Trama

Durante la ristrutturazione di un edificio a Beirut, Toni, un cristiano libanese, e Yasser, un profugo palestinese, si scontrano su uno sciocco problema di tubature. Ne deriva una discussione e Yasser finisce con l'insultare Toni. Ferito nella sua dignità, Toni decide di sporgere denuncia dando così avvio a una spirale infernale con l'inizio di un lungo processo destinato a far parlare molto di sé.

Approfondimento

L'INSULTO: SENZA VINCITORI O VINTI

Diretto da Ziad Doueiri e sceneggiato dallo stesso con Joelle Touma, L'insulto è ambientato nella moderna Beirut e racconta la storia dello scontro davanti a un giudice tra Toni, un libanese cristiano, e Yasser, un rifugiato palestinese, che per via di un insulto che il primo si è sentito rivolgere dal secondo. Durante il processo, che finirà per attirare le attenzioni dei mass media e dell'intera nazione, emergeranno ferite mai rimarginate e traumatiche rivelazioni che porteranno a un'esplosione sociale senza precedenti. Mentre il dibattimento in aula diventerà sempre più acceso per via dello scontro tra i due avvocati delle parti, che sono anche un padre e una figlia, Toni e Yasser riconsidereranno le loro esistenze e i loro pregiudizi.

Con la direzione della fotografia di Tommaso Fiorilli, le scenografie di Hussein Baydoun, i costumi di Lara Mae Khamis e le musiche di Éric Neveux, L'insulto viene così presentato dal regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Venezia 2017: "L'insulto nasce da qualcosa che mi è realmente accaduto diversi anni fa a Beirut. Ho avuto una discussione con un idraulico per una questione di molto banale. Gli animi, però, si sono surriscaldati rapidamente e ho pronunciato le stesse parole che si sentono nel film. L'accaduto in sé potrebbe essere considerato insignificante ma insignificanti non sono le connotazioni sociopolitiche e le sensazioni del sub inconscio che richiama. Quando si pronunciano certe parole, si vanno a toccare sfere molto personali e a ferire volontariamente i sentimenti dell'altro. Joelle Touma, la cosceneggiatrice di L'insulto, era con me quel giorno e mi ha poi convinto ad andare a chiedere scusa all'idraulico offeso. Costui però ha rifiutato le mie scuse. Sono allora andato dal suo capo e, quando questi voleva fare dell'accaduto un pretesto per licenziarlo, ho immediatamente preso le difese del mio "nemico". Qualche giorno dopo, ho realizzato che quanto mi era accaduto era una buona premessa per una storia da trasporre sullo schermo basata su un evento da cui rapidamente si genera una spirale di violenza senza controllo.

Sono solito cominciare i miei film con una certa tensione derivante da un incidente per indagare la piega che prendono gli eventi e i cambiamenti che il protagonista subisce. Nel caso di L'insulto avevo non uno ma due protagonisti: Toni e Yasser. Entrambi hanno i loro difetti ed entrambi nascondono passati contraddistinti da una serie di demoni interiori. In più, vivono in un ambiente elettrico, costantemente in tensioni. Toni ha anche un segreto, qualcosa che ha vissuto, di cui non vuole parlare, che considera come un tabù e che reputa una grande ingiustizia. Yasser, invece, ha affrontato molti ostacoli lungo il suo percorso e l'esperienza lo ha portato a non credere più nel sistema giudiziario. L'evolversi della loro vicenda fa inoltre luce sulle conseguenze della guerra civile libanese terminata nel 1990 senza vincitori e vinti. Nonostante le mie origini e quelle della cosceneggiatrice (proveniamo da contesti differenti), ho cercato di non prendere le difese di nessuna delle parti e di rimanere imparziale. Nessuno può dire chi siano i buoni e chi i cattivi presenti in L'insulto.

Ho scelto di far evolvere la vicenda in una dramma giudiziario. Per uno sceneggiatore, mettere due protagonisti all'interno di un'aula di tribunale equivale a farli confrontare faccia a faccia in una sorta di moderno western. Seppur in un ambiente chiuso, Toni e Yasser si stanno sfidando a duello al pari dei loro due rispettivi avvocati, un padre e una figlia che simboleggiano due diversi modi di affrontare la giustizia e la Storia".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere L'insulto è il regista e sceneggiatore Ziad Doueiri. Nato a Beirut il 7 ottobre 1963, Doueiri è cresciuto durante la guerra civile che dal 1975 al 1990 ha sconvolto il Libano. All'età di 20 anni però si è trasferito per motivi di studio negli Stati Uniti, dove si laurea in cinema presso la San Diego… Vedi tutto

Commenti (9) vedi tutti

  • Nessuno può dire di avere il monopolio della sofferenza.

    leggi la recensione completa di champagne1
  • Incentrata su un'offesa che all'inizio non si giustifica, accompagna il pubblico, come fosse una giuria fantasma, alla comprensione delle violenze di oggi a partire da quel luogo di violenze e atrocità che è la storia, storia di cui l'uomo è autore e quindi anche causa dei suoi mali. Bello ma non convince sempre, lascia il retrogusto di artefatto.

    commento di filobus
  • da vedere, se non altro perchè costringe a ristudiarsi l'assurda storia del libano moderno: ma quello che all'inizio sembra volutamente didascalico, piano piano si manifesta come l'incapacità della sceneggiatura di cogliere le motivazioni più profonde delle azioni dei protagonisti, e di accontentarsi di una soluzione buona per tutti

    commento di carloz5
  • Chi può raccontare la storia convinto di stare dalla parte giusta? Se basta un “cane “ per arrivare sull’orlo della guerra civile,c’è qualcosa che non funziona e chissà se mai potrà funzionare ancora.

    leggi la recensione completa di yume
  • Un film potente e Imperdibile!

    leggi la recensione completa di siro17
  • I non pochi pregi del film costituiscono, paradossalmente, anche i suoi difetti: troppe storie si infilano, come le matrioske, l’una nell’altra e, per quanto ben sviluppate dall’attentissimo regista, non sempre trovano la sintesi narrativa necessaria.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Un film che si può giudicare universale, perché le divisioni politiche, razziali, di religione sono fuochi che diventano incendi in tutte le parti del mondo: errore considerarlo un film su una storia privata, su una banale contesa tra persone. L’insulto riguarda tutti.

    leggi la recensione completa di michemar
  • non sarà diretto da un mago della storia del cinema, ma la veemenza e l'efficacia con cui il regista affronta l'argomento, è encomiabile. attori protagonisti molto in parte, in particolare quello che NON ha vinto la Coppa Volpi, Adel Karam, che ha un volto e soprattutto un tono di voce, ehm...biblico! avvrebbe giovato una sountrack meno invadente.

    commento di giovenosta
  • Parola chiave di questo film è il termine arabo “kallema”: parola, che viene ripetuta spessissimo. Come possono le parole modificare le nostre esistenze? E una parola è equiparabile a un pugno o può essere addirittura più grave? Altri vocaboli che determinano l’andamento di questo potente film sono: Verità, Giustizia, Sofferenza.

    leggi la recensione completa di gaiart
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

obyone di obyone
7 stelle

74. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica. Mi perdoni Israel Zangwill (lui drammaturgo ebreo, inglese e sionista, per giunta) per la divertita insolenza di utilizzare un termine da lui coniato nel 1908 nella sua opera omonima, per classificare la nuova fatica del regista libanese Ziad Doueiri. Già, perché mi viene naturale definire "L'insulto" come un'opera "Melting Pop",… leggi tutto

10 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

laulilla di laulilla
6 stelle

Accolto con molto successo a Venezia, quest’anno, dove è valso la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile all’attore Kamel El Basha, questo film è stato accolto molto meno entusiasticamente in Libano, dove, nel tentativo di bloccarne l’uscita, si è pensato bene di arrestare il regista, con l’accusa di tradimento, per aver girato… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

champagne1 di champagne1
8 stelle

Nella Beirut moderna vivono ancora tensioni solo apparentemente sopite. In questo contesto quando Tony (attivista della destra nazionalista con il solito slogan "prima i libanesi") ha un banale alterco con Yasser (capocantiere palestinese che vive, come quasi due milioni di suoi simili, nei campi profughi) , le origini e l'appartenza dei due - oltre a una buona dose di orgoglio caratteriale - si…

leggi tutto
Recensione
Utile per 12 utenti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti

Recensione

nicepicture di nicepicture
7 stelle

Un film dalla struttura semplice, con buoni attori, qualche ingenuità nella sceneggiatura , ma che si può assulutamente perdonare, compensata ampiamente dall'impatto politico emotivo della vicenda. Quando l'intento di questi lavori non  è solo un'esrcizio estetico, ma vuole essere di impegno civile ,  a superare drammi storici difficilmente risolvibili ,…

leggi tutto
Recensione
Disponibile dal 22 marzo 2018 in Dvd a 16,38€
Acquista
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 9 voti
vedi tutti
Il meglio del 2017
2017

Recensione

obyone di obyone
7 stelle

74. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica. Mi perdoni Israel Zangwill (lui drammaturgo ebreo, inglese e sionista, per giunta) per la divertita insolenza di utilizzare un termine da lui coniato nel 1908 nella sua opera omonima, per classificare la nuova fatica del regista libanese Ziad Doueiri. Già, perché mi viene naturale definire "L'insulto" come un'opera "Melting Pop",…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 4 dicembre 2017
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito