Espandi menu
cerca
Anamorph. I ritratti del serial killer

Regia di Henry Miller vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 226
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Anamorph. I ritratti del serial killer

di FilmTv Rivista
4 stelle

Thomas De Quincey è stato il primo a dichiarare l’omicidio una delle belle arti. E nessuno più del detective Stan Aubrey (Willem Dafoe) ne è convinto. Dopo aver risolto il caso di zio Eddy, vorrebbe dedicarsi all’insegnamento e all’antiquariato. Un omicida seriale, che ne ammira le doti e il senso estetico che sconfina nell’ossessione, lo elegge interlocutore privilegiato delle sue creazioni, costruite sulla frammentazione del punto di vista da ricomporre attraverso un gioco prospettico. Smembrando corpi e riassemblandoli come nei grotteschi trompe l’oeil di Arcimboldo, il killer non cerca un pubblico ma un critico. Livido e glaciale, Anamorph non è il classico serial thriller di fine stagione. Disperatamente autoriale, il film cita alla lettera le tecniche pittoriche di Francis Bacon (dagli sbaffi di luce che deformano i corpi al buio verdastro che opprime gli ambienti), ma non riesce a capitalizzare la tensione letargica, come da overdose di barbiturici, che evoca. Frettoloso nel chiudere (ingerenze produttive?), il film non sfrutta le sue malsane premesse e lo spleen di una New York colta in tutto il suo grigiore umido da crepuscolo eterno. Peccato, perché questo tempo degli assassini diretto da Henry Miller vanta potenzialità inespresse.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 27 del 2009

Autore: Giona A. Nazzaro

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati