Espandi menu
cerca
Blow Out

Regia di Brian De Palma vedi scheda film

Recensioni

L'autore

axe

axe

Iscritto dal 23 marzo 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 29
  • Post -
  • Recensioni 1388
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Blow Out

di axe
8 stelle

Jack Terry, ex-poliziotto e tecnico del suono, trovandosi di notte in un luogo isolato con lo scopo di registrare rumori ambientali, è testimone involontario di un incidente; una vettura, sfondato un parapetto, finisce in un fiumiciattolo sottostante. Tuffatosi, Jack, riesce a mettere in salvo la passeggera, Sally. Il conducente, un influente uomo politico, muore annegato. Da subito, l'evento assume sfumature di mistero. Sally, pur mostrando riconoscenza a Jack, assume un atteggiamento evasivo. Jack è invitato a tacere circa la presenza della ragazza. Un uomo dichiara, sui media, d'essere stato presente e di non aver visto altri che il politico, rendendo disponibile anche un filmato che mostrerebbe i fatti. L'istinto spinge Jack ad approfondire la vicenda, anche per far chiarezza sul ruolo di Sally, dalla quale è attratto, svelando l'esistenza di un piano attuato per eliminare il politico di rilievo. Tra i cospiratori vi è un sicario spietato, il quale è pronto a tutto pur di nascondere le proprie tracce. "Blow Out" è un thriller diretto da Brian De Palma ed interpretato, nei ruoli dei protagonisti Jack e Sally, da John Travolta e Nancy Allen, all'epoca delle riprese moglie del regista. Pur avendo ad oggetto un disegno criminoso, i contorni di tale vicenda rimangono vaghi; non è chiaro chi e perchè abbia cospirato contro l'uomo assassinato. Il registra concentra la propria attenzione sui protagonisti ed il rapporto che li lega. Jack ha un passato nelle forze dell'ordine; da sempre appassionato di tecnologie di registrazione del suono, le ha applicate al proprio lavoro, causando involontariamente la morte di un collega. Perde il posto di poliziotto, non l'istinto; si è rifatto una vita lavorando come tecnico del suono per produzioni cinematografiche di basso livello, applicando con passione le proprie conoscenze. Coinvolto nello strano incidente, comprende immediatamente che qualcosa non quadra. Dunque, avvia la propria indagine conducendola con testardaggine, non solo per una questione di orgoglio personale, ma anche, e soprattutto, per proteggere sè stesso e Sally da persone che hanno interesse a che un omicidio passi per un tragico incidente. Jack è un uomo d'esperienza; Sally una giovane inesperta del mondo, incosciente ed assai sprovveduta; è finita in un "gioco" molto più grande di lei, ha rischiato già una volta la vita, ed è priva di punti di riferimento. Jack la convince fidarsi, ma ciò non le porta fortuna. Finirà uccisa dal sicario, determinato in un modo tale da lasciar immaginare che egli non faccia del male solo per convenienza ma anche per proprio piacere; di lì a poco anche l'assassino rimane ucciso, portando via con sè ogni possibilità di dimostrare l'esistenza di un complotto. Jack, già non creduto, rimane in possesso di informazioni ormai inutili, e di un'audioregistrazione degli ultimi minuti di vita della dolce, ingenua Sally. Utilizza con successo l'urlo di terrore della giovane in un film, imprimendo nell'eternità di una pellicola un segno del breve transito su questo mondo di un'anima semplice, le cui tracce sarebbero state altrimenti destinate a svanire rapidamente. Brian De Palma fa metacinema; in più occasioni mostra l'attività dei tecnici del suono, gli strumenti, le modalità operative, la pazienza certosina e la passione che applicano sul lavoro, nonostante spesso gli sforzi non siano ripagati. Il gran movimento di bobine, l'intenso lavorìo dei registratori richiama sequenze del film "La Conversazione" di Francis Ford Coppola, con il quale l'opera di Brian De Palma ha punti di contatto; la tensione è costante per l'intero racconto. Di forte impatto è l'epilogo; l'ambizione di Jack, unitamente alla sua ossessione, conduce ad un ulteriore fallimento, causando di nuovo la morte di un innocente. Di ciò, in questa occasione, è a conoscenza solo Jack; non essendo tutta la vicenda dimostrabile, è destinato a convivere per sempre con la dura verità, senza che gli sia data la possibilità di espiare. L'America di Jack e Nancy, è, come in molto cinema dell'epoca, rappresentata quale terra piena di contraddizioni. Al benessere diffuso, all'ottimismo di facciata celebrato con parate e festeggiamenti, fanno contraltare avidità, disagio sociale, sfruttamento. Brian De Palma dirige un thriller teso, dalle atmosfere cupe, contraddistinto da un epilogo spiazzante, pessimista e di certo molto coraggioso.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati