Espandi menu
cerca

La sorgente dell'amore

play

Regia di Radu Mihaileanu

Con Hafsia Herzi, Leïla Bekhti, Zinedine Soualem, Sabrina Ouazani, Malek Akhmiss, Saad Tsouli Vedi cast completo

Guardalo su
  • Chili
  • RakutenTv
  • iTunes
  • iTunes
In STREAMING

Trama

In un villaggio tra l'Africa del Nord e il Medio Oriente, la tradizione vuole che siano le donne a recarsi a prendere l'acqua alla sorgente, anche d'estate, con il sole a picco e tutta quella strada da fare. Leila, una ragazza appena sposata, propone alle sue compagne uno sciopero originale, l'unico che è loro possibile: non faranno più l'amore con i loro mariti fino a che non saranno loro ad andare alla sorgente.

Approfondimento

MARITI IN BIANCO

L’idea per la realizzazione del film è venuta al regista Radu Mihaileanu grazie a una storia accaduta in Turchia nel 2001. In un piccolo villaggio, le donne erano costrette a recarsi in cima a una montagna vicina per prendere l’acqua da una sorgente e trascinare al ritorno il peso dei secchi pieni sulle loro spalle ormai contuse. Come nella Lisistrata di Aristofane, ormai stanche, le donne decisero che era arrivato il momento di porre fine a quella tradizione, che risaliva alla notte dei tempi, proponendosi il cosiddetto “sciopero dell’amore”, rifiutando di concedersi ai loro mariti. In un primo momento, gli uomini avevano sottovalutato le conseguenze della protesta ma con il passare dei giorni la storia è degenerata in violenza, tanto che sono dovute intervenire le autorità giudiziarie.

Da ebreo francese, Mihaileanu non si sentiva però pronto ad affrontare tematiche che conosceva relativamente poco. Avere a che fare con temi dell’Islam o del Corano richiedeva la conoscenza approfondita del materiale da trattare, per evitare i luoghi comuni o di fantasia che spesso si rincorrono nel rappresentare la cultura musulmana. In un primo momento, si è pensato che una regista donna di estrazione araba sarebbe stata ideale per trattare la storia con un punto di vista alternativo. Poiché nessuna sembrava interessata al progetto, Mihaileanu è stato convinto dai suoi produttori a prenderne in mano la regia, imponendosi sin da subito di prendersi tutto il tempo necessario per approfondire la vicenda da vicino, recandosi nel piccolo villaggio a parlar con le donne, in modo da cogliere impercettibili sfumature e differenti punti di vista. Era, inoltre, indispensabile che tutto il film fosse girato in arabo non solo per conferirgli autenticità e musicalità ma anche per fare in modo che i personaggi non parlassero usando l’accento straniero dei vari colonizzatori e ciò ha portato lo stesso regista a cercar di parlare con meno inflessione possibile e a reclutare attori che conoscessero la lingua.

In fase di sceneggiatura, poi, grande aiuto è arrivato sia dalla lettura di un elevato numero di scritti di donne arabe, libri di sociologia e opere sull’Islam, sia dagli incontri con alcuni esponenti di spicco della cultura araba, specializzati nello studio delle condizioni delle donne nella cultura musulmana. Dagli incontri faccia a faccia sono arrivati anche tanti aneddoti che sono finiti dentro al copione, cancellando le convinzioni radicate nella cultura occidentale. Attraverso le ricerche, ad esempio, è venuto fuori che le donne, anche nei villaggi più isolati, hanno accesso alle nuove tecnologie (spesso ancora allo stato rudimentale) ed entrano in contatto con altri stili di vita senza mai però rinnegare le proprie tradizioni. Questo ha fatto sì che la storia da raccontare finisse col diventare uno spaccato delle società orientali contemporanee, senza are indicazioni spazio-temporali, rappresentando tutto l’universo che ruota intorno alle donne, i loro rapporti con gli uomini, con i figli, con i genitori, con le suocere, con il lavoro, con le feste, con la musica e via di seguito.

IL COMITATO CENTRALE

Ogni personaggio del film è legato a biografie di donne realmente vissute in quel villaggio nel corso degli anni. Ad esempio, la vicenda del personaggio di Leila ricorda la storia di una guida turistica che ha sposato una donna di un villaggio diverso, una donna che tutti hanno sempre considerato la “straniera” e che il marito ha sempre difeso. È grazie a questa condizione da outsider, che la vede al centro di due culture – quella del deserto in cui è cresciuta e quella della montagna in cui si è trasferita – e da sempre guardata con occhi diversi, che Leila può guidare la rivolta delle donne senza temere nulla e con la protezione del marito. A Leila è stato affiancato poi il personaggio di Mamma Rifle, su immagine di un’anziana vedova che ha acquisito una certa notorietà per aver denunciato in passato le violenze fisiche e psicologiche del marito e che, non avendolo più tra i piedi, non ha nessuno a cui dover dare conto o ragione delle sue attività. A lei spetta il compito di incarnare la “giustizia della pace” attraverso i canti che intona e che accompagnano la vicenda, condannando le debolezze degli uomini. Attorno a loro, si muovono le donne più militanti, quelle che costituiscono il nucleo del comitato centrale dello sciopero. Sono tutte donne alla ricerca di affetto e attenzione, tanto che si consolano guardando le telenovele messicane o egiziane o si legano in maniera viscerale ai loro animali (come ad esempio Esmeralda che non smette mai di dire “ti amo” ai suoi pappagalli). Grazie al rapporto di amicizia che creano tra loro, trovano anche il tempo per evadere dal loro sciopero e confrontarsi su aspetti più divertenti, come ad esempio i piccoli problemi di natura sessuale. Nonostante gli uomini rappresentino l’altra parte della barricata, il “nemico” da affrontare, nessun personaggio maschile è caratterizzato con tratti del tutto negativi. Esiste una spiegazione, anche se non apparente, alle azioni di ognuno di loro che li fa apparire più umani sia alle donne sia allo spettatore: il fratello di Sami è un gran cafone perché non ha mai trovato il grande amore della sua vita, il figlio di mamma Rifle è diventato un fondamentalista islamico solo per non perdere la faccia, dato che altrimenti non avrebbe potuto trovare i soldi per mantenere la famiglia.

 

 

 

 

INNO ALL’AMORE

Nonostante il tema centrale possa apparire la battaglia dei sessi per il raggiungimento di equi diritti, la colonna portante di tutto il film è l’amore che muove le fila delle azioni delle donne. Lo sciopero dell’amore nasce proprio dall’esigenza di essere riconsiderate e rispettate, in primo luogo, come innamorate. Non è casuale che l’acqua sia al centro della vicenda: molti canti della tradizione araba insegnano infatti che l’uomo deve fornire acqua alle donne, in modo che queste possano continuare ad innaffiarli e farli rinvigorire come si fa con i fiori. Quindi, lo sciopero può anche essere considerato come un’esplicita richiesta tesa a salvaguardare anche il bene degli uomini stessi: se loro non provvedono a recuperare l’acqua dalla sorgente, sul villaggio planerà una siccità che rischia di bruciare anche le loro radici, oltre che far appassire i loro cuori. Come nelle Mille e una notte, le donne riscoprono anche la loro sensualità e la loro sessualità, allontanando il preconcetto rurale secondo cui le mogli non sono altro che madri di figli, portando le protagoniste ad esigere attenzioni anche per il loro piacere fisico e a prendere consapevolezza del proprio corpo, anche attraverso strumenti tipici della cultura araba come la musica e la cucina. Questa riscoperta ed emancipazione è possibile soprattutto all’educazione e alla cultura, ai processi di apprendimento che porterebbero a rompere uno dei tabù dell’Islam: “il dovere dell’essere umano è quello di elevarsi attraverso la conoscenza”, ricorda Leila, sottolineando che in nessuna parte del libro del Corano è indicato che le donne non possono cercare la loro interpretazione dei testi sacri dell’Islam.

 

Note

Tutto si muove nel perimetro di una visione eurocentrica di una banalità suprema. Che incuranti del dibattito in corso sul post colonialismo, Francia e Belgio c’infliggano tale prospettiva del mondo arabo ha dell’incredibile. Come dire che il colonialismo, filtrato dal politicamente corretto, in un mondo dove (orrore!) nessuno è razzista (sarà…), ritorna come kitsch etnico. Nel disastro si salvano solo, ma non significa nulla, la magnifica Leïla Bekhti (Il profeta) e la splendida Hafsia Herzi (Cous cous).

Commenti (4) vedi tutti

  • E’ sempre un piacere, per me, la visione di un film di Radu Mihaileanu, anche quando il regista tratta temi meno legati alle sue origini ebraico-orientali, come Train de vie o Il concerto.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Una favola (che non dev'essere rifugio né lasciapassare) in cui lo stereotipo (non sempre un male) viene risucchiato dall'utopia (non sempre un bene).

    leggi la recensione completa di mck
  • Terribile passo falso per il generalmente brillante Radu Mihaileanu. Stereotipi a go-go e un semplicismo di fondo tanto buonista quanto inutile.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • Si veda: http://www.film.tv.it/film/44740/in-time/opinioni/621631/

    commento di Davide Schiavoni
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

M Valdemar di M Valdemar
4 stelle

Con una trama esile e pretestuosa La sorgente dell'amore s'abbevera delle più stucchevoli e sfruttate fonti dell’insistente e impudente ammiccamento al pubblico, quello “occidentale”, quello bisognoso di rassicurazioni sulle condizioni di vita di certe aree, lontane (non in senso geografico) e dimenticate. Non c’è sincera passione e non c’è realtà in questa pellicola modesta, in… leggi tutto

5 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

supadany di supadany
5 stelle

Radu Mihaileanu ci aveva abituato bene, raccontando storie con un substrato importante e soprattutto facendolo usando tutti i crismi del caso senza scadere nell’abitudinario, purtroppo questa volta intraprende una “battaglia” ragguardevole e di tutto rispetto, ma non trova quell’equilibrio che spesso in passato l’ho ha (giustamente) premiato. In un villaggio del… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

mck di mck
7 stelle

    RICUCIRE UN AMORE.   Opinione di parte, ammaliata e in-giustificata [ho assistito al film un'unica volta, in versione (per larga parte, tranne che durante i canti) doppiata, a ''theatre'', e, cosa che non faccio mai (invece mettere la ''e'' tra due virgole mi capita più spesso), ho scritto un'opinione sul film, questa].   La sorgente/fonte delle FEMMINE,… leggi tutto

4 recensioni positive

2021
2021

Recensione

laulilla di laulilla
8 stelle

  Questo film, che  non è forse all’altezza di quelli, contiene numerosi spunti di riflessione, oltre ad alcuni pregi non secondari: splendore della fotografia; suggestivo ed evocativo senso del colore, pastoso e ricco; ottima direzione delle scene di massa; attenzione all’ aspetto folklorico - ma non folkloristico - dei canti, delle danze e dei…

leggi tutto
Recensione
Utile per 11 utenti
2017
2017
2016
2016
Trasmesso l'8 marzo 2016 su Rsi La1
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2015
2015

Recensione

Utente rimosso (LGiulia) di Utente rimosso (LGiulia)
7 stelle

Mi sono enormemente stupita di vedere commenti così duri legati a questo film. A mio parere, "La sorgente dell'amore" è un film tanto particolare quanto delicato. Il richiamo ad Aristofane, in particolare alla sua commedia "Lisistrata", è palese: le donne decididono di proclamare "lo sciopero dell'amore" a causa dell'aridità che si è impadronita del cuore…

leggi tutto

Giurassico, ma rebooted

End User di End User

No, non ho intenzione di parlarvi di Jurassic World, uscita di punta di questa settimana, ma mi prendo la licenza di usarlo come pre-testo perché il cinema visto in sala lo contesto, a volte lo detesto e quindi…

leggi tutto
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2014
2014

Recensione

supadany di supadany
5 stelle

Radu Mihaileanu ci aveva abituato bene, raccontando storie con un substrato importante e soprattutto facendolo usando tutti i crismi del caso senza scadere nell’abitudinario, purtroppo questa volta intraprende una “battaglia” ragguardevole e di tutto rispetto, ma non trova quell’equilibrio che spesso in passato l’ho ha (giustamente) premiato. In un villaggio del…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
2013
2013

Recensione

marcopolo30 di marcopolo30
3 stelle

Terribile passo falso del finora brillante regista Rumeno-Francese Radu Mihaileanu. Colui che aveva dimostrato con film come “Train de Vie” o “Vai e vivrai” di conoscere bene il tema delle differenze etnico-culturali e -soprattutto- di saperlo trattare in maniera profonda ma comunque leggera, cade qui vittima del semplicismo più buonista, inutile e melenso.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2012
2012

Recensione

TheWarOfEcho di TheWarOfEcho
4 stelle

Nel villaggio di un non precisato punto tra Africa e Medio Oriente, le donne si sono stancate di portare i secchi pieni d'acqua dalla sorgente alla loro casa e decidono pertanto di fare uno "sciopero dell'amore" con i propri mariti per cercare di convincerli a portare loro l'acqua al villaggio. Ora, al di là della trama che sembra presa da una commedia italiana degli anni '70, il film è più…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

luisasalvi di luisasalvi
10 stelle

“Dans certains chants arabes traditionnels, on dit que l'homme doit "arroser" la femme, comme si la femme était une fleur. Ou une terre fertile. Et les femmes demandent aux hommes de ne pas oublier de les arroser – autrement dit, de ne pas les négliger et de continuer à les regarder. Etant donné que l'homme n'apporte pas l'eau au village, il ne peut plus les arroser. La sécheresse qui…

leggi tutto
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti

Recensione

mck di mck
7 stelle

    RICUCIRE UN AMORE.   Opinione di parte, ammaliata e in-giustificata [ho assistito al film un'unica volta, in versione (per larga parte, tranne che durante i canti) doppiata, a ''theatre'', e, cosa che non faccio mai (invece mettere la ''e'' tra due virgole mi capita più spesso), ho scritto un'opinione sul film, questa].   La sorgente/fonte delle FEMMINE,…

leggi tutto

Recensione

nibbio di nibbio
6 stelle

Dopo le recensioni lette qui e non solo mi aspettavo un film non solo brutto, ma anche noiosissimo. Invece noioso non è  e neanche tanto brutto, è un fantasy, non di quelli con effetti speciali a gogo, ma semplicemente la storia di un mondo inventato. Abbastanza gradevole, ma finto e con bravi attori.

leggi tutto

Recensione

leporello di leporello
2 stelle

Bannare per sempre Mihaileanu dalla lista dei registi. Con Train de Vie aveva pescato il jolly, ma dopo tre film è chiaro che si era trattato di un bluff. Tanta banalità è anche sopportabile in certi casi, perchè per esempio c'è la banalità intelligente, quella spiritosa, quella per le anime semplici..... Questa di questo film è banalità stupida, sciocca, quasi irrispettosa non solo…

leggi tutto

Recensione

M Valdemar di M Valdemar
4 stelle

Con una trama esile e pretestuosa La sorgente dell'amore s'abbevera delle più stucchevoli e sfruttate fonti dell’insistente e impudente ammiccamento al pubblico, quello “occidentale”, quello bisognoso di rassicurazioni sulle condizioni di vita di certe aree, lontane (non in senso geografico) e dimenticate. Non c’è sincera passione e non c’è realtà in questa pellicola modesta, in…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito