Espandi menu
cerca
A Serious Man

Regia di Ethan Coen, Joel Coen vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 219
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su A Serious Man

di FilmTv Rivista
8 stelle

L’acida ironia dei fratelli Coen in A Serious Man supera le vette della commedia e si tinge di crudeltà nella storia di un uomo che vede ogni suo gesto di serietà e gentilezza trasformarsi in boomerang. Larry Gopnik (Michael Stuhlbarg) è un professore di fisica in una cittadina del Midwest, anno 1967, e vive la vigilia della stagione delle rivolte in una condizione simmetrica a quella del Grande Lebowski, pieno di rimpianti per il “flower power“. Larry è immerso in un mondo che non gli appartiene e che lo espelle sistematicamente, ha troppi principi, è buono, comprensivo, morale. Il film è tutto dentro l’universo yiddish, dentro una cabala impazzita, che non dà pace al povero professore assediato dalla sfortuna. Se rifiuta una mazzetta da uno studente coreano, eccolo incastrato in un gioco perverso di ricatti, se è comprensivo con la moglie Judith (Sari Lennick), ecco che lei chiede il «divorzio rituale» per risposarsi nella fede con un omone fastidioso, Sy Ableman (Fred Melamed)... La cattedra all’università è minacciata da lettere diffamatorie, il figlio svitato si fa di spinelli e di Jefferson Airplane, la figlia non fa che lavarsi i capelli e lamentare la presenza ingombrante dello zio Arthur (Richard Kind), ospite sgradito, maniaco del gioco delle probabilità. E via verso la catastrofe. Il sorriso si gela a ogni disavventura di Larry Gopnik che non trova conforto neppure nell’incontro con i tre rabbini della comunità, incapaci di indirizzarlo sulla giusta via per diventare un mensch, una persona onorevole e integra. In realtà, Larry lo è già ma è considerato soltanto un debole e un perdente. La sua lingua di riferimento, la spiritualità ebraica si perde nel frastuono dell’auricolare che macina Somebody to Love perfino nell’orecchio del più vecchio e saggio rabbino. Anche la fuga erotica con una vicina che prende il sole nuda diventerà un incubo persecutorio e quando Larry sembra giunto alla fine della sua odissea, non ha più nulla da perdere, ecco la telefonata allarmata del suo medico e l’ombra minacciosa di un tifone all’orizzonte. La comicità yiddish si polverizza e lascia solo macerie.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 48 del 2009

Autore: Mariuccia Ciotta

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati