Espandi menu
cerca
La corrispondenza

Regia di Giuseppe Tornatore vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Springwind

Springwind

Iscritto dal 2 gennaio 2016 Vai al suo profilo
  • Seguaci 1
  • Post -
  • Recensioni 49
  • Playlist 2
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La corrispondenza

di Springwind
4 stelle

Più che una storia d'amore, un polpettone melenso e lacrimevole (o morboso?) di cui si poteva benissimo fare a meno

Ancora prima che finiscano i titoli di testa, alla battuta della protagonista: "È tanto tempo che non mi regali la tua canottiera", si dubita di aver scelto il film sbagliato. Dopo una quarantina di minuti, quando la stessa protagonista indossa piangendo una canottiera maschile che le è stata inviata dall'amato ormai defunto, la voglia di scappare dalla sala si fa prepotente. Il film procede così, in bilico tra necrofilia, melodramma passionale in absentia, e divulgazione di astrofisica. Incredibile la macchinazione che regge la trama (così come incredibile era il complotto ordito ai danni del protagonista di "La migliore offerta"); prevedibile l'evoluzione del rapporto della protagonista con la madre e col proprio passato; scontata - e anche datata - la rappresentazione del professore anziano ma affascinante che si innamora riamato della bellissima studentessa; insopportabile il continuo controllare i messaggi sul telefonino della protagonista (e anche se i messaggi vengono dall'aldilà, l'iPhone ogni tanto andrebbe silenziato: è pessima educazione tenere il cellulare acceso a teatro, anche se si attende una chiamata dall'oltretomba). Tutto giocato tra lo schermo cinematografico e quello del computer, il film è una doppia delusione per i/le fan di Jeremy Irons, che appare in non più di venti minuti e nell'ultima scena, la più lunga, sempre di schiena. In ultima analisi, difficile comprendere il senso di questo film, la cui implausibile  vicenda e' sottolineata da una colonna sonora di Morricone che oscilla tra il ridondante e lo stucchevole. Si salvano soltanto alcuni panorami, e le ambientazioni anglosassoni.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati