Trama

Estate su un'isola della Bretagna. Lili, una giovane attrice, lascia Julien, un ragazzo che studia per diventare regista di cui è innamorata Jeanne-Marie, per gettarsi tra le braccia di Brice, un regista affermato. Quest'ultimo lascia allora Mado, un'attrice che gli rimane fedele.

Note

Ci sono il Cechov del _Gabbiano_, il Truffaut di _Effetto notte_, un briciolo di Claude Sautet, conflitti aperti e insidie nascoste, discussioni affabili e inevitabili scontri (cos'è il vero cinema), impegnative dichiarazioni artistiche ed esperimenti fallimentari. Il film ha un'aria vecchiotta, però la Lili di Ludivine Sagnier...

Commenti (2) vedi tutti

  • Il film era partito benissimo,subito anche un bel nudo della Sagnier che illumina tutto il film,ma poi si perde in tanti rivoli inconsistenti e viaggia verso un finale banale e vagamente irreale.Bella fotografia,ma non basta.

    commento di ezio
  • sembra la trasposizione cinematografica di dowson's creek.sceneggiatura insulsa,attori cani,lasciamo perdere il doppiaggio italiano.veramente inutile la sua esistenza.

    commento di andystarsailor
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

LReno di LReno
6 stelle

Liberamente ispirato da Cechov, un film che vive di dualismi e contrasti. I personaggi sono credibili anche se tendono talvolta a restare prigionieri di se stessi diventando prevedibili. La Lili del titolo è doppiata con lo stesso calore della signorina che ci dice "inserire il biglietto" nelle casse self-service dei caselli autostradali. Molto belli gli esterni. leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

hupp2000 di hupp2000
8 stelle

Voto 7. Non è certamente un film che lascerà il segno, ma il mio giudizio è globalmente positivo. Il ritmo è qua e là un po’ lento, ma si parla di sentimenti e di relazioni umane come facciamo un po’ tutti, l’ambientazione è gradevole, i personaggi credibili. Resta vero che il doppiaggio del film è un disastro: la lettura dei testi (non si può parlare di recitazione) sembra… leggi tutto

1 recensioni positive

2020
2020
2013
2013

"Like A Rolling Stone"

VeniceKrystel di VeniceKrystel

C’è un vortice di vuoto che travolge, vissuto sino alla fine. Si è disposti a tutto per non “sentire”. C’erano le premesse, ma troppe aspettative e ambizioni distruggono la creatività, e misurarsi con menti…

leggi tutto
2012
2012
2008
2008
2007
2007
Trasmesso il 13 settembre 2007 su Rai Movie
Trasmesso il 5 giugno 2007 su Rai Movie
Trasmesso il 24 aprile 2007 su Rai Movie
Trasmesso il 16 aprile 2007 su Rai Movie
Trasmesso il 22 febbraio 2007 su Rai Movie
Trasmesso il 13 febbraio 2007 su Rai Movie
Trasmesso il 4 gennaio 2007 su Rai Movie
Trasmesso il 3 gennaio 2007 su Rai Movie
2006
2006

Recensione

hupp2000 di hupp2000
8 stelle

Voto 7. Non è certamente un film che lascerà il segno, ma il mio giudizio è globalmente positivo. Il ritmo è qua e là un po’ lento, ma si parla di sentimenti e di relazioni umane come facciamo un po’ tutti, l’ambientazione è gradevole, i personaggi credibili. Resta vero che il doppiaggio del film è un disastro: la lettura dei testi (non si può parlare di recitazione) sembra…

leggi tutto
Recensione
Trasmesso il 17 dicembre 2006 su Rai Movie
Trasmesso il 10 dicembre 2006 su Rai Movie
Trasmesso il 9 dicembre 2006 su Rai Movie
2005
2005

Recensione

LReno di LReno
6 stelle

Liberamente ispirato da Cechov, un film che vive di dualismi e contrasti. I personaggi sono credibili anche se tendono talvolta a restare prigionieri di se stessi diventando prevedibili. La Lili del titolo è doppiata con lo stesso calore della signorina che ci dice "inserire il biglietto" nelle casse self-service dei caselli autostradali. Molto belli gli esterni.

leggi tutto
Recensione
2004
2004

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
6 stelle

Il cinema francese non passa un gran momento. È lì che rigira intorno ai soliti motivi, sta in surplace su certi suoi luoghi comuni, a noi cisalpini sembra troppo uguale a se stesso. E poi sentite se si può presentare un film (sul catalogo di Cannes, dove era in concorso) con queste domande: «Si può conciliare la propria vita di uomo e di donna e aver successo nel cinema? Si può scegliere…

leggi tutto
Recensione
Uscito nelle sale italiane il 19 gennaio 2004
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito