Espandi menu
cerca
Arrival

Regia di Denis Villeneuve vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Enrique

Enrique

Iscritto dal 4 febbraio 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 65
  • Post 3
  • Recensioni 657
  • Playlist 5
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Arrival

di Enrique
8 stelle

https://www.youtube.com/watch?v=rVN1B-tUpgs

 

Arrival è un film palindromo.

Inizia così come finisce.

Una visione circolare delle cose che si riflette nel linguaggio degli alieni.

Nel linguaggio del corpo e degli stati d’animo.

Nella comprensione che consente di trascendere i confini spazio-temporali e che può lì dove l’umano pensiero dominante non arriva. Ma dove arrivano i sentimenti.

L’arma.

Amy Adams

Arrival (2016): Amy Adams

 

A conclusione del film avevo quasi (sottolineo quasi) le lacrime agli occhi (ciò che mi capita di rado).

La verità è che Arrival non è il solito film di fantascienza da invasione aliena.

Arrival usa un linguaggio tutto suo, di nuovo conio per superare le barriere del tempo (e dello spazio), i pregiudizi e le fallacie del potere e creare una dimensione lattiginosa che lenisce l’inquietudine; feconda la Terra; pacifica le coscienze.

Un linguaggio che passa per immagini mai viste prima e per suoni di immemore profondità.

Il soggetto non è dissimile a quello di molti altri film e l’esito è pure scontato. Ancora una volta, poi, è l’incomprensione (collettiva più che individuale) il fattore destabilizzante e scatenante gli eventi. Una dimensione vetusta dove, però, stavolta si inseriscono (per l’appunto) novità dirompenti (per questa tipologia di film sci-fi) capaci di salvare il mondo. Dalla plasticità del tempo, deformato circolarmente, alla potenza iconica di memoria e ricordi. Ma soprattutto la tensione resiliente dei più profondi affetti, che abbatte ogni razionale resistenza e crea un vuoto… colmato dall’amore, tenero; assoluto.

 

 

Arrival è un film palindromo.

Finisce così come inizia.

Una visione circolare degli stati emotivi che si riflette nel linguaggio degli affetti.

Nella consapevolezza che schernisce le leggi dello spazio-tempo e che può lì dove l’umana dilagante debolezza non arriva. Ma dove arriva il cuore.

Il dono.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati