosa che regna nel Paese.

 

Kamel El Basha, Diamand Bou Abboud

L'insulto (2017): Kamel El Basha, Diamand Bou Abboud

 

Oltre ad una regia praticamente perfetta, una recitazione che sbalordisce da parte di tutti gli attori (ma che bravi Kamel El Basha e Adel Karam, meritavano entrambi la Coppa Volpi!) e una sceneggiatura da Oscar con dialoghi di forte impatto e coinvolgenti, è un film che rapisce e incanta, parla con il cuore e l’anima e lascia un senso di rabbia perché si prova impotenza davanti alle orribili vicende dei massacri e delle rivolte che tutt’oggi insanguinano il Medio Oriente che qui vengono mostrate con alcuni reperti filmati originali. Ma anche uno sprazzo di speranza, un lampo di luce positiva si avverte nella conclusione del film, quando finalmente i due uomini si guardano negli occhi senza più odio.

 

Adel Karam, Kamel El Basha

L'insulto (2017): Adel Karam, Kamel El Basha

Un film che si può giudicare universale, perché le divisioni politiche, razziali, di religione sono fuochi che diventano incendi in tutte le parti del mondo: errore considerarlo un film su una storia privata, su una banale contesa tra persone. L’insulto riguarda tutti.

Bravo Ziad Doueiri! 

Ziad Doueiri

L'insulto (2017): Ziad Doueiri

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati