Espandi menu
cerca
Ucraina addio: "Dal vostro inviato agli Horrorpei 2012"
di LIBERTADIPAROLA75 ultimo aggiornamento
Playlist
creata il 3 film
Segui Playlist Stai seguendo questa playlist.   Non seguire più

L'autore

LIBERTADIPAROLA75

LIBERTADIPAROLA75

Iscritto dal 10 luglio 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 180
  • Post 329
  • Recensioni 1477
  • Playlist 164
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Ucraina addio: "Dal vostro inviato agli Horrorpei 2012"

Ci troviamo a Kiev, ridente cittadina ('nsomma) della democratica (?!?) Ucraina. 
Tutti ci sorridono, le strade sono pulite come le vorremmo in Italia.
Stranamente non ci sono cani randagi a sporcare la città e spaventare i turisti...è proprio tutto pulito!
Entriamo in una pasticceria e il profumo dei dolci ci trascina in una fiaba "condita" (è proprio il caso di dirlo!) dai "dolci" sorrisi delle commesse vestite dei tipici abiti colorati di un tempo.
Usciamo a fare un giro nelle viuzze del borgo antico, quelle dove i tetti delle case sono rimasti come allora. Le chiese. I monumenti...tutto sembra alimentare questa nostra favola e un sogno dal quale ci sveglieremo solo quando l'arbitro darà il fischio d'inizio e li entreremo in una fiaba speranzosa: l'Italia porterà a casa la vittoria? 
Questo infatti di questi tempi è il problema più importante!
Chi è rimasto nel Belpaese (!?!) sa benissimo che i nostri soldi vengono investiti in cose utili come le imprese della nostra Nazionale all'estero, i film culturali di Federico Moccia e Luca Licini (!), lo stipendio di politici che lavorano al flipp...ehm! volevo dire in Parlamento per trovare leggi giuste che alimentino    
l'industria mafios...ehm! l'industrializzazione e l'occupazione in un lavoro serio e vario nel quale i giovani possono imparare molto (e già...cambiandolo sempre ogni due o tre mesi impareranno tanti mestieri differenti!!!).
In attesa del calcio d'inizio ci spostiamo nella ridente campagna...qua è tutto magico e romantico...che belli i fiumi, i laghi, i colori della natura...in mezzo a tutto questo verde, blu, marrone, notiamo un avvallamento di ancor più variopinti colori, il tutto condito da tante chiazze rosse...un rosso acceso...un rosso vivo! Ma siamo sicuri che sia davvero...vivo???
Ci avviciniamo silenziosi, speranzosi di catturare con il nostro obiettivo uno spettacolo della natura che abbia il profumo dell'amore...il nostro cuore di reporter comincia a palpitare...
Ci stiamo avvicinando...siamo ormai prossimi a documentare questa eclatante meraviglia...
-l'obiettivo si apre- -la ripresa si sposta verso l'alto- -ripresa aerea allargata sulla vallata-
Adesso vediamo tutti di cosa si tratta:
Ammassati a mucchi e con la lingua penzolante ci sono moltissime carcasse di cani e gatti...ecco perchè nelle città non c'erano cani e gatti randagi!!!
Adesso la fiaba è distrutta! Il sogno è diventato incubo!
Chiudiamo gli occhi per non vedere questo orrore e ci vengono pensieri malati sulla strage...
Rivediamo quelle povere bestie che vagano per la città cercando una carezza, una coccola da quello che consideravano il loro migliore amico...l'uomo!!!
Ma si può ancora chiamare uomo quella bestia, quell'animale che per un semplice gioco uccide gli esseri viventi?
Guardiamo questo avvallamento dell'animo umano, immagini che speriamo di non rivedere mai più...guardiamole con rabbia...guardiamole con il rispetto che meritano quelle povere bestie uccise...guardiamole con pietà...ma soprattutto... guardiamole con vergogna!!!
-leit movie che si consiglia di ascoltare a questo punto della lettura:  http://www.youtube.com/watch?v=xfv6zIAt5Fo-
Torniamo in città decisi a questo punto di filmare ed indagare su tutto quello che pensiamo che questa gente ci nasconda...d'ora in avanti ci occuperemo sia dei dolci che del salato...
E così saltano fuori gli altarini...i nodi vengono al pettine...gli scheletri escono dall'armadio e si avviano al cimitero...
Per finanziare le strutture degli Europei l'Ucraina ha utilizzato fondi che erano destinati alla costruzione di un ospedale pediatrico oncologico che si occupasse dei bambini malati di cancro...
Adesso quell'ospedale non si potrà più fare...
E la colpa è di un altro cancro...il tumore che la società malata ha nei confronti del calcio...
Torniamo in Italia dove non sono ancora terminati i processi verso la corruzione dell'ambiente calcistico...
E' passata la legge a favore dei licenziamenti senza giusta causa...nessuno sembra badarci...vivono tutti nel sogno della favola calcistica della nostra Nazionale...
Con le mani in tasca mi avvio a fare quattro passi in un campetto di periferia...vedo un ragazzino che palleggia molte volte e poi lancia la palla nel prato...il suo cane la insegue...si scartano ridendo tra di loro...poi il bambino si getta per terra e il cagnolino si mette a leccarlo sulla faccia, lui ride e accarezza il cane, si rotolano poi riprendono a giocare...spero che non cambino mai...mi torna alla mente un bambino...il piccolo Davide...io...
che tanto tempo fa giocava in un oratorio e non pensava che il calcio potesse essere denaro e morte...
E' arrivato il tramonto...in lontananza vedo che al bambino si sono uniti altri bambini...alcuni sono anche stranieri...
inseguono il pallone insieme al cane...le loro sagome sono scure...lo sfondo è rosso...ma stavolta è un rosso...Vivo!!!
Forse è la più bella partita al quale ho mai assistito...
-leit movie:  http://www.youtube.com/watch?v=uwus-6Hu0Kw-

Playlist film

Mondo cane

  • Documentario
  • Italia
  • durata 110'

Regia di Gualtiero Jacopetti, Franco Prosperi, Paolo Cavara

Mondo cane

In streaming su Infinity+

20mila tra cani e gatti randagi uccisi a bastonate, fucilati e avvelenati. Questo il bilancio verosimile, probabilmente per difetto, del massacro di quadrupedi avvenuto in Ucraina da diversi mesi a questa parte per rendere le città dell’ex repubblica sovietica “presentabili” in vista degli Europei di Calcio dell’estate 2012.
Per questo l’eurodeputato dell’Idv Andrea Zanoni, e il fotoreporter Andrea Cisternino, hanno deciso di sensibilizzare l’opinione pubblica italiana sul tema attraverso un ciclo di quattro conferenze intitolate Il pallone che uccide che ieri sera ha visto la sua ultima tappa da “tutto esaurito” allo Zanhotel di Bologna, dopo Mestre, Trento e Udine.
E mentre Cisternino sta documentando da diversi mesi con fotografie e video gli orrori ucraini, vivendo in Ucraina e lavorando a stretto contatto con le associazioni di volontariato del luogo, Zanoni ha appena presentato un’interrogazione alla Commissione europea per chiedere che l’Ue usi tutto il suo peso diplomatico per spingere le autorità ucraine a fermare queste uccisioni: “Mi rifaccio all’articolo 19 del trattato di Lisbona dove è scritto che gli animali sono esseri senzienti e tutelati dalla legge dell’uomo”, spiega l’eurodeputato ambientalista, “La domanda che pongo è questa: in che modo e in che quantità l’Unione Europea sta finanziando l’Uefa? Dunque, quanto noi cittadini stiamo direttamente contribuendo a tutta una serie di tragici eventi che comportano questa strage di cani?”.
Zanoni ha anche scritto personalmente al presidente ucraino Victor Yanokovych e al Premier Mykola Azarov per chiedere un intervento deciso e immediato di stop alle barbare uccisioni di massa: “Con altri 21 colleghi del Parlamento Europeo abbiamo chiesto a Yanokovych di bloccare il massacro. E soprattutto di intervenire concretamente costruendo rifugi per cani, sterilizzandoli e effettuando microchippature. Ci sono associazioni di volontari che stanno lavorando sul territorio da mesi. I fondi dell’Uefa dovrebbero essere usati per questo non per uccidere gli animali”.
“I fondi statali stanziati per sterilizzare i cani vengono rubati”, ha spiegato il fotoreporter Cisternino, che è anche delegato dell’associazione Oipa “Nel novembre scorso l’Uefa e il ministro dell’Ambiente ucraino hanno promesso che le uccisioni sarebbero finite. Anzi, l’Uefa disse di aver donato soldi per sterilizzare i cani e costruire canili in tutto il Paese. Ma nei giorni successivi non è cambiato niente e i volontari che lavorano sul campo non hanno ricevuto nemmeno un euro”. Anzi, i denari provenienti dall’Europa non avrebbero fatto altro che aumentare la fretta di fare fuori cani e gattiinnescando una spirale che ha portato anche piccoli gruppi di cittadini a farsi giustizia sommaria in strada con mezzi improvvisati.
“In una città come Leopoli non ci sono praticamente più cani”, continua Cisternino, “Io hodocumentato sulla mia pagina Facebook le uccisioni, le fosse comuni, i forni crematori ambulanti. Tutto avviene alla luce del sole, in mezzo alla strada. In un’indifferenza che fino a poco tempo fa sembrava totale. Ora però l’opinione pubblica ucraina sembra sensibile all’argomento e i volontari per porre fine al massacro si stanno moltiplicando”.
La protesta era montata in rete tanto da portare ad un appello per boicottare gli Europei 2012 evitando la visione dei match calcistici in tv: “A parte che io non seguo il calcio, ma dobbiamo agire ora. Quando ci saranno le partite la strage di cani e gatti si sarà già tragicamente esaurita”, conclude Zanoni, “La Ue sta premendo sul governo ucraino e tutti possiamo dare una mano aiutando le associazioni di volontari che lavorano sul campo”.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

My Life. Questa mia vita

  • Drammatico
  • USA
  • durata 114'

Titolo originale My Life

Regia di Bruce Joel Rubin

Con Michael Keaton, Nicole Kidman, Bradley Whitford

My Life. Questa mia vita
altre VISIONI

In streaming su Amazon Prime Video

Ucraina, “i soldi destinati ai bimbi malati di cancro sono stati usati per Euro 2012?

I soldi originariamente destinati alla costruzione di un ospedale pediatrico oncologico, in Ucraina, sono stati dirottati per coprire le spese degli Europei di calcio 2012. Questa la denuncia di diverse Organizzazioni non governative ucraine ed internazionali, tra le quali l’italiana Soleterre , associazione che si occupa proprio di bambini malati di tumore e dei reparti di oncologia e neurochirurgia.
La promessa da parte del governo ucraino era di costruire un reparto di oncologia per permettere il trapianto di midollo da non parenti, presso l’ospedale pediatrico Oxkhmatdyt di Kiev.

Attualmente i piccoli malati per operarsi devono recarsi in altri Paesi e per farlo, i loro genitori sono costretti ad un grande impegno economico. Si legge nella lettera di denuncia delle Ong: “Col decreto governativo numero 433 del 21 maggio 2012, relativo ad alcune modifiche da apporre al programma statale per la preparazione e lo svolgimento della fase finale del Campionato Europeo di Calcio in Ucraina nel 2012, il governo ucraino ha ridotto di 349 milioni di grivne (34,9 milioni di euro circa) le dotazioni del bilancio statale in precedenza allocate all’ospedale pediatrico Oxkhmatdyt, che sono passate da 399 a 50 milioni di grivne. E nello stesso decreto è stato deciso di aumentare le allocazioni destinate a Euro 2012 di 340 milioni di grivne, portando il totale destinato dal governo ucraino agli Europei a quasi 21 miliardi di grivne”.

“La quantità di soldi in ballo non è molta chiara – spiega Natalia Onipko, presidentessa di Zaporuka (una fondazione costituita da Soleterre a Kiev) -, addirittura Kulikov, deputato del partito United Center, ha recentemente dichiarato che il bilancio dello Stato per il 2012 non include fondi per la costruzione di nuovi edifici di Okhmatdyt. E poi scherzando ha aggiunto che qualcuno ha deciso di rubare in anticipo e alla rinfusa”.

Damiano Rizzi, presidente di Soleterre, racconta a Il Fatto Quotidiano: “Il sistema sanitario in Ucraina è collassato due volte, con il crollo dell’Urss e con la tragedia di Chernobyl, i cui enormi danni per la popolazione oltre che fisici, con il drastico aumento dei tumori, sono stati psicologici, con una popolazione paralizzata e spaventata . Poiché manca la possibilità di effettuare le diagnosi – continua Rizzi – i bambini arrivano con tumori in stati avanzati negli ospedali e qui, nelle strutture preposte, mancano i pediatri, le strumentazioni necessarie. I bambini del reparto di neurochirurgia sono ammassati nei corridoi. Ora, per esempio, è finita la chemioterapia: anche negli ospedali pubblici se la può permettere solo chi ha i soldi”.

E’ sotto gli occhi di tutti la dilagante corruzione presente nel Paese e che impedisce di raggiungere un buon livello qualitativo nella sanità ucraina. In questo settore si attuano spessissimo manovre per il riciclaggio di denaro sporco per opera di politici ed amministratori locali insieme a qualche omologo italiano.

Il problema è così grave che l’Unione Europea ha attivato specifici programmi in Ucraina per la lotta alla corruzione, proprio in ambito sanitario. Impact, un dipartimento dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha messo sotto controllo diversi laboratori ucraini sospettati di produrre farmaci falsi i quali verrebbero poi acquistati dal Ministero della Sanità. Per quanto riguarda la corruzione il Presidente di Soleterre dichiara: “Non posso fare nomi, per non mettere in difficoltà tutte le persone che lavorano sul campo. Le ritorsioni sarebbero molto pericolose”.

Le Ong che hanno denunciato la sottrazione di denaro, temono che anche per l’ospedale pediatrico di Oxkhmatdyt si ripeta il vergognoso caso del Children’s Hospital of The Future: megastruttura ospedaliera alla quale era destinato un budget milionario e che non ha mai visto la luce.

Il ministro ucraino Azarov assicura che i soldi non siano stati tolti all’ospedale pediatrico di Oxkhmatdyt, ma solo “prestati” agli Europei. Chissà perché, non ci crede nessuno.
Paola Totaro
http://frontierenews.it/2012/06/ucraina-i-soldi-destinati-ai-bimbi-malati-di-cancro-sono-stati-usati-per-euro-2012/

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Ultimo minuto

  • Drammatico
  • Italia
  • durata 99'

Regia di Pupi Avati

Con Ugo Tognazzi, Elena Sofia Ricci, Diego Abatantuono, Massimo Bonetti

Ultimo minuto

Ecco il film che bisognerebbe far vedere ad inizio campionato.
Commovente storia di un uomo che ha dedicato la vita al calcio e a far salire la squadra del cuore.
Poi è rimasto deluso dalla corruzione dilagante nell'ambiente.
Un film amaro...come amaro sta diventando l'animo di chi ama davvero lo sport e lo vorrebbe pulito!

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No
Ti è stata utile questa playlist? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati