Espandi menu
cerca
Virgin Mountain

Regia di Dagur Kári vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 132
  • Post 16
  • Recensioni 8989
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Virgin Mountain

di mm40
5 stelle

Islanda. Fusi ha 40 anni, vive con la madre dispotica e possessiva, gioca con i soldatini nel tempo libero e praticamente non ha una vita sociale. Costretto dalla madre a seguire delle lezioni di ballo, conosce una ragazza e se ne innamora. Ma i problemi di lei sono infinitamente maggiori di quelli di lui.

 

Vincitore del Tribeca Film Festival e con un pluripremiato protagonista quale Gunnar Jonsson (miglior attore a Valladolid, Marrakech, Tribeca), Virgin mountain è una storia di ordinaria solitudine nella moderna Islanda, terra all'avanguardia per quanto riguarda questioni sociali ed ecologiche, ma ancora arretrata dal punto di vista della comunicazione umana. Terra fredda, di ghiaccio non solo nei fatti concreti, ma anche nei rapporti fra persone, lontane anche quando vicine; Fusi si rinchiude nel suo piccolo mondo e, a differenza di tutti coloro che puntano il dito contro di lui, sa bastare a sè stesso. Quando prova a comportarsi come gli altri vorrebbero sbaglia sempre, ma paga di tasca propria. Antieroe del tutto privo di fascino, il protagonista di Virgin mountain è inquietante nella sua quiete, lascia perplessi nella sua mancanza di perplessità. Il film, scritto e diretto da Dagur Kari, giunto alla celebrità internazionale nel 2003 con Noi Albinoi, procede a testa bassa, timido come il personaggio che ne è il perno vitale, e senza grandi scosse giunge a una sorta di lieto fine che di lieto ha ben poco, ma che suona come una piccola, grande riscossa per un uomo che nella vita è sempre e solo abituato alle sconfitte - e neppure se ne dà più di tanta pena. Al termine della visione ci si chiede legittimamente se cento minuti di durata fossero necessari. Cast interamente composto da (bravi) attori islandesi, con un Jonsson assolutamente convincente; musiche composte dallo stesso regista. 5/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati